Cos’è la sindrome dell’abbandono?

La paura dell’abbandono è un fenomeno complesso che può derivare da una varietà di esperienze evolutive, inclusa la perdita o il trauma. Questa paura è stata studiata da una varietà di prospettive.

Le teorie alla base del motivo per cui si verifica la paura dell’abbandono includono interruzioni nel normale sviluppo di determinate capacità cognitive ed emotive, sfide con relazioni passate e altre esperienze sociali e di vita problematiche.

Sebbene non sia una fobia ufficiale, la paura dell’abbandono è probabilmente una delle paure più comuni e dannose di tutte. Le persone con la paura dell’abbandono possono tendere a mostrare comportamenti e schemi di pensiero che influenzano le loro relazioni.

In definitiva, affrontare in modo disadattivo questa paura può portare all’abbandono che temono diventi una realtà. Di conseguenza, questa paura può essere devastante. Comprendere la paura dell’abbandono è il primo passo per risolverla.

Perché succede?

Si pensa che i nostri comportamenti e azioni nelle relazioni attuali siano il risultato di vecchie paure e concetti appresi che si verificano durante l’infanzia. Ci sono molte teorie che tentano di capire la paura dell’abbandono.

Costanza dell’oggetto

Nella teoria delle relazioni oggettuali , una propaggine dell’analisi freudiana , un “oggetto” nella propria mente è o una persona, una parte di una persona, o qualcosa che in qualche modo simbolizza l’uno o l’altro. La costanza dell’oggetto è il concetto che anche quando non siamo in presenza fisica di quella persona, la nostra esperienza di essa non cambia fondamentalmente.

Questo è legato all’idea di ” permanenza dell’oggetto ” studiata per la prima volta dallo psicologo dello sviluppo Jean Piaget . I bambini imparano che gli oggetti continuano ad esistere anche quando non vengono vissuti direttamente.

La costanza dell’oggetto si sviluppa generalmente prima dei 3 anni. Man mano che i bambini crescono e maturano, i periodi di separazione si allungano e sono spesso generati dal bambino mentre, ad esempio, va a scuola o trascorre il fine settimana a casa di un amico. Un bambino con una buona costanza oggettuale comprende che le relazioni importanti non sono danneggiate dal tempo che separa.

La costanza dell’oggetto può essere interrotta da eventi traumatici. La morte o il divorzio sono cause comuni, ma anche situazioni che sembrano relativamente poco importanti per gli adulti coinvolti possono influenzare lo sviluppo di questa comprensione critica.
Ad esempio, i bambini con genitori nell’esercito, quelli i cui genitori hanno poco tempo da trascorrere con loro e quelli con genitori negligenti possono anche essere a rischio di costanza dell’oggetto interrotta.

Archetipi e mitologia

La mitologia è piena di storie di amanti abbandonati o rifiutati, principalmente donne che dedicano tutto se stesse ai loro partner solo per essere lasciate indietro quando l’amante parte alla conquista del mondo.

Alcuni psicologi, come Carl Jung , sostengono che questi miti e leggende siano diventati parte del nostro inconscio collettivo. Ad un certo livello primordiale, abbiamo interiorizzato certi archetipi e storie e li abbiamo resi parte della nostra visione del mondo condivisa.

Ognuno di noi ha anche un mito personale, uno che non è condiviso con gli altri ma risiede nel profondo del nostro essere. Secondo Jung, questo mito personale è costituito dalle nostre interpretazioni dell’inconscio collettivo attraverso i filtri delle nostre stesse esperienze.

In questa prospettiva, la paura dell’abbandono è collegata a questi miti universali ma varia in gravità secondo i nostri ricordi personali.

Esperienze precedenti

Quando siamo adulti, la maggior parte di noi ha attraversato alcuni cambiamenti significativi: la morte di una persona cara, il trasferimento di un amico, la fine di una relazione, il passaggio dal liceo all’università, al matrimonio e alla genitorialità. Sebbene la maggior parte di noi si adatti alle mutevoli circostanze, non è raro rimanere bloccati da qualche parte nel processo di lutto per ciò che era una volta.

Se hai subito un abbandono improvviso e traumatico, come la perdita di qualcuno a causa della violenza o della tragedia, potresti essere maggiormente a rischio di sviluppare questa paura.

Segni di una paura dell’abbandono

Milioni di persone lottano con la paura. Quando si tratta di relazioni, i comportamenti derivanti dalla paura dell’abbandono possono potenzialmente includere:

  • Legarsi immediatamente a persone conosciute da poco, anche a partner evidentemente non disponibili
  • Non impegnarsi mai completamente, avere pochissime relazioni durature
  • Saltare velocemente da una relazione all’altra, per assicurarsi di non affezionarsi troppo
  • Tendere a compiacere gli altri
  • Avere relazioni sessuali non desiderate
  • Restare incastrati in relazioni, anche se non sane
  • Sperimentare difficoltà nel vivere l’intimità emotiva
  • Sentirsi insicuri e indegni d’amore
  • Avere difficoltà a fidarsi degli altri
  • Provare spesso gelosia
  • Sperimentare intensi vissuti di ansia da separazione
  • Provare frequentemente ansia e depressione
  • Tendere a rimuginare per provare a capire significati nascosti
  • Essere ipersensibili alle critiche
  • Indugiare in vissuti di autocolpevolizzazione

Effetto sulle relazioni

La paura dell’abbandono è altamente personalizzata. Alcune persone hanno solo paura di perdere un partner romantico. Altri temono l’abbandono in altre relazioni.

Per spiegare meglio come gli individui con paura dell’abbandono possono navigare in una relazione, ecco un esempio di come una relazione tipica può iniziare ed evolversi. Questo esempio è particolarmente vero per le relazioni romantiche, ma ci sono molte somiglianze anche nelle amicizie strette.

Conoscersi l’uno con l’altro

A questo punto ti senti relativamente al sicuro. Non sei ancora emotivamente coinvolto nell’altra persona. Quindi continui a vivere la tua vita mentre ti godi il tempo con la persona che hai scelto.

Fase luna di miele

Questa fase si verifica quando si effettua la scelta di eseguire il commit. Sei disposto a trascurare possibili bandiere rosse o gialle perché vai così d’accordo. Inizi a passare molto tempo con l’altra persona; e ti diverti sempre. Inizi a sentirti sicuro.

Relazione reale

La fase della luna di miele non può durare per sempre. Non importa quanto bene due persone vadano d’accordo, la vita reale interviene sempre. Le persone si ammalano, hanno problemi familiari, iniziano a lavorare in orari difficili, si preoccupano dei soldi e hanno bisogno di tempo per fare le cose.

Sebbene questo sia un passo molto normale e positivo in una relazione, può essere terrificante per coloro che hanno paura dell’abbandono e che potrebbero vederlo come un segno che l’altra persona si sta allontanando. Se hai questa paura, probabilmente stai combattendo con te stesso e stai cercando molto duramente di non esprimere le tue preoccupazioni per paura di apparire appiccicoso.

Fine della luna di miele

Le persone sono umane. Hanno stati d’animo e cose nelle loro menti. Indipendentemente da quanto si preoccupino per qualcun altro, non possono e non dovrebbero aspettarsi di avere sempre quella persona in prima linea nella loro mente.

Soprattutto una volta che il periodo della luna di miele è finito, è inevitabile che accada un apparente distacco. Questo spesso assume la forma di un messaggio di testo senza risposta, una telefonata senza risposta o una richiesta per alcuni giorni di tempo da solo.

La reazione

Per chi ha paura dell’abbandono, questo è un punto di svolta. Se hai questa paura, probabilmente sei completamente convinto che il leggero sia un segno che il tuo partner non ti ama più. Quello che succede dopo è quasi interamente determinato dalla paura dell’abbandono, dalla sua gravità e dallo stile di coping preferito del malato.

Alcune persone gestiscono questo diventando appiccicose ed esigenti, insistendo sul fatto che il loro partner dimostri loro l’amore facendo i salti mortali. Altri scappano, rifiutando i loro partner prima che vengano respinti. Tuttavia, altri sentono che l’offesa è colpa loro e tentano di trasformarsi nel “partner perfetto” nel tentativo di impedire all’altra persona di andarsene.

In realtà, l’offesa molto probabilmente non è affatto un’offesa. In poche parole, a volte le persone fanno cose che i loro partner non capiscono.
In una relazione sana , il partner può riconoscere la situazione per quello che è, una reazione normale che ha poco o nulla a che fare con la relazione. Oppure possono sentirsi sconvolti da questo, ma affrontarlo con una discussione calma o una breve discussione. Ad ogni modo, una singola offesa percepita non diventa un’influenza dominante sui sentimenti del partner.

Il punto di vista del partner

Dal punto di vista del tuo partner, il tuo improvviso cambiamento di personalità sembra provenire dal campo sinistro. Se il tuo partner non soffre di paura dell’abbandono, probabilmente non ha la minima idea del motivo per cui il suo partner precedentemente fiducioso e rilassato si comporta improvvisamente appiccicoso ed esigente, soffocandolo con l’attenzione o allontanandosi del tutto.

Simile alle fobie, è impossibile semplicemente parlare o ragionare qualcuno per paura dell’abbandono. Non importa quante volte il tuo partner cerchi di rassicurarti, semplicemente non sarà sufficiente. Alla fine, i tuoi modelli di comportamento e le tue reazioni inconsolabili potrebbero allontanare il tuo partner, portando alla conclusione che temi di più.

Strategie di coping

Se la tua paura è lieve e ben controllata, potresti essere in grado di gestirla semplicemente informandoti sulle tue tendenze e imparando nuove strategie comportamentali. Per la maggior parte delle persone, tuttavia, la paura dell’abbandono è radicata in problemi profondi che sono difficili da svelare da soli.

L’assistenza professionale è spesso necessaria per superare questa paura e cambiare veramente i tuoi pensieri e comportamenti.
Sebbene trattare la paura in sé sia ​​fondamentale, è anche essenziale costruire un sentimento di appartenenza. Piuttosto che concentrare tutta la tua energia e devozione su un unico partner, concentrati sulla costruzione di una comunità. Nessuna persona può risolvere tutti i nostri problemi o soddisfare tutti i nostri bisogni. Ma un solido gruppo di diversi amici intimi può svolgere un ruolo importante nella nostra vita.

Molte persone con la paura dell’abbandono affermano di non essersi mai sentite come se avessero una “tribù” o un “branco” quando crescevano. Per qualsiasi motivo, si sentivano sempre “altro” o disconnessi da coloro che li circondavano. Ma la buona notizia è che non è mai troppo tardi.

Qualunque sia la tua fase attuale della vita, è importante circondarsi di altre persone che la pensano allo stesso modo. Fai un elenco dei tuoi attuali hobby, passioni e sogni. Quindi trova altri che condividono i tuoi interessi.

Sebbene sia vero che non tutti coloro che condividono un interesse diventeranno amici intimi, gli hobby e i sogni sono un ottimo trampolino di lancio verso la costruzione di una solida rete di supporto. Lavorare sulle tue passioni aiuta anche a costruire la fiducia in te stesso e la convinzione di essere abbastanza forte da far fronte a qualunque cosa la vita ti metta sulla tua strada.

Sindrome dell’abbandono | Lo Specialista

  • Contatta lo psicologo
  • Contatta lo psicoterapeuta

Fonti: VeryWellMind,

  1. Schoenfelder EN, Sandler IN, Wolchik S, Mackinnon D. Qualità delle relazioni sociali e sviluppo della depressione nei giovani con genitori in lutto . J Gioventù Adolesc . 2011;40(1):85-96. doi:10.1007/s10964-009-9503-z
  2. Associazione americana per l’ansia e la depressione. Fatti e statistiche .
  3. Willis M, Nelson-Gray RO. Tratti del disturbo borderline di personalità e compliance sessuale: una paura della manipolazione dell’abbandono . Personalità e differenze individuali . 2017;117:216-220. doi:10.1016/j.paid.2017.06.012