Che cos’è l’intelligenza emotiva?

L’intelligenza emotiva (EI) si riferisce alla capacità di percepire, controllare e valutare le emozioni. Alcuni ricercatori suggeriscono che l’intelligenza emotiva può essere appresa e rafforzata, mentre altri sostengono che sia una caratteristica innata.

La capacità di esprimere e controllare le  emozioni  è essenziale, ma lo è anche la capacità di comprendere, interpretare e rispondere alle emozioni degli altri. Immagina un mondo in cui non potresti capire quando un amico si sentiva triste o quando un collega era arrabbiato. Gli psicologi si riferiscono a questa capacità come intelligenza emotiva e alcuni esperti suggeriscono addirittura che può essere  più importante del QI  nel tuo successo complessivo nella vita.

Come si misura l’intelligenza emotiva

Sono emerse diverse valutazioni per misurare i livelli di intelligenza emotiva. Tali test generalmente rientrano in uno dei due tipi seguenti: test di autovalutazione e test di abilità.

I test di autovalutazione sono i più comuni perché sono i più facili da amministrare e valutare. In tali test, gli intervistati rispondono a domande o affermazioni valutando i propri comportamenti. Ad esempio, su un’affermazione come “Spesso sento di capire come si sentono gli altri”, un candidato potrebbe descrivere l’affermazione come in disaccordo, in qualche modo in disaccordo, d’accordo o fortemente d’accordo.

I test di abilità, d’altra parte, implicano che le persone rispondano alle situazioni e quindi valutino le loro abilità. Tali test spesso richiedono alle persone di dimostrare le proprie capacità, che vengono poi valutate da una terza parte.

Se stai facendo un test di intelligenza emotiva somministrato da un professionista della salute mentale, ecco due misure che potrebbero essere utilizzate:

  • Il test di intelligenza emotiva Mayer-Salovey-Caruso (MSCEIT) è un test basato sulle abilità che misura i quattro rami del modello EI di Mayer e Salovey. I candidati svolgono compiti progettati per valutare la loro capacità di percepire, identificare, comprendere e gestire le emozioni.
  • L’inventario delle competenze emotive e sociali (ESCI)  si basa su uno strumento più vecchio noto come Questionario di autovalutazione e prevede che persone che conoscono le valutazioni individuali di offerta delle abilità di quella persona in diverse competenze emotive diverse. Il test è progettato per valutare le abilità sociali ed emotive che aiutano a distinguere le persone come leader forti.

Ci sono anche molte risorse online più informali, molte delle quali gratuite, per indagare sulla tua intelligenza emotiva.

Le Componenti dell’Intelligenza Emotiva

I ricercatori suggeriscono che ci sono quattro diversi livelli di intelligenza emotiva tra cui la percezione emotiva, la capacità di ragionare usando le emozioni, la capacità di comprendere le emozioni e la capacità di gestire le emozioni. 

    1. Percezione delle emozioni : il primo passo per comprendere le emozioni è percepirle accuratamente. In molti casi, ciò potrebbe comportare la comprensione di segnali non verbali come il linguaggio del corpo e le espressioni facciali.
    2. Ragionare con le emozioni : il passo successivo prevede l’uso delle emozioni per promuovere il pensiero e l’attività cognitiva. Le emozioni aiutano a dare la priorità a ciò a cui prestiamo attenzione e a cui reagiamo; rispondiamo emotivamente alle cose che attirano la nostra attenzione.
    3. Comprendere le emozioni :  le emozioni che percepiamo possono avere un’ampia varietà di significati. Se qualcuno esprime emozioni di rabbia, l’osservatore deve interpretare la causa della rabbia della persona e cosa potrebbe significare. Ad esempio, se il tuo capo si comporta in modo arrabbiato, potrebbe significare che non è soddisfatto del tuo lavoro, o potrebbe essere perché ha preso una multa per eccesso di velocità mentre andava al lavoro quella mattina o perché ha litigato con il suo partner.
    4. Gestire le emozioni : La capacità di gestire le emozioni in modo efficace è una parte cruciale dell’intelligenza emotiva e di altissimo livello. Regolare le emozioni e rispondere in modo appropriato, così come rispondere alle emozioni degli altri, sono tutti aspetti importanti della gestione emotiva.

I quattro rami di questo modello sono organizzati per complessità con i processi più basilari ai livelli inferiori ei processi più avanzati ai livelli superiori. Ad esempio, i livelli più bassi implicano la percezione e l’espressione di emozioni, mentre i livelli più alti richiedono un maggiore coinvolgimento cosciente e implicano la regolazione delle emozioni.

Impatto dell’intelligenza emotiva

L’interesse per l’insegnamento e l’apprendimento dell’intelligenza sociale ed emotiva è cresciuto negli ultimi anni. I programmi di apprendimento sociale ed emotivo (SEL) sono diventati una parte standard del curriculum per molte scuole.

L’obiettivo di queste iniziative non è solo migliorare la salute e il benessere, ma anche aiutare gli studenti ad avere successo negli studi e prevenire il bullismo. Ci sono molti esempi di come l’intelligenza emotiva possa svolgere un ruolo nella vita quotidiana.

Pensare prima di reagire

Le persone emotivamente intelligenti sanno che le emozioni possono essere potenti, ma anche temporanee. Quando si verifica un evento emotivo altamente carico, come ad esempio arrabbiarsi con un collega, la risposta emotivamente intelligente sarebbe quella di impiegare un po’ di tempo prima di rispondere. Ciò consente a tutti di calmare le proprie emozioni e di pensare in modo più razionale a tutti i fattori che circondano la discussione.

Maggiore autoconsapevolezza

Le persone emotivamente intelligenti non sono solo brave a pensare a come potrebbero sentirsi gli altri, ma sono anche abili a comprendere i propri sentimenti. L’autoconsapevolezza consente alle persone di considerare i molti fattori diversi che contribuiscono alle loro emozioni.

Empatia per gli altri

Una gran parte dell’intelligenza emotiva è essere in grado di pensare ed entrare in empatia con come si sentono le altre persone. Questo spesso implica considerare come reagiresti se ti trovassi nella stessa situazione.

Le persone che hanno una forte intelligenza emotiva sono in grado di considerare le prospettive, le esperienze e le emozioni di altre persone e usano queste informazioni per spiegare perché le persone si comportano in quel modo.

Come usare l’Intelligenza Emotiva

L’intelligenza emotiva può essere utilizzata in molti modi diversi nella vita quotidiana. Alcuni modi diversi per praticare l’intelligenza emotiva includono:

  • Saper accettare critiche e responsabilità
  • Riuscire ad andare avanti dopo aver commesso un errore
  • Poter dire di no quando è necessario
  • Essere in grado di condividere i tuoi sentimenti con gli altri
  • Essere in grado di risolvere i problemi in modi che funzionano per tutti
  • Avere empatia per le altre persone
  • Avere grandi capacità di ascolto
  • Sapere perché fai le cose che fai
  • Non giudicare gli altri

L’intelligenza emotiva è essenziale per una buona comunicazione interpersonale. Alcuni esperti ritengono che questa capacità sia più importante nel determinare il successo nella vita rispetto al solo QI. Fortunatamente, ci sono cose che puoi fare per rafforzare la tua intelligenza sociale ed emotiva.

Comprendere le emozioni può essere la chiave per relazioni migliori, benessere migliorato e capacità di comunicazione più forti. 

Suggerimenti per migliorare l’Intelligenza Emotiva

Essere emotivamente intelligenti è importante, ma quali passi puoi fare per migliorare le tue abilità sociali ed emotive? Ecco alcuni suggerimenti.

Ascoltare

Se vuoi capire cosa provano gli altri, il primo passo è prestare attenzione. Prenditi il ​​tempo necessario per ascoltare ciò che le persone stanno cercando di dirti, sia verbalmente che non verbalmente. Il linguaggio del corpo può avere molti significati. Quando senti che qualcuno si sente in un certo modo, considera i diversi fattori che potrebbero contribuire a quell’emozione.

Empatizzare

Raccogliere le emozioni è fondamentale, ma devi anche essere in grado di metterti nei panni di qualcun altro per capire veramente il loro punto di vista. Esercitati a entrare in empatia con le altre persone. Immagina come ti sentiresti nella loro situazione. Tali attività possono aiutarti a costruire una comprensione emotiva di una situazione specifica e a sviluppare abilità emotive più forti a lungo termine.

Riflettere

La capacità di ragionare con le emozioni è una parte importante dell’intelligenza emotiva. Considera come le tue emozioni influenzano le tue decisioni e i tuoi comportamenti. Quando pensi a come reagiscono le altre persone, valuta il ruolo che giocano le loro emozioni.

Perché questa persona si sente così? Ci sono fattori invisibili che potrebbero contribuire a questi sentimenti? In che modo le tue emozioni differiscono dalle loro? Mentre esplori tali domande, potresti scoprire che diventa più facile capire il ruolo che le emozioni giocano nel modo in cui le persone pensano e si comportano.

Qual è la differenza tra QI ed EQ?

Il tuo QI di solito si riferisce alla tua capacità intellettuale. Alcuni degli elementi più comuni del tuo QI includono la tua capacità di:

  • usa la logica per risolvere i problemi
  • pianificare e fare strategie
  • comprendere idee astratte
  • imparare e adattarsi al cambiamento
  • afferrare e usare il linguaggio

Il tuo quoziente emotivo (EQ) si riferisce generalmente alla tua capacità di percepire le emozioni in te stesso e nelle altre persone. Si riferisce anche a come usi quella consapevolezza per guidare il tuo comportamento. In generale, se hai un EQ alto, potresti trovare più facile:

  • identificare le emozioni in te stesso e negli altri
  • entrare in empatia con le altre persone
  • adatta i tuoi sentimenti e il tuo comportamento alle diverse situazioni
  • controlla i tuoi impulsi
  • resistere alle tentazioni e ritardare la gratificazione
  • risolvere i conflitti con gli altri
  • Comunicare efficacemente

Puoi migliorare il tuo QI ed EQ?

Di nuovo, c’è un certo dibattito tra gli scienziati su questo punto. Alcuni pensano che il QI può essere migliorato. Altri ricercatori diciamo che non esiste un modo preciso per misurare se la tua intelligenza di base è effettivamente migliorata dopo un intervento di qualche tipo.

Anche se è difficile dire esattamente quanto grande impatto avranno questi passaggi, ecco alcune strategie da considerare se vuoi aumentare i tuoi punteggi di EQ e QI.

Sviluppa le tue capacità di problem solving

Prendi in considerazione la possibilità di lavorare con un coach o di seguire corsi online per aumentare le tue capacità di risoluzione dei problemi.

Nel 2019, un gruppo di ricercatori dati rianalizzati da un programma sperimentale condotto alla fine degli anni ’80. Hanno scoperto che dopo che gli studenti hanno ricevuto una formazione sulla risoluzione dei problemi creativa una volta alla settimana per 3 anni, hanno guadagnato circa 15 punti nei test del QI, rispetto ai loro punteggi prima del programma.

La Emory University , la Harvard Extension School e l’ Università del Minnesota offrono tutti corsi di problem solving creativo.

Oppure, se preferisci esercitarti da solo, potresti prendere in considerazione qualche lettura sull’argomento. I ” Thinkertoys ” di Michael Michalko sono una scelta popolare per l’apprendimento delle tecniche di pensiero creativo.

Iscriviti ad un Corso di Formazione per Migliorare l’Intelligenza Emotiva sul Posto di Lavoro

Numerosi studi hanno dimostrato che quando i colleghi partecipano a programmi di formazione relativi all’EI, può aiutare a migliorare il loro:

  • lavoro di squadra
  • capacità di gestione dei conflitti
  • prestazioni di lavoro
  • soddisfazione lavorativa generale

Leggi

Leggere ti dà la possibilità di immergerti nelle esperienze di altre persone, indipendentemente dal fatto che queste persone esistano davvero o siano personaggi di fantasia.

Gli studi dimostrano che la lettura può aiutare a migliorare la tua pensiero sociale competenze, che i ricercatori ritengono importanti per costruire l’empatia.

Pratica attività di inquadramento relazionale

I ricercatori hanno scoperto che quando le persone si esercitano a trovare relazioni tra idee e oggetti, i loro punteggi sulle misure dell’intelligenza generale tendono a migliorare.

Le attività di inquadramento relazionale includono cose come:

  • confrontare e contrapporre immagini e idee
  • sequenziare gli eventi in modelli prima/dopo
  • analizzare gli opposti
  • trovare relazioni tra immagini non correlate

In Conclusione

L’intelligenza ha molti fattori, alcuni dei quali sono collegati alla tua capacità di ragionare e altri alla tua capacità di provare emozioni.

I test del QI misurano la tua capacità di risolvere problemi, utilizzare la logica e afferrare o comunicare idee complesse. I test EQ misurano la tua capacità di riconoscere le emozioni in te stesso e negli altri e di usare quella consapevolezza per guidare le tue decisioni.

Entrambi i tipi di intelligenza possono influenzare le prestazioni lavorative, le relazioni e il benessere generale. Comprendere e sviluppare entrambi i tipi di intelligenza può essere la chiave del successo in molte aree della tua vita.

 

 

Fonti:

  1. VerywellMind
  2. Healthline
  3. Salovey P, Mayer J. Intelligenza emotiva . Immaginazione, cognizione e personalità.  1990;9(3):185-211.
  4. Feist GJ. Una meta-analisi della personalità nella creatività scientifica e artistica . Pers Soc Psychol Rev . 1998;2(4):290-309. doi:10.1207/s15327957pspr0204_5
  5. Côté S, Decelles KA, McCarthy JM, Van kleef GA, Hideg I. Il Jekyll e Hyde dell’intelligenza emotiva: la conoscenza della regolazione delle emozioni facilita il comportamento sia prosociale che interpersonale deviante . Psicologo Sci . 2011;22(8):1073-80. doi:10.1177/0956797611416251
  6. Cassidy S, et al. (2016). Un intervento di formazione delle competenze di cornice relazionale per aumentare l’intelligenza generale e l’attitudine scolastica.
    sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S1041608016300231
  7. Dolean D, et al. (2020). Quanto è affidabile misurare il vero QI di un bambino? Lo status socio-economico può spiegare la maggior parte delle differenze interetniche nelle abilità non verbali generali. 
    ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7438872/
  8. Gilar-corbi R, et al. (2019). L’intelligenza emotiva può essere migliorata? Uno studio sperimentale randomizzato di un programma di formazione EI orientato al business per dirigenti senior. 
    ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6808549/
  9. Haier R. (2014). L’aumento dell’intelligenza è un mito (finora). 
    ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3950413/
  10. Kotsou I, et al. (2019). Migliorare l’intelligenza emotiva: una revisione sistematica del lavoro esistente e delle sfide future. DOI:
    10.1177%2F1754073917735902
  11. Lea R, et al. (2019). L’intelligenza emotiva tampona gli effetti dello stress acuto: una revisione sistematica.
    ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6478766/
  12. Liu J, et al. (2013). Il consumo regolare della colazione è associato ad un aumento del QI nei bambini dell’asilo. 
    ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3606659/
  13. Makaria A, et al. (2016). Effetto dei fattori ambientali sul quoziente intellettivo dei bambini. 
    ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5479093/
  14. O’Connor P, et al. (2019). La misurazione dell’intelligenza emotiva: una revisione critica della letteratura e raccomandazioni per ricercatori e professionisti.
    ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6546921/
  15. Riahi S, et al. (2018). Valutare l’effetto della formazione sull’intelligenza spirituale sulla competenza di assistenza spirituale negli infermieri di terapia intensiva. 
    ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6418341/
  16. Richardson K, et al. (2015). Il QI prevede davvero le prestazioni lavorative? 
    ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4557354/
  17. Richie S, et al. (2018). Quanto incide l’istruzione sull’intelligenza? Una meta-analisi. 
    pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29911926/
  18. Selita F, et al. (2019). Geni e gini: cosa significa la disuguaglianza per l’ereditarietà. 
    pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29388530/
  19. Shearer B. (2018). Intelligenze multiple nell’insegnamento e nell’educazione: lezioni apprese dalle neuroscienze.
    ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6480719/
  20. Stankov L, et al. (2020). Possiamo aumentare il QI: rivisitare l’esperimento di Kvashchev. 
    ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7709590/
  21. Tamir D, et al. (2016). Leggere la fiction e leggere le menti: il ruolo della simulazione nella rete di default. 
    ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4733342/
  22. Urquijo I, et al. (2019). Il contributo dell’intelligenza emotiva al successo professionale: oltre i tratti della personalità. 
    ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6926721/
  23. Van Os J, et al. (2017). Evidenza che l’impatto del trauma infantile sul QI è sostanziale nei controlli, moderato nei fratelli e assente nei pazienti con disturbo psicotico. 
    ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5605269/
  24. Waber D, et al. (2014). QI alterato e abilità accademiche negli adulti che hanno sperimentato malnutrizione infantile da moderata a grave: uno studio quarantennale.
    ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3796166/
  25. Zarch Z, et al. (2014). Il rapporto tra intelligenza emotiva e soddisfazione coniugale: esito a 10 anni di partner di tre diversi livelli economici. 
    ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4361820/