Il Minnesota Multiphasic Personality Inventory (MMPI) è uno dei test psicologici più comunemente usati al mondo.

Il test è stato sviluppato dallo psicologo clinico Starke Hathaway e dal neuropsichiatra JC McKinley, due membri della facoltà dell’Università del Minnesota. È stato creato per essere uno strumento per i professionisti della salute mentale per aiutare a diagnosticare i disturbi di salute mentale.

Dalla sua pubblicazione nel 1943, il test è stato aggiornato più volte nel tentativo di eliminare i pregiudizi razziali e di genere e per renderlo più accurato. Il test aggiornato, noto come MMPI-2, è stato adattato per l’uso in oltre 40 paesi.

Questo articolo esaminerà più da vicino il test MMPI-2, a cosa serve e cosa può aiutare a diagnosticare.

 

Cos’è l’MMPI-2?

L’MMPI-2 è un inventario self-report con 567 domande vero-falso su di te. Le tue risposte aiutano i professionisti della salute mentale a determinare se hai sintomi di una malattia mentale o di un disturbo della personalità .

Alcune domande hanno lo scopo di rivelare come ti senti a fare il test. Altre domande hanno lo scopo di rivelare se sei sincero o se stai segnalando in modo insufficiente o eccessivo nel tentativo di influenzare i risultati del test.

Per la maggior parte delle persone, il completamento del test MMPI-2 richiede dai 60 ai 90 minuti.

 

Esistono altre versioni?

Una versione più breve del test, l’MMPI-2 Restructured Form (RF), ha 338 domande. Questa versione abbreviata richiede meno tempo per essere completata, tra 35 e 50 minuti per la maggior parte delle persone.

I ricercatori hanno anche progettato una versione del test per adolescenti dai 14 ai 18 anni. Questo test, noto come MMPI-A, ha 478 domande e può essere completato in circa un’ora.

Esiste anche una versione più breve del test per adolescenti chiamata MMPI-A-RF. Reso disponibile nel 2016, l’MMPI-A-RF ha 241 domande e può essere completato in 25-45 minuti.

Sebbene i test più brevi richiedano meno tempo, molti medici optano per la valutazione più lunga perché è stata studiata nel corso degli anni.

 

A cosa serve il test MMPI?

I test MMPI vengono utilizzati per diagnosticare i disturbi di salute mentale, ma molti professionisti della salute mentale non si affidano a un singolo test per fare una diagnosi. Di solito preferiscono raccogliere informazioni da molte fonti, comprese le proprie interazioni con la persona sottoposta a test.

L’MMPI deve essere amministrato solo da un amministratore di test addestrato, ma i risultati del test vengono talvolta utilizzati in altre impostazioni.

Le valutazioni MMPI vengono talvolta utilizzate nelle controversie per l’affidamento dei figli, nei programmi di abuso di sostanze, nei contesti educativi e persino negli screening occupazionali.

È importante notare che l’utilizzo dell’MMPI come parte di un processo di qualificazione del lavoro ha causato alcune controversie. Alcuni sostenitori sostengono che viola le disposizioni dell’Americans with Disabilities Act (ADA).

 

Quali sono le scale cliniche MMPI?

Gli elementi di test sull’MMPI sono progettati per scoprire dove ti trovi su dieci diverse scale di salute mentale.

Ogni scala si riferisce a un diverso modello o condizione psicologica, ma c’è molta sovrapposizione tra le scale. In generale, punteggi molto alti possono indicare un disturbo di salute mentale.

Ecco una breve spiegazione di ciò che valuta ciascuna scala.

 

Scala 1: ipocondria

Questa scala contiene 32 elementi ed è progettata per misurare se hai una preoccupazione malsana per la tua salute.

Un punteggio alto su questa scala potrebbe significare che preoccuparsi per la tua salute interferisce con la tua vita e causa problemi nelle tue relazioni.

Ad esempio, una persona con un punteggio di scala 1 alto potrebbe essere incline a sviluppare sintomi fisici che non hanno una causa sottostante, specialmente durante i periodi di forte stress.

Scala 2: depressione

Questa scala, che ha 57 elementi, misura la soddisfazione per la tua vita.

Una persona con un punteggio di scala 2 molto alto potrebbe avere a che fare con depressione clinica o avere frequenti pensieri suicidi .

Un punteggio leggermente elevato su questa scala potrebbe essere un’indicazione che sei chiuso o insoddisfatto delle tue circostanze.

Scala 3: Hysteria

Questa scala di 60 elementi valuta la tua risposta allo stress , inclusi i sintomi fisici e la risposta emotiva all’essere sotto pressione.

Gli studi hanno dimostrato che le persone con dolore cronico possono ottenere punteggi più alti nelle prime tre scale a causa di problemi di salute prolungati e aumentati.

Scala 4: deviazione psicopatica

Questa scala era originariamente destinata a rivelare se stai vivendo una psicopatologia.

I suoi 50 articoli misurano comportamenti e atteggiamenti antisociali , oltre alla conformità o resistenza all’autorità.

Se ottieni un punteggio molto alto su questa scala, potresti ricevere una diagnosi con un disturbo di personalità.

Scala 5: mascolinità / femminilità

Lo scopo originale di questa sezione del test di 56 domande era di ottenere informazioni sulla sessualità delle persone . Deriva da un periodo in cui alcuni professionisti della salute mentale consideravano l’attrazione per lo stesso sesso come un disturbo.

Oggi, questa scala viene utilizzata per valutare la coerenza con cui ti identifichi con le norme di genere.

Scala 6: paranoia

Questa scala, che ha 40 domande, valuta i sintomi associati alla psicosi, in particolare:

  • estremo sospetto di altre persone
  • pensiero grandioso
  • pensiero rigido in bianco e nero
  • sentimenti di essere perseguitati dalla società
    I punteggi più alti su questa scala potrebbero indicare che hai a che fare con un disturbo di psicosi o un disturbo di personalità paranoide .

Scala 7: Psicastenia

Questa scala da 48 elementi misura:

  • ansia
  • depressione
  • comportamenti compulsivi
  • sintomi del disturbo ossessivo-compulsivo (DOC)

Il termine “psicastenia” non è più usato come diagnosi, ma i professionisti della salute mentale usano ancora questa scala come un modo per valutare le compulsioni malsane e le sensazioni dirompenti che provocano.

Scala 8: schizofrenia

Questa scala di 78 voci ha lo scopo di mostrare se hai, o è probabile che tu sviluppi, un disturbo di schizofrenia .

Considera se stai vivendo allucinazioni, delusioni o attacchi di pensiero estremamente disorganizzato. Determina anche in che misura puoi sentirti alienato dal resto della società.

Scala 9: ipomania

Lo scopo di questa scala di 46 elementi è valutare i sintomi associati all’ipomania , tra cui:

  • eccessiva energia non direzionata
  • discorso rapido
  • pensieri di corsa
  • allucinazioni
  • impulsività
  • manie di grandezza
    Se hai un punteggio elevato nella scala 9, potresti avere sintomi associati al disturbo bipolare .

Scala 10: introversione sociale

Una delle aggiunte successive all’MMPI, questa scala di 69 elementi misura l’ estroversione o l’introversione . Questo è il grado in cui cerchi o ti allontani dalle interazioni sociali.

Questa scala considera, tra le altre cose, il tuo:

  • competitività
  • conformità
  • timidezza
  • affidabilità

 

Le scale di validità MMPI-2

Le scale di validità aiutano gli amministratori dei test a capire quanto siano autentiche le risposte di chi effettua il test.

In situazioni in cui i risultati dei test potrebbero avere un impatto sulla vita di una persona, come l’occupazione o la custodia dei figli, le persone potrebbero essere motivate a denunciare eccessivamente, sottovalutare o essere disoneste. Queste scale aiutano a rivelare risposte imprecise.

La “L” o scala delle bugie

Le persone che ottengono un punteggio alto nella scala “L” potrebbero cercare di presentarsi sotto una luce brillante e positiva rifiutandosi di riconoscere i tratti o le risposte che temono possano farli sembrare cattivi.

La scala “F”

A meno che non scelgano risposte casuali, le persone che ottengono un punteggio alto su questa scala potrebbero cercare di sembrare in condizioni peggiori di quanto non siano in realtà.

Questi elementi di prova mirano a rivelare incongruenze nei modelli di risposta. È importante notare che un punteggio alto sulla scala “F” potrebbe anche indicare un grave disagio o psicopatologia.

La scala “K”

Questi 30 elementi di prova si concentrano sull’autocontrollo e sulle relazioni. Hanno lo scopo di rivelare la capacità difensiva di una persona intorno a determinate domande e tratti.

Come la scala “L”, gli elementi sulla scala “K” sono progettati per evidenziare il bisogno di una persona di essere vista positivamente.

La scala CNS

A volte chiamata scala “Impossibile dire”, questa valutazione dell’intero test misura la frequenza con cui una persona non risponde a un elemento del test.

I test con più di 30 domande senza risposta potrebbero essere invalidati.

Le scale TRIN e VRIN

Queste due scale rilevano modelli di risposta che indicano che la persona che ha eseguito il test ha scelto le risposte senza considerare effettivamente la domanda.

In uno schema TRIN (True Response Inconsistency), qualcuno usa uno schema di risposta fisso, come cinque risposte “vere” seguite da cinque risposte “false”.

In un modello VRIN (Varied Response Inconsistency), una persona risponde con “veri” e “falsi” casuali.

La scala Fb

Per rilevare un cambiamento significativo nelle risposte tra la prima e la seconda metà del test, gli amministratori del test esaminano 40 domande nella seconda metà del test che di solito non sono approvate.

Se rispondi “vero” a queste domande 20 volte in più di quanto rispondi “falso”, l’amministratore del test potrebbe concludere che qualcosa distorce le tue risposte.

Potrebbe essere che sei diventato affaticato, angosciato o distratto, o che hai iniziato a fare troppe segnalazioni per un altro motivo.

La scala Fp

Questi 27 elementi di test hanno lo scopo di rivelare se stai intenzionalmente o meno segnalando eccessivamente, il che può indicare un disturbo di salute mentale o un disagio estremo.

La scala FBS

Questi 43 elementi del test, che a volte sono chiamati la scala della “validità dei sintomi”, sono progettati per rilevare intenzionalmente una segnalazione eccessiva dei sintomi. Questo a volte può accadere quando le persone stanno perseguendo richieste di risarcimento per lesioni personali o invalidità.

La scala “S”

La scala Superlative Self-Presentation dà un’occhiata a come rispondi a 50 domande su serenità, contentezza, moralità, bontà umana e virtù come la pazienza. Questo per vedere se potresti distorcere intenzionalmente le risposte per avere un aspetto migliore.

Se sottovaluti 44 delle 50 domande, la scala indica che potresti sentire il bisogno di stare sulla difensiva.

Cosa comporta il test?

L’MMPI-2 ha un totale di 567 elementi di prova e ci vorranno dai 60 ai 90 minuti per completarlo. Se stai usando MMPI2-RF, dovresti aspettarti di spendere tra 35 e 50 minuti per rispondere a 338 domande.

Sono disponibili opuscoli, ma puoi anche sostenere il test online, da solo o in gruppo.

Il test è protetto da copyright dell’Università del Minnesota. È importante che il tuo test venga somministrato e valutato secondo le linee guida ufficiali.

Per essere sicuri che i risultati del test siano interpretati e spiegati accuratamente, è una buona idea lavorare con uno psicologo clinico o uno psichiatra appositamente addestrato in questo tipo di test.

 

Il verdetto finale

L’MMPI è un test ben studiato e rispettato progettato per aiutare i professionisti della salute mentale a diagnosticare disturbi e condizioni di salute mentale.

È un inventario di auto-segnalazione che valuta dove si cade su 10 scale relative a diversi disturbi di salute mentale. Il test utilizza anche scale di validità per aiutare gli amministratori del test a capire come ti senti a fare il test e se hai risposto alle domande in modo accurato e onesto.

A seconda della versione del test che fai, puoi aspettarti di dedicare dai 35 ai 90 minuti per rispondere alle domande.

L’MMPI è un test affidabile e ampiamente utilizzato, ma un buon professionista della salute mentale non farà una diagnosi basata esclusivamente su questo strumento di valutazione.

 

Fonte: Healthline

Bibliografia

Fishbain D, et al. (2006). Dolore cronico e misurazione della personalità: gli stati influenzano i tratti? DOI:
10.1111 / j.1526-4637.2006.00239.x
Interpretazione delle scale di validità MMPI-2. (2015).
upress.umn.edu/test-division/mtdda/webdocs/mmpi-2-training-slides/interpretation-of-mmpi-2-validity-scales
Tinwalla A, et al. (2006). ADA e visite mediche.

jaapl.org/content/34/2/255