Questa pagina contiene annunci di servizi o prodotti che riteniamo utili per i nostri lettori. Scopri il nostro processo di selezione

Il dolore rappresenta uno tra i principali motivi di consultazione medica, tuttavia il dolore cronico è molto diverso dal dolore acuto.

Il dolore acuto è un sistema di allarme indispensabile per l’organismo, che ci dice che c’è un danno che richiede attenzione e deve essere riparato.

Il dolore cronico, d’altro canto, è come una sirena che non funziona correttamente o si attiva quando non è necessario, un po’ come quando suona l’allarme della macchina ogni volta che passa un gatto o soffia il vento.

Curare il dolore cronico efficacemente richiede un approccio multimodale, bisogna trovare la giusta combinazione di ingredienti che sia efficace per il caso specifico.

Sommario

  1. Cos’è il dolore cronico?
  2. Qual è la differenza tra dolore cronico e dolore acuto?
  3. Tipologie Comuni di Dolore Cronico
  4. Quali sono le cause del dolore cronico?
  5. La Diagnosi del Dolore Cronico
  6. Come si cura il dolore cronico?
  7. Terapia farmacologica del dolore cronico non oncologico
  8. Controllare il Dolore Cronico Cambiando Stile di Vita
  9. Fisioterapia per il Dolore Cronico
  10. Il Team Multidiciplinare
  11. In Conclusione

1. Cos’è il dolore cronico?

Il dolore cronico è un dolore che dura per oltre tre mesi. La sensazione dolorosa può essere sempre presente, oppure può andare e venire. Il dolore cronico può colpire qualsiasi parte del corpo .

Inoltre, il dolore cronico può interferire con le attività quotidiane, come lavorare, avere una vita sociale e prenderti cura di te stesso o degli altri. Può portare a depressione, ansia e disturbi del sonno, che possono peggiorare ancora di più la qualità di vita.

2. Qual è la differenza tra dolore cronico e dolore acuto?

Il dolore cronico differisce da un altro tipo di dolore chiamato dolore acuto. Il dolore acuto si verifica quando ti fai male, come un semplice taglio alla pelle o un osso rotto. Non dura a lungo e scompare dopo che il tuo corpo guarisce da qualunque cosa abbia causato il dolore. Al contrario, il dolore cronico continua a lungo dopo che ti sei ripreso da un infortunio o da una malattia. A volte succede anche senza una ragione ovvia.

3. Tipologie Comuni di Dolore Cronico

Il dolore cronico può presentarsi in molte forme diverse e apparire in tutto il corpo. I tipi comuni di dolore cronico includono:

  • Artrite o dolore articolare.
  • Mal di schiena.
  • Dolore al collo .
  • Dolore legato a malattie oncologiche.
  • Mal di testa, compreso l’emicrania .
  • Dolore ai testicoli (orchialgia).
  • Dolore duraturo nel tessuto cicatriziale.
  • Dolore muscolare diffuso (come nella fibromialgia).
  • Dolore neuropatico, da danni ai nervi o ad altre parti del sistema nervoso.

4. Quali sono le cause del dolore cronico?

A volte il dolore cronico ha una causa specifica e definita, come una malattia di lunga durata che può causare dolore continuo.

Lesioni e malattie possono anche causare cambiamenti all’organismo che possono aumentare la sensibilità al dolore. Questi cambiamenti possono rimanere in vigore anche dopo la guarigione o il recupero dalla malattia. Infortuni come una distorsione, un osso rotto o una breve infezione possono lasciarti con sintomi da dolore cronico.

Al contrario, in alcuni casi il dolore cronico che non è legato a un infortunio o a una malattia fisica. In questi casi si può parlare di una dolore psicosomatico, causato da fattori psicologici come stress, ansia e depressione.

Molto spesso, diverse cause di dolore si possono sovrapporre.

5. La Diagnosi del Dolore Cronico

Il primo passo fondamentale è distinguere tra dolore neuropatico cronico e dolore nocicettivo. Nel primo caso si tratta di dolore cronico che origina come diretta conseguenza di una lesione o malattia che interessa il sistema somato-sensoriale. Nel caso del dolore nocicettivo

Quali test vengono utilizzati per diagnosticare il dolore cronico?

Nella valutazione delle cause del dolore cronico, il medico potrebbe richiedere i seguenti esami:

  • Analisi del sangue.
  • Elettromiografia per testare l’attività muscolare.
  • Test di imaging, come raggi X e risonanza magnetica.
  • Studi sulla conduzione nervosa per vedere se i tuoi nervi reagiscono correttamente.
  • Test di riflesso ed equilibrio.
  • Esami del liquido spinale.
  • Esami delle urine.

6. Come si cura il dolore cronico?

Il trattamento del dolore cronico deve necessariamente partire dalla raccolta della storia medica del paziente. L’anamnesi serve quindi a capire le caratteristiche del dolore, a riconoscere dove è localizzato e dove si irradia o si diffonde, ma anche a rilevare l’intensità del sintomo, a definirne gli aspetti temporali, le sue esacerbazioni, tutti elementi, questi, che aiutano definire il trattamento più efficace del dolore cronico.

L’approccio dipende da molti fattori, tra cui:

  • La tipologia del dolore
  • La causa del dolore, qualora sia identificabile
  • L’età del paziente e il suo generale stato di salute

I migliori piani di trattamento utilizzano una varietà di strategie, inclusi farmaci, cambiamenti nello stile di vita e  fisioterapia.

Se soffri di dolore cronico in associazione a sintomi di malessere psicologico come ansia e depressione,  è importante cercare anche un trattamento anche per le condizioni di salute mentale. I sintomi di malessere psicologico possono peggiorare il dolore cronico.

7. Terapia farmacologica del dolore cronico non oncologico

Secondo le linee guida pubblicate dal Ministero della Salute, le indicazioni farmacologiche per il dolore cronico si differenziano in base alla tipologia e all’intensità del dolore Linee GuidaDolore Cronico e Medicina Generale.

Dolore lieve-moderato: i farmaci analgesici di prima scelta

  • Analgesici periferici antinfiammatori possono essere utilizzati in fase di valutazione e per brevi periodi in numerose sindromi algiche in cui prevale un processo infiammatorio. La lunga durata d’azione ne consiglia la somministrazione giornaliera.
    • Paracetamolo: al giusto dosaggio (1 g x 3/die) rappresenta l’analgesico di prima scelta soprattutto nelle forme di dolore lieve e continuo.
    • Paracetamolo-codeina: spesso sottodosato; richiederebbe dosaggi di 2 cpr x 3/die.
    • Tramadolo e associazione paracetamolo-tramadolo

Dolore moderato-grave: i farmaci analgesici di prima scelta

In pazienti con dolore moderato-grave l’impiego dei farmaci oppiacei è fondamentale e deve essere personalizzato per ciascun paziente. Tipo di oppiaceo, dosaggio e formulazione dovrebbero essere valutati di volta in volta.
È noto come nel dolore cronico la risposta al farmaco oppiaceo sia particolarmente soggettiva, così come la comparsa di effetti collaterali indesiderati talvolta intollerabili. La collaborazione con il Medico di Medicina Generale e lo specialista del dolore è auspicabile per poter
garantire la continuità di cura e ovviamente il successo terapeutico con il minimo rischio.

Una volta costruito un piano terapeutico con i farmaci analgesici, è sicuramente opportuno valutare la sinergia e la complementarità dei cosiddetti farmaci adiuvanti come carbamazepine e oxcarbazepina, antidepressivi triciclici e anestetici locali (lidocaina).

Altri trattamenti medici invasivi che possono essere valutati includono:

  • Stimolazione nervosa elettrica transcutanea (TENS) : questa procedura fornisce piccoli shock attraverso cerotti sulla pelle. Gli impulsi elettrici possono alleviare il dolore.
  • Blocchi nervosi : per questo trattamento, il medico inietta un anestetico vicino al sito del dolore per ridurre la sensazione nell’area. I blocchi nervosi a volte possono anche fornire informazioni diagnostiche e individuare la fonte del dolore.
  • Iniezioni di steroidi epidurali : questa procedura è un’iniezione di un medicinale antinfiammatorio – uno steroide o un corticosteroide – nello spazio attorno ai nervi spinali noto come spazio epidurale per trattare il dolore cronico causato dall’irritazione e dall’infiammazione delle radici dei nervi spinali.

Ci sono effetti collaterali?

Ogni farmaco ha un potenziale effetto collaterale: alcuni sono più gravi di altri. Assicurati di discutere i possibili effetti collaterali dei tuoi farmaci per il dolore cronico con il tuo medico.

Le complicazioni dei trattamenti medici per il dolore cronico possono includere:

  • Insufficienza epatica acuta da trattamento con paracetamolo.
  • Dipendenza da oppiacei e/o sovradosaggio.
  • Cambiamenti di umore, confusione e problemi respiratori da farmaci per il dolore ai nervi.
  • Danno o infezione del midollo spinale da stimolatori del midollo spinale.

8. Controllare il Dolore Cronico Cambiando Stile di Vita

Quattro fattori principali dello stile di vita possono influenzare il dolore cronico e aiutare a minimizzarlo. Gli operatori sanitari a volte li chiamano i quattro pilastri del dolore cronico. Essi includono:

  • Gestione dello Stress: lo stress può svolgere un ruolo importante nel dolore cronico, quindi è importante cercare di ridurre lo stress il più possibile. Ognuno ha tecniche diverse per gestire il proprio stress, ma alcune tecniche includono meditazione, consapevolezza e respirazione profonda. Prova diverse opzioni finché non trovi ciò che funziona meglio per te.
  • Esercizio Fisico: Partecipare a esercizi a bassa intensità, come camminare o nuotare, per 30 minuti al giorno può aiutare a ridurre il dolore. L’esercizio fisico può anche essere un antistress per alcune persone, che è importante da gestire quando si soffre di dolore cronico.
  • Dieta: è importante seguire una dieta sana per migliorare la tua salute generale. Il tuo medico può suggerire di provare una dieta antinfiammatoria eliminando gli alimenti che causano infiammazione, come carne rossa e carboidrati raffinati.
  • Sonno: dormire a sufficienza è importante per la tua salute generale. La mancanza di sonno può farti aumentare di peso, il che potrebbe peggiorare il tuo dolore cronico. Ottenere un sonno di qualità è importante anche per la gestione dello stress.

Assicurati di discutere questi quattro pilastri dello stile di vita con il tuo medico per determinare come ciascuno si applica al tuo tipo di dolore cronico e come puoi incorporare i cambiamenti nella tua vita quotidiana.

9. Fisioterapia per il Dolore Cronico

L’esercizio fisico regolare e la terapia fisica fanno solitamente parte di qualsiasi piano di gestione del dolore.

Una grande percentuale di dolore proviene da muscoli tesi. L’esercizio fisico regolare è importante per il trattamento del dolore cronico perché aiuta a:

  • rafforzare i muscoli
  • aumentare la mobilità articolare
  • migliorare il sonno
  • rilasciare endorfine
  • ridurre il dolore generale

I fisioterapisti sono specialisti nel movimento umano, che mirano ad aiutare le persone a mantenersi attive. Danno consigli e istruzioni su esercizi per mobilitare le articolazioni, rafforzare i muscoli di sostegno, recuperare e mantenere la forma fisica e altre tecniche per la gestione del dolore.

Inizialmente un fisioterapista specialista del dolore effettua una valutazione per determinare gli aspetti fisici, medici e psicologici del dolore di un paziente. Considera tutti i farmaci che sta attualmente assumendo e esamina i trattamenti precedenti.

Un elemento chiave della valutazione è considerare l’impatto che il dolore sta avendo sulla qualità della vita della persona. È importante considerare e affrontare l’impatto biologico, sociale e psicologico del dolore.  

Il fisioterapista lavora a stretto contatto con altri membri del team multidisciplinare per ideare un piano di gestione olistico.

10. Il Team Multidiciplinare

La gestione del dolore cronico richiede un approccio multidisciplinare che si può avvalare di diversi specialisti come:

  • Neurologo
  • Algologo
  • Psicologo
  • Fisioterapista
  • Nutrizionista

 

Dott. Arcangelo De Falco - Fisioterapista e Osteopata

Il dott. De Falco è laureato in Fisioterapia presso il Policlinico Le Scotte di Siena, è specialista in Osteopatia e si occupa di Riabilitazione del pavimento pelvico per incontinenza urinaria maschile (prostatoectomizzati) e femminile, Disturbi ano-rettali (stipsi ostinata, defecazione ostruita, prolasso rettale), Disturbi sessuali (dispareunia, anorgasmia), Dolori Cronici incluso il dolore pelvico cronico e ricorrente. Prenota un trattamento osteopatico con il Dott. De Falco

leggi di più

Dott. Arcangelo De Falco - Osteopata

In Conclusione

Il dolore cronico, persistente oa lungo termine è un dolore che continua oltre i 3 mesi e che può derivare da danni ai tessuti o infiammazioni o non avere una causa identificata. Può interessare una specifica area corporea (ad es. Sindrome dolorosa regionale complessa, lombalgia (LBP), dolore pelvico) o essere diffuso (ad es. fibromialgia). Il dolore cronico è una condizione complessa con componenti fisiche, sociali e psicologiche, che può portare a disabilità, perdita di indipendenza e scarsa qualità della vita. Una presa in carico multidisciplinare e la disponibilità di numerose terapie riabilitative farmacologiche, fisioterapiche e psicologiche può aiutare in modo significativo a trovare sollievo dal sintomo doloroso e aumentare la qualità della vita.

 

Fonti

  1. L. Scascighini, V. Toma, S. Dober-Spielmann, H. Sprott, Multidisciplinary treatment for chronic pain: a systematic review of interventions and outcomesRheumatology, Volume 47, Issue 5, May 2008, Pp 670–678
  2. Il Dolore Cronico in Medicina Generale, Ministero della Salute
  3. Malmros, B., Mortensen, L., Jensen, M. et al. Positive Effects of Physiotherapy on Chronic Pain and Performance in OsteoporosisOsteoporos Int 8, 215–221 (1998)
  4. Fillingim RB, Loeser JD, Baron R, Edwards RR. Valutazione del dolore cronico: domini, metodi e meccanismiJ Dolore . 2016;17(9 Suppl):T10-T20.
  5. Judith Semmons, The role of physiotherapy in the management of chronic pain, Anaesthesia & Intensive Care Medicine, Pages 445-447
  6. Gatchel RJ, McGeary DD, McGeary CA, Lippe B. Interdisciplinary chronic pain management: past, present, and future. Am Psychol. 2014 Feb-Mar;69(2)