Questa pagina contiene annunci di servizi o prodotti che riteniamo utili per i nostri lettori. Scopri il nostro processo di selezione

L’asma bronchiale è una malattia infiammatoria cronica delle vie aeree caratterizzata da iperreattività bronchiale e un grado variabile di ostruzione delle vie aeree.

Viene diagnosticata sulla base della storia clinica, dell’esame obiettivo e dei test di funzionalità polmonare.

Scopri tutto quello che c’è da sapere sull’asma bronchiale.

Sommario

  1. Cos’è l’asma bronchiale?
  2. Come riconoscere un attacco d’asma?
  3. Quali tipi di asma esistono?
  4. Quali sono le più comuni cause d’asma?
  5. Asma Bronchiale Allergico
  6. A che età si può prendere l’asma?
  7. Quali sono i fattori predisponenti all’Asma Bronchiale?
  8. Quali sono i comuni fattori scatenanti gli attacchi d’asma?
  9. Quali sono i sintomi dell’asma bronchiale?
  10. Come viene diagnosticato l’asma bronchiale?
  11. Chi è lo Specialista dell’Asma Bronchiale?
  12. Come si cura l’asma bronchiale?
  13. Come gestire i sintomi dell’asma bronchiale?
  14. Si può prevenire un attacco d’asma?
  15. Qual è la prognosi?
  16. In Conclusione

1. Cos’è l’asma bronchiale?

L’asma, chiamata anche asma bronchiale, è una malattia che colpisce i polmoni. È una condizione cronica per cui necessita di una gestione medica continua.

Senza un adeguato trattamento, l’asma può essere pericolosa per la vita.

2. Come riconoscere un attacco d’asma?

Quando respiri normalmente, i muscoli intorno alle vie aeree sono rilassati, lasciando che l’aria si muova facilmente e silenziosamente. Durante un attacco d’asma possono succedere tre cose:

  • Broncospasmo: i muscoli intorno alle vie aeree si contraggono (si irrigidiscono). Quando si stringono, le vie aeree si restringono. L’aria non può fluire liberamente attraverso le vie aeree ristrette.
  • Infiammazione: il rivestimento delle vie aeree si gonfia. Le vie aeree gonfie non lasciano entrare o uscire tanta aria dai polmoni.
  • Produzione di muco: durante l’attacco, il tuo corpo crea più muco. Questo muco denso ostruisce le vie aeree.

Quando le vie aeree si restringono, emetti un suono chiamato respiro sibilante quando respiri, un rumore che fanno le vie aeree quando espiri.

3. Quali tipi di asma esistono?

L’asma è suddivisa in 2 tipi principali in base alla causa e alla gravità dei sintomi:

  • Intermittente: questo tipo di asma va e viene in modo che tu possa sentirti normale tra i riacutizzazioni dell’asma.
  • Persistente: l’asma persistente significa che hai sintomi per la maggior parte del tempo. I sintomi possono essere lievi, moderati o gravi. Gli operatori sanitari basano la gravità dell’asma sulla frequenza con cui si manifestano i sintomi. Considerano anche quanto bene puoi fare le cose durante un attacco.

Tra le più comuni tipologie di asma bronchiale troviamo:

  • Asma indotto dall’esercizio: questo tipo è innescato dall’esercizio ed è anche chiamato broncospasmo indotto dall’esercizio.
  • Asma professionale : questo tipo di asma si verifica principalmente nelle persone che lavorano con sostanze irritanti.
  • Sindrome da sovrapposizione asma-BPCO (ACOS): questo tipo si verifica quando si ha sia l’asma che la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO ). Entrambe le malattie rendono difficile la respirazione.

4. Quali sono le più comuni cause d’asma?

L’asma ha molteplici cause:

  • Causa Allergica: le allergie di alcune persone possono causare un attacco d’asma. Gli allergeni includono cose come muffe, pollini e peli di animali domestici.
  • Causa Non allergica: fattori esterni possono causare l’insorgere dell’asma. L’esercizio fisico, lo stress, la malattia e il tempo possono causare un bagliore.

5. Asma Bronchiale Allergico

L’asma bronchiale allergico è una condizione respiratoria in cui le vie aeree che si respirano si restringono quando si inala un allergene.

Gli allergeni comuni includono polline, peli e spore di muffe. Questo tipo di asma è molto comune sia nei bambini che negli adulti.

I sintomi dell’asma allergico possono includere respiro corto, tosse, respiro sibilante, naso chiuso, prurito agli occhi e un’eruzione cutanea.

6. A che età si può prendere l’asma?

L’asma si distingue per due tipologie di esordio:

  • Asma bronchiale con esordio nell’età adulta: questo tipo di asma inizia dopo i 18 anni.
  • Asma Bronchiale Pediatrico: chiamato anche asma infantile, questo tipo di asma inizia spesso prima dei 5 anni e può verificarsi nei neonati e nei bambini piccoli.

7. Quali sono i fattori predisponenti all’Asma Bronchiale?

Altri fattori di rischio per l’asma bronchiale includono:

  • Allergie: avere allergie può aumentare il rischio di sviluppare l’asma.
  • Fattori ambientali: le persone possono sviluppare l’asma dopo l’esposizione a cose che irritano le vie aeree. Queste sostanze includono allergeni, tossine, fumi e fumo passivo o di seconda mano. Questi possono essere particolarmente dannosi per neonati e bambini piccoli il cui sistema immunitario non ha finito di svilupparsi.
  • Genetica: se la tua famiglia ha una storia di asma o malattie allergiche, hai un rischio maggiore di sviluppare la malattia.
  • Infezioni respiratorie: alcune infezioni respiratorie , come il virus respiratorio sinciziale (RSV) , possono danneggiare i polmoni in via di sviluppo dei bambini piccoli.

8. Quali sono i comuni fattori scatenanti gli attacchi d’asma?

I fattori che possono scatenare un attacco d’asma vengono definiti “trigger”.

Per alcune persone, un trigger può portare subito a un attacco. Per altre persone, o in altri momenti, un attacco può iniziare ore o giorni dopo l’innesco del fattore trigger.

I trigger possono essere diversi per ogni persona. Ma alcuni trigger comuni includono:

  • Inquinamento atmosferico: molte cose all’esterno possono causare un attacco d’asma. L’inquinamento atmosferico include le emissioni delle fabbriche, i gas di scarico delle auto, il fumo degli incendi e altro ancora.
  • Acari della polvere: non puoi vedere questi insetti, ma sono nelle nostre case. Se hai un’allergia agli acari della polvere , questo può causare un attacco d’asma.
  • Esercizio: per alcune persone, l’esercizio può causare un attacco.
  • Muffa: i luoghi umidi possono generare muffe, che possono causare problemi in caso di asma. Non devi nemmeno essere allergico alla muffa per avere un attacco.
  • Parassiti: scarafaggi, topi e altri parassiti domestici possono causare attacchi di asma.
  • Animali domestici: i tuoi animali domestici possono causare attacchi di asma. Se sei allergico al pelo di animali domestici (scaglie di pelle secca), respirare il pelo può irritare le vie respiratorie.
  • Fumo di tabacco: se tu o qualcuno in casa fumate, avete un rischio maggiore di sviluppare l’asma. Non dovresti mai fumare in luoghi chiusi come l’auto o la casa e la soluzione migliore è smettere di fumare. Il tuo provider può aiutarti.
  • Prodotti chimici o odori forti. Queste cose possono scatenare attacchi in alcune persone.
  • Alcune esposizioni professionali. Puoi essere esposto a molte cose durante il tuo lavoro, inclusi prodotti per la pulizia, polvere di farina o legno o altri prodotti chimici. Questi possono essere tutti fattori scatenanti se hai l’asma.

9. Quali sono i sintomi dell’asma bronchiale?

Le persone con asma di solito hanno sintomi evidenti. Questi segni e sintomi assomigliano a molte infezioni respiratorie:

  • Tensione toracica, dolore o pressione
  • Tosse (soprattutto di notte)
  • Mancanza di respiro
  • Respiro sibilante

Con l’asma, potresti non avere tutti questi sintomi ad ogni riacutizzazione. Puoi avere sintomi e segni diversi in momenti diversi con l’asma cronico. Inoltre, i sintomi possono cambiare tra gli attacchi di asma.

10. Come viene diagnosticato l’asma bronchiale?

Il medico esaminerà la tua storia medica e familiare.Lo specialista dovrà conoscere qualsiasi storia di allergie, eczema (un’eruzione cutanea irregolare causata da allergie) e altre malattie polmonari.

Inoltre, diversi esami possono essere utilizzati per diagnosticare l’asma bronchiale:

  • Spirometria: il test che misura il flusso d’aria attraverso i polmoni e viene utilizzato per diagnosticare e monitorare i progressi con il trattamento.
  • Pulsossimetria:  può essere utile per valutare la gravità di un attacco d’asma o per monitorare il deterioramento
  • Radiografia del torace – soprattutto se i pazienti hanno una storia di rischio di potenziale  di corpo estraneo o possibile infezione. La radiografia del torace viene eseguita in pazienti con sintomi ricorrenti che non rispondono alla terapia.
  • esame del sangue
  • test cutaneo

11. Chi è lo Specialista dell’Asma Bronchiale?

Lo specialista della diagnosi e gestione dell’asma bronchiale è il medico specializzato in allergologia, immunologia o pneumologia.

I medici allergologi e immunologi sono specializzati nella diagnosi e nel trattamento di allergie, asma e altre malattie del sistema immunitario.

Gli allergologi ricevono una formazione specializzata in allergia e immunologia, inclusa la formazione per identificare i fattori scatenanti di allergie e asma.

Lo pneumologo è un medico specializzato nella diagnosi e trattamento delle malattie a carico del sistema respiratorio, dalle trachee e dei polmoni.

I pneumologi ricevono una formazione specializzata in medicina polmonare, spesso coinvolgendo terapia intensiva e medicina del sonno.

Uno pneumologo può lavorare con pazienti che affrontano problemi respiratori gravi o cronici.

Dott.ssa Ginevra del Giudice - Pneumologo e Revisore Scientifico dell'Articolo

La dott.ssa Del Giudice è specializzata in Pneumologia e Malattie dell’Apparato Respiratorio. E’ esperta nella valutazione e nella diagnosi di malattie respiratorie. E’ Dirigente Medico presso U.O.C. Pneumologia e Terapia Semintensiva Respiratoria dell’Ospedale Civile San Salvatore di L’Aquila. Lavora come pneumologa presso il Centro Morra di Pomigliano d’Arco (NA). Prenota la tua visita pneumologica con la dott.ssa Del Giudice.

leggi di più

Ginevra Del Giudice - Pneumologo

12. Come si cura l’asma bronchiale?

Esistono diverse strategie di trattamento e gestione dell’asma bronchiale cronico.ù

Il medico pneumologo può prescrivere farmaci per controllare i sintomi dell’asma bronchiale. Questi includono:

  • Broncodilatatori: questi medicinali rilassano i muscoli intorno alle vie aeree. I muscoli rilassati lasciano che le vie aeree muovano l’aria. Inoltre, consentono al muco di muoversi più facilmente attraverso le vie aeree. Questi medicinali alleviano i sintomi quando si verificano e sono usati per l’asma intermittente e cronico.
  • Medicinali antinfiammatori: questi medicinali riducono il gonfiore e la produzione di muco nelle vie aeree. Rendono più facile l’ingresso e l’uscita dell’aria dai polmoni. Il tuo medico può prescriverli da assumere ogni giorno per controllare o prevenire i sintomi dell’asma cronico.
  • Terapie biologiche per l’asma: vengono utilizzate per l’asma grave quando i sintomi persistono nonostante un’adeguata terapia inalatoria.

Puoi assumere farmaci per l’asma in diversi modi. È possibile respirare i medicinali utilizzando un inalatore predosato , un nebulizzatore o un altro tipo di inalatore per l’asma. Il tuo medico può prescrivere farmaci per via orale che ingerisci.

13. Come gestire i sintomi dell’asma bronchiale?

E’ importante tenere traccia dei sintomi d’asma.

Il medico potrebbe chiedere di utilizzare un misuratore di picco di flusso (PF) . Questo dispositivo misura la velocità con cui puoi espellere l’aria dai polmoni.

Questo metodo può essere utile per stabilire se è in corso un peggioramento dei sintomi.

14. Si può prevenire un attacco d’asma?

Se il tuo medico dice che hai l’asma, dovrai capire cosa scatena un attacco. Evitare i trigger può aiutarti a evitare un attacco. Tuttavia, non puoi impedirti di contrarre l’asma.

15. Qual è la prognosi?

Se hai l’asma, puoi comunque vivere una vita molto produttiva e partecipare a sport e altre attività. Il tuo medico pneumologo può aiutarti a gestire i sintomi, conoscere i fattori scatenanti e prevenire o gestire gli attacchi.

Dott.ssa Ginevra del Giudice - Pneumologo e Revisore Scientifico dell'Articolo

La dott.ssa Del Giudice è specializzata in Pneumologia e Malattie dell’Apparato Respiratorio. E’ esperta nella valutazione e nella diagnosi di malattie respiratorie. E’ Dirigente Medico presso U.O.C. Pneumologia e Terapia Semintensiva Respiratoria dell’Ospedale Civile San Salvatore di L’Aquila. Lavora come pneumologa presso il Centro Morra di Pomigliano d’Arco (NA). Prenota la tua visita pneumologica con la dott.ssa Del Giudice.

leggi di più

Ginevra Del Giudice - Pneumologo

16. In Conclusione

Se hai l’asma bronchiale, assicurati di tenere sempre con te il tuo inalatore di salvataggio in caso di un attacco d’asma o di un’emergenza. Anche se non esiste ancora una cura definitiva per l’asma bronchiale, ci sono ottimi farmaci per l’asma che possono aiutare a prevenirne i sintomi.

  1. Ukena D, Fishman L, Niebling WB. Asma bronchiale: diagnosi e trattamento a lungo termine negli adulti. Dtsch Arztebl Int . 2008;105(21):385-394. doi:10.3238/arztebl.2008.0385
  2. Liccardi G, Salzillo A, Sofia M, D’Amato M, D’Amato G. Bronchial asthma. Curr Opin Anaesthesiol. 2012 Feb;25(1):30-7
  3. Lee J, McDonald C. Review: Immunotherapy improves some symptoms and reduces long-term medication use in mild to moderate asthma. Ann Intern Med. 2018 Aug 21;169(4):JC17.
  4. Tesfaye ZT, Gebreselase NT, Horsa BA. Appropriateness of chronic asthma management and medication adherence in patients visiting ambulatory clinic of Gondar University Hospital: a cross-sectional study. World Allergy Organ J. 2018;11(1):18.
  5. Salo PM, Cohn RD, Zeldin DC. Bedroom Allergen Exposure Beyond House Dust MitesCurr Allergy Asthma Rep. 2018 Aug 20;18(10):52.
  6. Scirica CV, Celedón JC. Genetics of asthma: potential implications for reducing asthma disparities. Chest. 2007 Nov;132(5 Suppl):770S-781S.
  7. Piloni D, Tirelli C, Domenica RD, Conio V, Grosso A, Ronzoni V, Antonacci F, Totaro P, Corsico AG. Asthma-like symptoms: is it always a pulmonary issue? Multidiscip Respir Med. 2018;13:21.