Facebook pixel

Varicella: Foto HD, Sintomi, Cause, Trattamento | You’Specialist

Varicella: Foto HD, Sintomi, Cause, Trattamento | You’Specialist

La varicella è un’infezione altamente contagiosa causata dal virus della varicella zoster.

La maggior parte delle persone guarisce entro 1-2 settimane.

Si tratta di un’eruzione cutanea simile a una vescica, che appare per la prima volta sul viso e sul tronco e poi si diffonde in tutto il corpo. Sebbene non sia pericoloso per la vita, possono sorgere complicazioni.

 

I Sintomi della Varicella

varicella, foto hd sintomi
Fonte: Medical News Today foto hd

Prima dell’eruzione cutanea:

  • una sensazione generale di malessere (malessere)
  • febbre, che di solito è peggiore negli adulti rispetto ai bambini
  • muscoli doloranti
  • perdita di appetito
  • in alcuni casi, una sensazione di nausea

Dal momento dell’eruzione cutanea in poi:

  • Eruzione cutanea: la gravità varia da pochi punti a un’eruzione cutanea che copre tutto il corpo.
  • Macchie: le macchie si sviluppano in gruppi e generalmente compaiono sul viso, sugli arti, sul petto e sullo stomaco. Tendono ad essere piccoli, rossi e pruriginosi.
  • Vesciche: possono svilupparsi vesciche sulla parte superiore delle macchie. Questi possono diventare molto pruriginosi.
  • Appannamento: entro circa 48 ore, le vesciche si appannano e iniziano a seccarsi . Si sviluppa una crosta.
  • Guarigione: entro circa 10 giorni, le croste cadono da sole.

Durante l’intero ciclo, possono comparire nuove ondate di macchie – in questi casi, il paziente potrebbe avere diversi gruppi di macchie in vari stadi di prurito, secchezza e crosticine.

Altri sintomi

Alcune persone hanno sintomi più gravi.

Se si verifica quanto segue, contattare un medico:

  • La pelle intorno alle macchie o alle vesciche diventa dolorosa e arrossata
  • Ci sono difficoltà respiratorie

La maggior parte delle persone sane guarisce completamente, come con un raffreddore o un’influenza, riposando e bevendo molti liquidi.

 

Varicella | Foto HD

varicella, foto hd, cause, trattamento
Fonte: Medical News Today Foto HD
varicella,foto hd
Fonte: Medical News Today foto HD
varicella, foto hd
Fonte: Medical News Today Foto HD
varicella, foto hd
Fonte: Medical News Today Foto HD

Trattamento

La varicella generalmente si risolve entro una o due settimane senza trattamento.

Non esiste una cura, ma un vaccino può prevenirla.

Un medico può prescrivere farmaci o consigliare su come ridurre i sintomi di prurito e disagio e anche su come prevenire la diffusione dell’infezione ad altre persone.

Dolore o febbre:  Il paracetamolo (acetaminofene) può aiutare con i sintomi di alta temperatura e dolore. È importante seguire le istruzioni fornite dal produttore. I prodotti contenenti aspirina NON devono essere usati per la varicella poiché ciò può portare a complicazioni. L’acetaminofene può essere utilizzato in qualsiasi momento durante la gravidanza.

Evitare la disidratazione: è importante bere molti liquidi, preferibilmente acqua, per prevenire la disidratazione. Alcuni medici raccomandano ghiaccioli senza zucchero o Pedialyte per i bambini che non bevono a sufficienza.

Dolore alla bocca: i ghiaccioli senza zucchero aiutano ad alleviare i sintomi del dolore se ci sono vesciche in bocca. I cibi salati o piccanti dovrebbero essere evitati. Se masticare è doloroso, la zuppa potrebbe essere una buona opzione, ma non dovrebbe essere troppo calda.

Prurito: può diventare fastidioso, ma è importante ridurre al minimo i graffi per ridurre il rischio di cicatrici.

Quanto segue può aiutare a prevenire i graffi:

  • Mantenere le unghie pulite e il più corte possibile
  • Mettere guanti o anche calze sulle mani di un bambino quando va a dormire, in modo che qualsiasi tentativo di grattarsi durante la notte non tagli la pelle
  • Applicare una lozione alla calamina o fare un bagno di farina d’avena per ridurre il prurito
  • Indossare abiti larghi

 

Farmaci antivirali possono essere prescritti durante la gravidanza, per gli adulti che ottengono una diagnosi precoce, nei neonati e per quelli con un sistema immunitario indebolito. L’aciclovir è un esempio.

Funziona meglio se viene somministrato entro 24 ore dallo sviluppo dei sintomi. L’aciclovir riduce la gravità dei sintomi ma non cura la malattia.

 

Prevenzione

È disponibile un vaccino per la varicella. Per i bambini vengono somministrate 2 dosi di vaccino contro la varicella, una a 12-15 mesi e una a 4-6 anni di età. Questi sono efficaci al 90% nel prevenire la varicella.

 

Complicazioni

Gli adulti sono più suscettibili alle complicazioni rispetto ai bambini.

Se le vesciche vengono infettate da batteri, il rischio di complicanze è maggiore.

Le donne incinte, i neonati e i bambini fino a 4 settimane, così come quelli con un sistema immunitario indebolito, hanno maggiori probabilità di avere complicazioni.

Se la pelle intorno alle macchie e alle vesciche diventa rossa o irritata, potrebbero essere infette. Alcune persone con la varicella possono sviluppare la polmonite.

Encefalite: una complicazione grave potrebbe essere un’infiammazione del cervello (encefalite).

Sindrome di Reye: questa condizione rara ma grave può verificarsi quando bambini e adolescenti si stanno riprendendo da un’infezione virale, inclusa la varicella. Fa gonfiare il fegato e il cervello.

La maggior parte delle persone che sviluppano complicazioni si riprenderà completamente.

 

Varicella e gravidanza

varicella in gravidanza
Fonte: Medical News Today foto hd

Durante la gravidanza, c’è un rischio leggermente più elevato di sviluppare polmonite con varicella.

C’è anche il pericolo di trasmettere l’infezione al feto.

Se l’infezione si verifica durante le prime 20 settimane di gravidanza, c’è un rischio maggiore di sindrome da varicella fetale, che può portare a cicatrici, problemi agli occhi, drenaggio cerebrale e braccia o gambe accorciate.

Se l’infezione si verifica più tardi durante la gravidanza, la varicella può essere trasmessa direttamente al feto e il bambino può nascere con la varicella.

Se sei esposta alla varicella durante la gravidanza, sia essa varicella o fuoco di Sant’Antonio, è importante parlare subito con un medico.

 

Varicella e sistema immunitario indebolito

I rischi di contrarre la varicella e sviluppare complicazioni sono maggiori in una persona con un sistema immunitario indebolito.

Un sistema immunitario indebolito può verificarsi se una persona:

  • sta assumendo alcuni farmaci
  • ha il cancro
  • è sottoposto a trattamenti quali radio o chemioterapia
  • ha una condizione cronica, come il lupus o l’artrite reumatoide

Le complicanze della varicella possono includere meningite, sepsi o setticemia o polmonite.

 

Le Fasi della Varicella

La varicella si sviluppa in più fasi.

Trasmissione

La varicella, il raffreddore e l’influenza si diffondono in modo simile.

La varicella è trasmessa principalmente da:

  • contatto diretto con le vesciche di qualcuno che ha il virus della varicella zoster
  • respirando le particelle di virus dalle vesciche di qualcuno
  • respirare piccole particelle dalla bocca di qualcuno che parla o tossisce

La varicella ha un periodo di incubazione compreso tra 10 e 21 giorni. In altre parole, l’eruzione cutanea apparirà da 10 a 21 giorni dopo l’esposizione al virus.

L’eruzione cutanea

Una persona infetta è contagiosa circa 2 giorni prima che compaia l’eruzione cutanea. L’eruzione cutanea può coinvolgere da 250 a 500 vesciche pruriginose.

La varicella continua a essere contagiosa per altri 5-7 giorni o fino a quando tutte le vesciche non si sono trasformate in croste.

Quando tutte le lesioni si sono incrostate, le persone infette non possono più trasmetterle ad altri, ma gli individui con un sistema immunitario indebolito possono essere contagiosi più a lungo.

Nella maggior parte dei casi, i segni guariscono senza lasciare cicatrici.

Herpes zoster

varicella, foto hd, herpes zoster
Fonte: Medical News Today foto hd

 

La varicella e l’herpes zoster sono causati dallo stesso virus. L’herpes zoster si verifica quando il virus della varicella zoster da un precedente caso di varicella diventa nuovamente attivo .

Le complicazioni possono includere:

  • nevralgia posterpetica , con dolore da fuoco di Sant’Antonio che dura molto tempo dopo che le vesciche sono scomparse
  • perdita della vista se l’herpes zoster causa infezioni agli occhi
  • problemi neurologici dovuti a infiammazione nel cervello
  • infezioni della pelle, soprattutto se le vesciche non sono trattate correttamente

Non puoi prendere l’herpes zoster da un’altra persona, ma una persona che non ha mai avuto la varicella o non è mai stata vaccinata può prendere la varicella da qualcuno con l’herpes zoster. Tuttavia, non puoi prendere l’herpes zoster da qualcuno con la varicella.

 

Cause

La varicella è causata da un virus chiamato varicella zoster . Le persone si infettano dopo essere state in contatto con un bambino o un adulto infetto.

La varicella è una delle malattie più infettive. Le persone che non hanno mai avuto la varicella e non sono mai state vaccinate sono a più alto rischio di infezione.

Diagnosi

Un medico o un infermiere saprà se un bambino o un adulto ha la varicella semplicemente guardando e ponendo alcune domande. Non sono necessari test medici per aiutare nella diagnosi. In rare occasioni, la varicella può essere confusa con la scabbia o con alcuni tipi di punture di insetti.

Varicella | Quali Specialisti Contattare?

Il pediatra

Dovresti sempre chiamare il pediatra ogni volta che tuo figlio sviluppa un’eruzione cutanea inspiegabile, soprattutto se è accompagnata da sintomi del raffreddore o febbre.

  • Prenota un consulto con il pediatra

Il ginecologo

Informa subito il ginecologo se sei incinta e pensi di aver contratto la varicella. Anche una consulenza ginecologica online in questo caso potrebbe essere importante per ricevere indicazioni utili e veloci.

  • Prenota un consulto con il ginecologo

Il dermatologo

Nel caso i sintomi venissero riscontrati da un adulto, dato che la condizione è più rara, ci si può rivolgere al dermatologo e fissare una visita dermatologica.

Il dermatologo è oltretutto il più qualificato ad escludere anche altre patologie della pelle.

Attenzione! è molto importante che i bambini non grattino via le crosticine per evitare la formazione di cicatrici. Se avete problemi in merito a questo punto contattare un dermatologo.

  • Prenota un consulto con il dermatologo

 

Fonte: Medical News Today

Vuoi collaborare all'articolo?

Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

Diventa uno 'Specialist
Articoli correlati