Facebook pixel

Varicella: Foto HD, Sintomi, Cause, Trattamento | You’Specialist

Varicella: Foto HD, Sintomi, Cause, Trattamento | You’Specialist

Mamme (ma anche papà!),  udite udite, in questo articolo si parla di varicella, la malattia da sempre associata ai bambini, ma che può colpire proprio tutti.

Proviamo allora, a fare chiarezza e a rispondere alle domande frequenti sulla varicella, come: Come avviene il contagio della varicella? Quanto dura la varicella? Quanto è pericolosa la varicella in gravidanza e nei neonati?

Partiamo dalle basi.

 

Che cos’è la varicella zoster?

La varicella è un’infezione altamente contagiosa causata dal virus della varicella zoster.  Insieme a rosolia, morbillo, pertosse e parotite, la varicella è annoverata fra le malattie contagiose dell’infanzia, che nella maggioranza dei casi colpiscono i bambini tra i 5 e i 10 anni. 

Tuttavia nessuno può veramente tirare un sospiro di sollievo, perché la varicella può colpire a ogni età.

La maggior parte delle persone guarisce spontaneamente entro 1-2 settimane.

Ma, soprattutto quando la malattia è contratta in età adulta, può assumere forme più aggressive e andare incontro a delle complicazioni, come vedremo a breve.

Le persone che non hanno mai avuto la varicella e non sono mai state vaccinate sono a più alto rischio di infezione.

 

I Sintomi della Varicella

varicella, foto hd sintomi
Fonte: Medical News Today foto hd

Il virus della varicella zoster ha un’incubazione di 2 o 3 settimane (fase prodromica), dopo le quali la malattia esordisce con i suoi sintomi tipici (fase esantematica), per avviarsi, infine, verso la remissione.

Vediamo i sintomi caratteristici di ogni fase della varicella:

FASE PRODROMICA

  • sensazione generale di malessere
  • febbre, che di solito è peggiore negli adulti rispetto ai bambini
  • muscoli doloranti
  • perdita di appetito
  • sensazione di nausea

FASE ESANTEMATICA

  • Eruzione cutanea: la gravità varia da pochi punti a un’eruzione cutanea che copre tutto il corpo.
  • Macchie: le macchie si sviluppano in gruppi e generalmente compaiono sul viso, sugli arti, sul petto e sullo stomaco. Tendono ad essere piccoli, rossi e pruriginosi.
  • Vesciche: possono svilupparsi vesciche sulla parte superiore delle macchie. Possono diventare molto pruriginose.
  • Appannamento: entro circa 48 ore, le vesciche si appannano e iniziano a seccarsi. Si sviluppa una crosta.
  • Guarigione: entro circa 10 giorni, le croste cadono da sole.

Durante l’intero ciclo, possono comparire nuove ondate di macchie . In questi casi, potresti notare diversi gruppi di macchie in vari stadi di prurito, secchezza e crosticine.

Altri sintomi

Alcune persone hanno sintomi più gravi.

Se si verifica quanto segue, contattare un medico:

  • La pelle intorno alle macchie o alle vesciche diventa dolorosa e arrossata
  • Ci sono difficoltà respiratorie

La maggior parte delle persone sane guarisce completamente, come con un raffreddore o un’influenza, riposando e bevendo molti liquidi.

 

Varicella | Foto HD

varicella, foto hd, cause, trattamento
Fonte: Medical News Today Foto HD
varicella,foto hd
Fonte: Medical News Today foto HD
varicella, foto hd
Fonte: Medical News Today Foto HD
varicella, foto hd
Fonte: Medical News Today Foto HD

 

Le Fasi della Varicella | Dal contagio ai sintomi

Come anticipato, la varicella si sviluppa in diverse fasi, a partire dal momento del contagio, passando per l’incubazione, fino ad arrivare ai sintomi manifesti. Descriviamo meglio le fasi:

1. Contagio

La varicella è una delle malattie infettive più contagiose, soprattutto nei primi stadi dell’eruzione.

Come avviene il contagio della varicella? Proprio come avviene quello del raffreddore e dell’influenza!

La varicella è trasmessa principalmente da:

  • contatto diretto con le vesciche di qualcuno che ha il virus della varicella zoster
  • respirando le particelle di virus dalle vesciche di qualcuno
  • respirando piccole particelle dalla bocca di qualcuno che parla o tossisce

2. Incubazione

La varicella ha un periodo di incubazione compreso tra 10 e 21 giorni. In altre parole, l’eruzione cutanea apparirà da 10 a 21 giorni dopo l’esposizione al virus.

3. Eruzione cutanea

Una persona infetta è contagiosa circa 2 giorni prima che compaia l’eruzione cutanea.

L’eruzione cutanea può coinvolgere da 250 a 500 vesciche pruriginose.

La varicella continua a essere contagiosa per altri 5-7 giorni o fino a quando tutte le vesciche non si sono trasformate in croste.

Quando tutte le lesioni si sono incrostate, le persone infette non possono più trasmetterle ad altri, ma gli individui con un sistema immunitario indebolito possono essere contagiosi più a lungo.

Nella maggior parte dei casi, i segni guariscono senza lasciare cicatrici.

4. Cosa succede dopo la varicella?

In quasi tutte le persone con un sistema immunitario non compromesso, la varicella produce un’immunità permanente, il che vuol dire che non contrarranno più questa malattia (è veramente molto raro che una persona con un buon sistema immunitario sviluppi questo virus due volte!).

Il virus della varicella, tuttavia, non verrà mai eliminato totalmente dal nostro corpo, ma rimane latente (in genere per tutta la vita).

Nel 10-20% dei casi il virus si risveglia a distanza di anni o di decenni, solitamente dopo i 50 anni, dando luogo all’herpes zoster, noto comunemente come “fuoco di Sant’Antonio”.

 

Trattamento

La varicella generalmente si risolve entro una o due settimane senza trattamento.

Possono esserci però cure sintomatiche: un medico può prescrivere farmaci o fornire consigli su come ridurre i sintomi di prurito e disagio e anche su come prevenire la diffusione dell’infezione ad altre persone.

Rimedi per dolore o febbre:  Il paracetamolo (acetaminofene) può aiutare con i sintomi di alta temperatura e dolore. I prodotti contenenti aspirina NON devono essere usati per la varicella poiché ciò può portare a complicazioni. L’acetaminofene può essere utilizzato in qualsiasi momento durante la gravidanza.

Evitare la disidratazione: è importante bere molti liquidi, preferibilmente acqua, per prevenire la disidratazione.

Dolore alla bocca: i ghiaccioli senza zucchero aiutano ad alleviare i sintomi del dolore se ci sono vesciche in bocca. I cibi salati o piccanti dovrebbero essere evitati. Se masticare è doloroso, la zuppa potrebbe essere una buona opzione, ma non dovrebbe essere troppo calda.

Prurito: può diventare fastidioso, ma è importante ridurre al minimo i graffi per ridurre il rischio di cicatrici.

Quanto segue può aiutare a prevenire i graffi:

  • Mantenere le unghie pulite e il più corte possibile
  • Mettere guanti o anche calze sulle mani di un bambino quando va a dormire, in modo che qualsiasi tentativo di grattarsi durante la notte non tagli la pelle
  • Applicare una lozione alla calamina o fare un bagno di farina d’avena per ridurre il prurito
  • Indossare abiti larghi

 

Farmaci antivirali possono essere prescritti durante la gravidanza, per gli adulti che ottengono una diagnosi precoce, nei neonati e per quelli con un sistema immunitario indebolito. L’aciclovir è un esempio.

Funziona meglio se viene somministrato entro 24 ore dallo sviluppo dei sintomi. L’aciclovir riduce la gravità dei sintomi ma non cura la malattia.

 

Complicazioni

La malattia della varicella può avere un decorso più aggressivo nell’adolescente e nell’adulto.

In particolare, le donne incinte, i neonati e i bambini fino a 4 settimane, così come quelli con un sistema immunitario indebolito, hanno maggiori probabilità di avere complicazioni.

Se le vesciche vengono infettate da batteri, il rischio di complicanze è maggiore.

Possono verificarsi superinfezione batterica delle lesioni cutanee, trombocitopenia, artrite, epatite, atassia cerebellare, encefalite, polmonite e glomerulonefrite. Tra gli adulti la complicanza più comune è la polmonite.

Sindrome di Reye: questa condizione rara ma grave può verificarsi quando bambini e adolescenti si stanno riprendendo da un’infezione virale, inclusa la varicella. Fa gonfiare il fegato e il cervello.

La maggior parte delle persone che sviluppano complicazioni si riprenderà completamente.

 

Varicella e gravidanza

varicella in gravidanza
Fonte: Medical News Today foto hd

Durante la gravidanza, c’è un rischio leggermente più elevato di sviluppare polmonite con varicella.

Se la malattia della varicella viene contratta da una donna in gravidanza (soprattutto nei primi due trimestri di gestazione), il virus può trasmettersi al feto, causando una malattia embrionale nota come sindrome della varicella congenita, che può portare a cicatrici, problemi agli occhi, drenaggio cerebrale e braccia o gambe accorciate.

Se la varicella viene contratta più tardi, a ridosso del parto (circa una settimana prima o due tre giorni dopo il parto) il neonato può sviluppare una forma grave di varicella con letalità intorno al 30 per cento.

Se sei esposta alla varicella durante la gravidanza, sia essa varicella o fuoco di Sant’Antonio, è importante parlare subito con un medico.

 

Varicella e sistema immunitario indebolito

I rischi di contrarre la varicella e sviluppare complicazioni sono maggiori in una persona con un sistema immunitario indebolito.

Un sistema immunitario indebolito può verificarsi se una persona:

  • sta assumendo alcuni farmaci
  • ha il cancro
  • è sottoposto a trattamenti quali radio o chemioterapia
  • ha una condizione cronica, come il lupus o l’artrite reumatoide

Le complicanze della varicella possono includere meningite, sepsi o setticemia o polmonite.

 

Prevenzione | Vaccino contro la varicella

Dal 1995 è disponibile un vaccino, costituito da virus vivo attenuato, in grado di stimolare le difese dell’organismo, senza però procurare la malattia PubMed.

Il vaccino contro la varicella, che in molte regioni oggi può essere somministrato contemporaneamente, o in formulazione combinata, al vaccino trivalente morbillo, parotite, rosolia, è obbligatorio per i nati dal 2017 in poi.

Ma è comunque fortemente raccomandato per persone considerate più a rischio di avere complicazioni, come maestri, educatori, soggetti affetti da patologie croniche, operatori sanitari, familiari di persone con deficit immunitari, donne in età fertile che non hanno mai contratto il virus.

Il vaccino è sicuro e ben tollerato e la protezione sembra essere di lunga durata. La vaccinazione va effettuata con due dosi: la prima dose a 12-15 mesi di età, la seconda dose a 5-6 anni.

Herpes zoster

varicella, foto hd, herpes zoster
Fonte: Medical News Today foto hd

 

La varicella e l’herpes zoster sono causati dallo stesso virus. L’herpes zoster si verifica quando il virus della varicella zoster da un precedente caso di varicella diventa nuovamente attivo  PubMed.

Le complicazioni possono includere:

  • nevralgia posterpetica, con dolore da fuoco di Sant’Antonio che dura molto tempo dopo che le vesciche sono scomparse
  • perdita della vista se l’herpes zoster causa infezioni agli occhi
  • problemi neurologici dovuti a infiammazione nel cervello
  • infezioni della pelle, soprattutto se le vesciche non sono trattate correttamente

Non puoi prendere l’herpes zoster da un’altra persona, ma una persona che non ha mai avuto la varicella o non è mai stata vaccinata può prendere la varicella da qualcuno con l’herpes zoster. Tuttavia, non puoi prendere l’herpes zoster da qualcuno con la varicella.

 

Il Vaccino per l’herpes zoster è sicuro? Video-Intervista all’esperto

Il dottor Giancarlo Icardi, Coordinatore GdL Vaccini e politiche vaccinali, in questa intervista altamente istruttiva ci spiega meglio cos’è l’herpes zoster e ci parla dell’importanza del relativo vaccino.

In particolare, risponde alle domande frequenti che vengono poste sull’argomento:

  • Cos’è l’herpes zoster?

Il virus dell’herpes zoster è quello che da bambini, se non ci si vaccina, provoca la varicella. Poi resta da qualche parte del nostro sistema nervoso, in alcuni soggetti per tutta la vita. In altri soggetti, a un certo punto, può slatentizzarsi e manifestarsi sotto forma di Fuoco di Sant’ Antonio. Questa malattia può comportare diverse complicazioni, anche dolorose.

  • Il vaccino per l’herpes zoster è sicuro?

Ci sono numerosi studi che lo confermano, è un vaccino sicuro! PubMed

  • Il vaccino per l’herpes zoster può far male?

Ci sono numerosi studi che lo confermano, è un vaccino ben tollerato!

  • Chi si deve vaccinare?

Persone dai 65 anni, o persone immunodepresse.

Per approfondire, guarda l’intervista completa:

 

Diagnosi

Un medico o un infermiere saprà se un bambino o un adulto ha la varicella semplicemente guardando e ponendo alcune domande. L’isolamento del virus o la ricerca degli anticorpi nel sangue sono raramente necessari, e vengono utilizzati come test di conferma nei casi dubbi. L’individuazione di anticorpi IgM anti virus varicella-zoster è sintomo di un’infezione acuta  In rare occasioni, la varicella può essere confusa con la scabbia o con alcuni tipi di punture di insetti.

Varicella | Quali Specialisti Contattare?

 

Il pediatra

Dovresti sempre chiamare il pediatra ogni volta che tuo figlio sviluppa un’eruzione cutanea inspiegabile, soprattutto se è accompagnata da sintomi del raffreddore o febbre.

  • Prenota un consulto con il pediatra

Il ginecologo

Informa subito il ginecologo se sei incinta e pensi di aver contratto la varicella. Anche una consulenza ginecologica online in questo caso potrebbe essere importante per ricevere indicazioni utili e veloci.

  • Prenota un consulto con il ginecologo

Il dermatologo

Nel caso i sintomi venissero riscontrati da un adulto, dato che la condizione è più rara, ci si può rivolgere al dermatologo e fissare una visita dermatologica.

Il dermatologo è oltretutto il più qualificato ad escludere anche altre patologie della pelle.

Attenzione! è molto importante che i bambini non grattino via le crosticine per evitare la formazione di cicatrici. Se avete problemi in merito a questo punto contattare un dermatologo.

  • Prenota un consulto con il dermatologo

 

Fonte: Medical News Today

Vuoi collaborare all'articolo?

Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

Diventa uno 'Specialist
Articoli correlati