Facebook pixel

Varicocele : Conoscerlo e Trattarlo nel 2020

Varicocele : Conoscerlo e Trattarlo nel 2020

Se sei una mamma di un ragazzo adolescente e non hai mai sentito parlare di varicocele, ti consigliamo vivamente di leggere questo articolo…soprattutto se desideri diventare nonna!

Stiamo parlando, infatti, di una patologia maschile estremamente diffusa, e con esordio, solitamente, nell’età della pubertà. Capiamo meglio di cosa si tratta e quali sono le migliori cure del varicocele.

1_Cos’è il Varicocele?

Il varicocele è una patologia tipicamente giovanile, anche se questo non vuol dire che l’adulto ne è automaticamente immune.

Col termine varicocele ci si riferisce ad un ingrossamento delle vene all’interno dello scroto. Lo scroto è una sacca coperta di pelle che contiene i testicoli. Contiene anche le arterie e le vene che trasportano il sangue alle ghiandole riproduttive. Un’anomalia delle vene nello scroto può causare un varicocele. PubMed

Si tratta di una patologia molto simile alle vene varicose che si manifestano spesso nelle gambe della donna.

Il varicocele è molto più frequente di quello che si pensa. Si può trovare nel 15 percento della popolazione maschile adulta e in circa il 20 percento dei maschi adolescenti. Ad ogni modo, è più comune nei maschi di età compresa tra 15 e 25 anni.

Solitamente il varicocele riguarda il testicolo sinistro. Estremamente raro il varicocele ad testicolo destro, e ancor più raro a entrambi i testicoli, per ragioni prettamente anatomiche.

2_ I Sintomi del Varicocele | Riconoscerli Spesso è Difficile

Aspettare di riscontrare qualche sintomo prima di decidere di andare a fare una visita di controllo potrebbe essere rischioso, perchè in molti casi il varicocele è, nelle sue prime fasi, completamente asintomatico. Potremmo, quindi, accorgercene quando ha già raggiunto uno stadio avanzato. Anche in questo caso, in realtà, si può comunque intervenire chirurgicamente, tuttavia, come anticipato, prima si diagnostica, più si abbassa il rischio di infertilità.

Tuttavia, prima o dopo si possono comunque riscontrare una serie di sintomi:

  • Senso di pesantezza al testicolo (spesso sinistro) soprattutto in posizione eretta molto spesso capita che il ragazzo inizi a sentire questo fastidio dopo diverse ore che trascorre in piedi, ad esempio dopo la classica partita di calcetto
  • Presenza di un nodulo nel testicolo
  • Gonfiore dello scroto
  • Vene visibili, spesso descritte come cordoni o “vermicelli”
  • Dolore sordo e ricorrente

In questo video, Il professor Stefano Arcieri, chirurgo generale, ci spiega come riconoscere il varicocele e come prevenire l’infertilità maschile:

3_Le Cause del Varicocele

Ma che cosa causa il varicocele? Per rispondere a questa domanda, dobbiamo far luce su una distinzione fondamentale tra due tipologie diverse di varicocele riconosciute dagli esperti: il varicocele idiopatico e il varicocele secondario.

Varicocele Idiopatico

In medicina il termine “idiopatico” viene utilizzato in riferimento a tutte quelle condizioni che insorgono senza una causa specifica riconoscibile. E anche in questo caso, quindi, quando si parla di varicocele idiopatico ci si riferisce ad una condizione abbastanza tipica che interessa soprattutto adolescenti e giovani adulti, una dilatazione delle vene del plesso pampiniforme non associata ad alcuna particolare condizione di salute anomala e per la quale sono sconosciute le cause scatenanti. Si tratta della tipologia più comune di varicocele.

Varicocele Secondario

Il medicina una patologia viene definita “secondaria” quando insorge in seguito ad altre condizioni patologiche in altre zone del corpo. Quando il varicocele si riscontra in uomo che ha superato i 40 anni, è estremamente importante che lo specialista, attraverso una buona diagnosi, individui il giusto tipo di varicocele, perchè si potrebbe essere facilmente in presenza di un varicocele secondario: dilatazione delle vene del plesso pampiniforme che scaturisce dalla presenza di un tumore addominale o pelvico (il tumore maggiormente associato a queste forme di varicocele è il carcinoma renale, un tumore del rene).

Fattori di Rischio

Così come per le cause del varicocele idiopatico, c’è ancora poca chiarezza a proposito dei fattori di rischio che potrebbero celarsi dietro l’insorgenza del varicocele. Quelli individuati, per ora, riguardano la presenza di un parente di primo grado con varicocele e l’alta statura, ma il fattore statura suscita ancora molte perplessità, poichè non tutte le persone alte soffrono di varicocele e, d’altro canto, persone di bassa statura possono riscontrarlo ugualmente.

Le ricerche si stanno concentrando, attualmente, sugli effetti che l’aumento di peso e l’obesità potrebbero avere su questa condizione, ma non si può ancora parlare di alcuna evidenza certa.

4_Diagnosi del Varicocele | Chi sono gli Specialisti da Consultare?

Ci rivolgiamo, ancora una volta, soprattutto alle mamme. Anche in assenza di sintomi, sarebbe utile, lo ripetiamo, decidere di eseguire dei controlli di prevenzione. Anche iniziare andando a fare una normalissima visita da un medico di base può essere un ottimo inizio.

Tuttavia, se il varicocele è asintomatico, potrebbe essere difficile sospettarlo attraverso un semplice esame obiettivo.

Come per ogni patologia, esistono degli specialisti anche per il varicocele. Per una prima visita specialistica, gli specialisti da consultare sono l’urologo o l’andrologo, che si serviranno di appositi strumenti diagnostici per stabilire la presenza o meno della patologia.

Contatta l’urologo più vicino a te

Contatta l’andrologo più vicino a te

 

Se ti stai chiedendo quale sia la differenza tra urologo e andrologo, prova a dare uno sguardo qui  Urologo o Andrologo? Chi fa al caso mio?

L’iter diagnostico prevede, quindi, un esame obiettivo, che è il momento in cui il medico esegue la visita, attraverso un’ispezione dello scroto che permette, in molti casi, di individuare già la presenza di varicosità a livello testicolare. Ma nella maggiorparte dei casi è essenziale procedere verso ulteriori indagini, attraverso adeguati test diagnostici.

I principali  strumenti diagnostici per il varicocele sono:

  • Spermiogramma, per individuare un’eventuale compromissione della qualità del liquido seminale
  • Eco-colorDoppler testicolare, strumento principale nella valutazione del varicocele e soprattutto nelle forme subcliniche di difficile individuazione e definizione fornendo informazioni necessarie all’identificazione e tipizzazione documentando il reflusso venoso.
  • Ecografia scrotale, esame diagnostico non invasivo che utilizza gli ultrasuoni – onde sonore ad alta frequenza innocue per il corpo umano e i suoi tessuti – per “vedere” e studiare l’apparato genitale maschile.

5_Complicazioni del Varicocele | Preveniamo l’Infertilità!

Il varicocele, a differenza delle vene varicose, non comporta conseguenze invalidanti per la salute e il tenore di vita dell’uomo…a parte una: l’infertilità.

Un varicocele può, infatti, comportare una riduzione della produzione e della qualità dello sperma, il che può condurre all’infertilità maschile EBM.

La fertilità viene compromessa, in realtà, con l’andare del tempo. Se prima gli uomini diventavano padri già all’età di 20 anni, adesso l’età media è diventata minimo i 30. Questo vuol dire che una persona con questo tipo di problematica avrà una storia di varicocele, se insorta in età puberale, di almeno 15 anni, il che aumenta il rischio di infertilità. Quindi bisogna considerare il varicocele in ottica di prevenzione futura.

Inoltre, se fino a qualche decennio fa le visite andrologiche erano di routine, perchè previste obbligatoriamente con l’inizio della leva militare, adesso è molto più difficile che questa patologia venga diagnosticata, perchè i ragazzi non arrivano più a fare questo tipo di visite.

Il consiglio per le mamme: portate i vostri figli a fare un controllo di prevenzione!

Esistono, infatti, molte tecniche di cura del varicocele sicure e semplici, che sono tanto più efficaci quanto prima vengono eseguite. Il modo più sicuro per prevenire il varicocele è diagnosticarlo il prima possibile.

6_Le Migliori Cure Per il Varicocele | Il Parere degli Esperti

Ma veniamo a noi. Il varicocele si può curare? La risposta è: assolutamente sì! Il varicocele si tratta con facilità.

Tecniche di rimozione del varicocele a confronto

le migliori cure per il varicocele

Ascoltiamo, in questo video, il parere di un esperto, il dott. Antonio Casarico, specialista in urologia e cardiologia, che ci aiuta a capire quando e perchè rimuovere il varicocele

Innanzitutto, è importante sapere che non in tutti i casi di varicocele è richiesto un trattamento. A volte il varicocele può non indurre a nessuna particolare complicazione. In altri casi, invece, quando si attesta una riduzione del volume del testicolo e/o una riduzione del numero di spermatozoi rilevata attraverso lo spermiogramma,

Sarà quindi lo specialista che, a seconda del grado del varicocele e dello stato della fertilità del ragazzo, consiglierà di intervenire o meno.

Esistono tre principali tipi di intervento per la rimozione del varicocele:

  • CHIRURGIA CLASSICA “A CIELO APERTO”
  • CHIRURGIA LAPAROSCOPICA
  • RADIOLOGIA INTERVENTISTA: SCLEROEMBOLIZZAZIONE

#1 CHIRURGIA CLASSICA “A CIELO APERTO”

Ci si riferisce alla tecnica chirurgica più tradizionale, che prevede semplicemente un minuscolo taglio a livello inguinale.  Attraverso questo piccolo taglio, si legano e si eliminano le vene varicose dilatate. Al termine dell’operazione, è previsto un periodo di osservazione della durata di qualche ora, che serve a monitorare le condizioni del paziente. Al giorno d’oggi, le incisioni praticate sono davvero piccolissime e, data la zona nascosta (zona coperta da peli pubici) il buchetto risulterà poi praticamente invisibile. PubMed

  • eseguita da urologo e andrologo

#2 CHIRURGIA LAPAROSCOPICA

La chirurgia laparoscopica è una tecnica minimamente invasiva, eseguita in laparoscopia, quindi con l’ausilio della telecamera.  il medico operante può accedere alla cavità addominale e alla cavità pelvica di un paziente, senza ricorrere alle incisioni richieste dalla chirurgia tradizionale “a cielo aperto”; le incisioni laparoscopiche misurano solo un centimetro, che è quanto basta per introdurre gli strumenti chirurgici necessari all’isolamento delle vene dilatate. Questo intervento è di gran lunga più dispendioso rispetto alla chirurgia classica, e non ci sono grosse differenze rispetto all’efficacia. Inoltre, data la minima invasività prevista anche dalla chirurgia tradizionale, spesso gli specialisti sconsigliano la laparoscopia, per un semplice motivo di rapporto costi-benefici. PubMed

  • eseguita da urologo e andrologo

Laparoscopia | Guarda il Video dell’Intervento Minuto per Minuto

Attenzione! Anche questo video mostra tutto quello che succede durante l’intervento. Questa volta, però, in laparoscopia.

 

#3 SCREROEMBOLIZZAZIONE

L’embolizzazione è una procedura sicura e indolore che viene eseguita in regime ambulatoriale. Attraverso un piccolo catetere endovascolare che entra nella circolazione venosa, si arriva fino alla vena “malata” e si iniettano sostanze sclerosanti che si sciolgono nel sangue, bloccando il flusso sanguigno. Il principio è lo stesso della sclerotizzazione delle vene varicose. PubMed

  • eseguita da radiologi interventisti 

Scleroembolizzazione | Guarda il Video dell’Intervento Minuto per Minuto

Attenzione! Questo video è solo per i più coraggiosi! Il Dottor Diego Pozza, specialista in andrologia,endocrinologia, chirurgia generale e oncologia, ci mostra, passo dopo passo, cosa succede durante un intervento di scleroembolizzazione:

Il Verdetto Finale

Il varicocele è una patologia maschile estremamente comune e, molto spesso, asintomatica. Pertanto, senza dei periodici controlli, non è sempre semplice accorgersi di averla. Eppure trascurare la sua diagnosi potrebbe avere un costo rilevante, come rinunciare ad essere padre. Quindi?

La prevenzione primaria è di fondamentale importanza!

Se diagnosticato in giovane età, attraverso semplici interventi di rimozione è possibile azzerare il rischio di infertilità.

 

 

Vuoi collaborare all'articolo?

Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

Diventa uno 'Specialist
Articoli correlati