Facebook pixel

Vigoressia

Vigoressia

Essere preoccupati per lo sviluppo muscolare può comportare un disturbo dell’immagine corporea simile all’anoressia. La vigoressia o bigoressia (dismorfia muscolare) colpisce ormai centinaia di migliaia di uomini. Per alcuni uomini, lo sviluppo muscolare è una preoccupazione così pervasiva che arrivano a perdersi eventi importanti della propria vita, continuando ad allenarsi nonostante il dolore o le ossa rotte, talvolta fino a perdere il lavoro piuttosto che rinunciare al proprio programma di allenamento e accrescimento muscolare.

Dismorfismo muscolare

Il termine “dismorfismo muscolare” è stato coniato negli anni ’90 per descrivere questa nuova forma di disturbo. Altre persone si riferiscono alla condizione come ” anoressia inversa ” e ora più comunemente “bigoressia” o “vigoressia”.

Le cause non sono note e i ricercatori diagnosticano la condizione in modi diversi. Alcuni ritengono che la vigoressia dovrebbe essere considerata come un disturbo alimentare, secondo altri si tratta di una dipendenza comportamentale, mentre altri ancora pongono l’enfasi su dismorfismo corporeo che caratterizza questa condizione.

Possibili Conseguenze della Vigoressia

Se non trattata, la vigoressia può portare a:

  • abuso di steroidi
  • depressione
  • pensieri di suicidio

Altre condizioni di salute mentale, come un’alimentazione disordinata e il disturbo ossessivo-compulsivo, possono svolgere un ruolo nell’insorgenza di questa condizione.

Sintomi di Vigoressia

La vigoressia è principalmente una condizione psicologica, sebbene possa manifestarsi tramite comportamenti osservabili.

Tra i sintomi più frequenti troviamo:

  • ossessione per il proprio aspetto
  • una fissazione per la dieta e un abuso di integratori alimentari
  • uso di farmaci e steroidi per il miglioramento della forma fisica
  • insoddisfazione per il proprio aspetto con conseguente statio d’animo depresso o senso di rabbia

La caratteristica principale della vigoressia è il pensiero che, per quanto ci provi, il tuo corpo non è mai abbastanza muscoloso.

La condizione è riconosciuta come più comune negli uomini sebbene alcune donne bodybuilder siano state segnalate con sintomi simili. La maggior parte degli uomini con vigoressia sono sollevatori di pesi, ma questo non significa che essere appassionati del sollevamento pesi porti automaticamente alla vigoressia.

Rispetto ai normali sollevatori di pesi che riferiscono di spendere fino a 40 minuti al giorno pensando allo sviluppo del corpo, gli uomini con vigoressia riferiscono di trascorrere cinque o più ore al giorno pensando che il loro corpo sia sottosviluppato.

Diete molto rigide sono spesso coinvolte in questa sindrome. I vigoressici raramente mangiano a casa di un’altra persona o al ristorante perché non sono in grado di controllare l’equilibrio alimentare o sapere esattamente cosa è stato fatto nella preparazione del cibo. È noto che gli  uomini sviluppano disturbi alimentari come la bulimia.

Sintomi di Vigoressia: confronto sociale continuo

Gli uomini vigoressici confrontano costantemente il proprio fisico con quello di altri uomini. Tuttavia, la loro percezione è sempre errata, perchè tendono a giudicarsi negativamente rispetto agli altri. Anche osservando uomini di uguale corporatura si giudicheranno più piccoli.

Sintomi di Vigoressia: uso di steroidi

L’uso di steroidi anabolizzanti è molto comune tra i vigoressici. Gli uomini continuano a usare steroidi nonostante sperimentino effetti collaterali come aumento dell’aggressività, acne, calvizie, impotenza e restringimento dei testicoli.

Sintomi di Vigoressia: Fattori Psicologici

A differenza di molti bodybuilder che godono dell’opportunità di mostrare il proprio fisico in pubblico, i vigoressici non traggono soddisfazione da questo tipo di esibizione sociale. Molti si nascondono per giorni alla volta a causa dell’imbarazzo per la loro forma fisica. Uno studio ha descritto un uomo che evitava il sesso con sua moglie perchè temeva di consumare energia che poteva applicare al bodybuilding.

Esistono fattori di rischio per lo sviluppo della vigoressia?

In genere, gli uomini con vigoressia hanno una bassa autostima. Molti riferiscono di essere stati presi in giro a scuola ed essere stati vittime di bullismo. Esperienze di vita e fattori di personalità possono portare allo sviluppo di in un cattivo senso di sé e sentimenti di vuoto. Gli studi hanno anche scoperto che il 29% degli uomini con vigoressia aveva una storia di disturbo d’ansia e il 58% mostrava qualche altra forma di  disturbo dell’umore .

Uno studio del 2019 su oltre 14.000 giovani ha rilevato che il 22% dei maschi e il 5% delle femmine ha riferito di avere schemi alimentari disordinati legati all’allenamento e all’aumento dei muscoli.

Lo stesso studio ha anche scoperto che avere altre condizioni di salute mentale può aumentare il rischio di vigoressia. Anche le persone che praticano il bodybuilding, alcuni sport o le comunità di wrestling hanno maggiori probabilità di avere questa condizione.

Esistono trattamenti per la Vigoressia?

Se soffri di vigoressia, potresti essere alla ricerca di modi per controllare i tuoi sintomi.

Sebbene ci siano alcune cose che puoi fare a casa, è necessario rivolgersi ad un professionista della salute mentale per curare la condizione.

Cambiamenti nello Stile di Vita

Puoi iniziare a cambiare alcuni aspetti del tuo stile di vita tra cui:

  • limitare gli esercizi e le attività di sollevamento pesi da 30 minuti a un’ora al giorno
  • interrompere l’uso di steroidi, frullati proteici e integratori per il fitness
  • eliminare i tracker di calorie e le app per il fitness dai tuoi dispositivi
  • identificare e affrontare altri comportamenti che possono influire sulla tua condizione, tra cui alimentazione incontrollata, fumo e uso pesante di alcol

 

La Psicoterapia

Potresti anche parlare con un professionista della salute mentale dei tuoi sintomi, soprattutto se il dismorfismo muscolare sta influenzando le tue relazioni e inducendoti a considerare l’autolesionismo.

I trattamenti possono includere:

  • un percorso di psicoterapia individuale per giungere ad una consapevolezza dei fattori che hanno portato allo sviluppo del problema
  • terapia cognitivo comportamentale (CBT) per identificare i modelli di pensiero e cambiare il modo di rispondere del cervello
  • terapia dell’esposizione / prevenzione rituale (E / RT) per aiutarti a trovare modi alternativi per affrontare le preoccupazioni negative
  • ricalibrazione percettiva per cambiare il modo in cui vedi il tuo corpo

Se soffri di dismorfismo muscolare insieme ad altre condizioni di salute mentale, lo psichiatra può raccomandare un farmaco come un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina (SSRI) per stabilizzare l’umore durante il trattamento.

Contatta uno Specialista

  • psicoterapeuta
  • psichiatra

Come posso affrontare la Vigoressia?

Queste strategie possono aiutarti a gestire i tuoi sintomi e darti un senso di controllo:

  • Partecipa a gruppi di recupero e supporto per persone con dismorfismo corporeo.
  • Pratica la meditazione e gli esercizi di respirazione profonda .
  • Trascorri il tuo tempo attivo all’aperto invece che in palestra.
  • Tieni un diario in cui annoti i tuoi sintomi e il modo in cui ti senti.
  • Identifica i fattori scatenanti ed evitali ogni volta che puoi. Un fattore scatenante può essere qualsiasi cosa, da un film in cui a una persona che critica il tuo corpo.

“Bigorexia” – il Documentario che fa Luce sulla Sofferenza Psicologica di Chi è Affetto da Vigoressia

Si stima che 1 persona su 50 abbia qualche tipo di dismorfismo corporeo. Un documentario chiamato “Bigorexia” ha fatto luce sul modo in cui la dismorfia muscolare influisce sulla comunità del bodybuilding professionale.

 

In Conclusione: Cosa Fare per Sconfiggere la Vigoressia?

Parlare con un amico, un familiare o qualcun altro di cui ti fidi delle tue esperienze con la vigoressia può essere un primo passo utile per riprendere il controllo della tua vita dall’ossessione di guardare in un certo modo.

Un percorso di psicoterapia può aiutarti a uscire da una spirale di convinzioni malsani e a interrompere un pensiero ossessivo che ti impedisce di vivere appieno la tua vita.

 

 

Fonti:

  1. Tod D, Edwards C, Cranswick I. Dismorfismo muscolare: approfondimenti attuali . Psychol Res Behav Manag . 2016; 9: 179–188. doi: 10.2147 / PRBM.S97404
  2. Gruber AJ, Pope HG Jr. Sollevamento pesi compulsivo e abuso di farmaci anabolizzanti tra le donne vittime di stupro . Compr Psychiatry . 1999; 40 (4): 273–277. doi: 10.1016 / s0010-440x (99) 90127-x
  3. Olivardia R. Specchio, specchio a muro, chi è il più grande di tutti? Le caratteristiche e la fenomenologia della dismorfologia muscolare . Harv Rev Psychiatry . 2001; 9 (5): 254–259.
  4. Corazza O, Simonato P, Demetrovics Z, et al. L’emergere di dipendenza da esercizio, disturbo dismorfico corporeo e altri correlati psicopatologici legati all’immagine in contesti di fitness: uno studio trasversale . PLoS One . 2019; 14 (4): e0213060. doi: 10.1371 / journal.pone.0213060
  5. Cunningham ML, Griffiths S, Mitchison D, Mond JM, Castle D, Murray SB. Dismorfismo muscolare: una panoramica delle caratteristiche cliniche e delle opzioni di trattamento . J Cog Psychother . 2017; 31 (4). doi: 10.1891 / 0889-8391.31.4.255
  6. Strother E, Lemberg R, Stanford SC, Turberville D.Disturbi alimentari negli uomini: sottodiagnosticati, sottotrattati e fraintesi . Mangia disturbo . 2012; 20 (5): 346–355. doi: 10.1080 / 10640266.2012.715512
  7. Horwitz H, Andersen JT, Dalhoff KP. Conseguenze sulla salute dell’uso di steroidi anabolizzanti androgeni . J Intern Med . 2019; 285 (3): 333-340. doi: 10.1111 / joim.12850
  8. Olivardia R, Pope HG Jr, Hudson JI. Dismorfismo muscolare nei sollevatori di pesi maschi: uno studio caso-controllo . Sono J Psychiatry . 2000; 157 (8): 1291–1296. doi: 10.1176 / appi.ajp.157.8.1291
  9. Schneider C, Agthe M, Yanagida T, Voracek M, Hennig-Fast K.Effetti di dismorfismo muscolare, confronti sociali e priming dello schema corporeo sul desiderio di interazione sociale: un approccio sperimentale . BMC Psychol . 2017; 5 (1): 19. doi: 10.1186 / s40359-017-0189-9
  10. Greenberg JL, Blashill AJ, Ragan J, Fang A. Terapia cognitivo comportamentale per il disturbo dismorfico del corpo . In: Petersen T, E. Sprich S, Wilhelm S, eds., The Massachusetts General Hospital Handbook of Cognitive Behavioral Therapy. Psichiatria clinica attuale . Humana Press, New York, NY: Humana Press; 2016. doi: 10.1007 / 978-1-4939-2605-3_11
Vuoi collaborare all'articolo?

Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

Diventa uno 'Specialist
Articoli correlati