Questa pagina contiene annunci di servizi o prodotti che riteniamo utili per i nostri lettori. Scopri il nostro processo di selezione

Accessori per lo yoga: quali scegliere?
Sicuramente non può mancare il tappetino e una tuta comoda e versatile, ma esistono anche altri oggetti utili per approcciare questa miracolosa disciplina.

Di seguito troverai i nostri consigli sugli accessori yoga indispensabili sia per i principianti sia per chi vuole raggiungere un livello più avanzato dello yoga.

Sommario

  1. Il Tappetino da Yoga
  2. Blocchi per lo Yoga: come usarli e quali comprare
  3. Flessibilità ed equilibrio coi mattoncini per lo Yoga
  4. Perché usare mattoni e blocchi yoga?
  5. Blocchi: uno degli accessori più popolari nello Yoga
  6. Blocchi Yoga: Quali Scegliere? Guida ai Materiali
  7. Conclusioni

1. Il tappetino da Yoga

Il tappetino da yoga in genere è la prima cosa che acquistiamo quando ci avviciniamo al mondo dello yoga, in quanto è indispensabile per praticare comodamente le posizioni.

Tuttavia il tappetino è molto di più di una semplice stuoia che stendiamo a terra. Il tappetino deve sostenerci nell’esecuzione degli asana, da quelli più semplici alle posizioni avanzate, e deve essere un supporto comodo, resistente e confortevole.

Per questo motivo la sua scelta non può limitarsi al colore più bello, o al prezzo più conveniente.

  • Un tappetino yoga con un ottimo rapporto qualità prezzo è quello della TOPLUS

2. Blocchi per lo Yoga: come usarli e quali comprare

I blocchi, chiamati anche mattoni o mattoncini per lo Yoga sono accessori davvero pratici, utili in molte situazioni e grazie a loro fai progressi in flessibilità, equilibrio e allineamento.

3. Flessibilità ed equilibrio coi mattoncini per lo Yoga

Grazie ai blocchi per lo Yoga, potrai provare varianti delle classiche posture, anche quelle che oggi non riesci a fare bene. Con questi supporti infatti offri al tuo corpo la possibilità di migliorare poco alla volta, senza farti male, fino a raggiungere obiettivi che oggi sembrano lontani.

Anche per mantenere più a lungo le diverse posture, i blocchi possono essere un grande alleato.

La flessibilità è qualcosa che si raggiunge con il tempo e con la pratica, nessuno quando comincia a fare Yoga è flessibile al 100%.

Proprio grazie ai blocchi è possibile allenare la flessibilità in un tempo minore, soprattutto riducendo notevolmente la possibilità di esagerare e farsi male.

In ogni caso, anche se scegli di usare un blocco durante la tua pratica, ricorda di ascoltare sempre il tuo corpo e non forzare mai, conquista la flessibilità nel rispetto della tua condizione fisica e del tempo necessario, che varia da persona a persona.

Lo yoga Iyengar è una disciplina che integra maggiormente l’uso di diversi accessori per lo yoga, ma nel tempo è stata affiancata dalla maggior parte delle altre discipline.

4. Perché usare mattoni e blocchi yoga?

È semplicemente essenziale preservare il tuo corpo. La flessibilità non è necessariamente un dono, ed è chiaro che non partiamo tutti dallo stesso punto di partenza. La flessibilità viene acquisita nel tempo e con la ripetizione costante.

Nel frattempo, anche una postura molto semplice può essere dolorosa all’inizio. Inoltre le articolazioni non apprezzano molto le nuove posizioni, i muscoli non si allungano subito e, inevitabilmente, il corpo proverà a trovare una postura che lo faccia soffrire di meno.

5. Blocchi: uno degli accessori più popolari nello Yoga

Gli accessori yoga sono stati resi popolari da BKS Iyengar come strumenti per sostenere il corpo e consentire un’espressione più profonda nell’allineamento di una posizione yoga.

I blocchi yoga sono spesso usati come estensione di una delle mani, ma sono anche usati per sostenere la schiena, la testa e i fianchi e approfondire la percezione dell’allineamento.

Un blocco yoga è molto utile per gli studenti che iniziano o per coloro che hanno subito lesioni o altre limitazioni fisiche, ma i professionisti più esperti possono utilizzare questi accessori per apprendere in sicurezza le nuove posture più impegnative.

Quando acquisti un blocco yoga, dovrai considerare dimensioni, materiale, costi e quantità.

BKS Iyengar ha affermato che il blocco ideale misura 22,8 cm x 11,44 cm x 7,6 cm, ma troverai blocchi più grandi o più piccoli di questo. La scelta di un blocco più grande o più piccolo dipenderà dalla dimensione delle mani e dal livello di flessibilità.

Se hai le mani piccole e una buona flessibilità, dovresti considerare un blocco di piccole dimensioni. Se al contrario, se hai mani grandi e poca flessibilità, prendi in considerazione la possibilità di considerare un blocco di grandi dimensioni.

6. Blocchi Yoga: Quali Scegliere? Guida ai Materiali

In origine i blocchi yoga erano fatti di legno, ma ora sono anche fatti di schiuma e sughero.

Blocchi di legno

I blocchi di legno sono spesso realizzati in bambù, legno di betulla, acero, pino, e pioppo.

I legni duri saranno più resistenti, mentre quelli più morbidi saranno più leggeri.

I blocchi di legno sono relativamente duri e pesanti (di solito pesano tra 675 grammi e 1,2 chili) ma sono molto forti, e dureranno per sempre.

Conclusioni

Esiste un’intera gamma di meravigliosi accessori Yoga per aiutare a mantenere l’equilibrio e favorire il corretto allineamento del corpo. Ti consigliamo di puntare sempre sulla qualità dei materiali. L’accessorio giusto può fare davvero la differenza nel modo di praticare lo yoga, aiutandoti a coltivare una maggiore padronanza anche delle posizioni yoga più complicate.

Justyna Ochnik - Istruttrice Yoga

Sono un’insegnante certificata Yoga Alliance 200h RYT presso la Scuola di Formazione Internazionale Zoé Animal Yoga di Enrico De Luca a Napoli. Insegno Hatha (stabilità) Vinyasa (fluidità) e Yin (consapevolezza) Yoga da sette anni. Ho maturato numerose esperienze formative in Germania, Austria, Polonia e Italia. Oggi sono lieta di insegnare al centro Nichè Fitness Wellness Lifestyle dove con il mio approccio innovativo vorrei ampliare il significato di Benessere.

leggi di più

Justyna Ochnik - Istruttore di Yoga