Facebook pixel

La Guida Definitiva su Come Trattare l’Alluce Valgo | Avere la “cipolla” non è un dramma!

La Guida Definitiva su Come Trattare l’Alluce Valgo | Avere la “cipolla” non è un dramma!

Smettiamola di nasconderlo sotto strati di calzini o di scarpe supercoprenti anche d’estate: l’alluce valgo è una sfiga che accomuna tantissime donne (con un rapporto addirittura di 15:1  sui fortunati uomini!)

Secondo le stime, in Italia circa il 40% delle donne è affetto da alluce valgo

A volte dipende dalle calzature che portiamo, altre volte da specifiche patologie, come l’artrite reumatoide, ma diciamocelo: molto spesso è una “dote” che ereditiamo alla nascita (grazie tante, mamma).

In questo articolo, cercheremo di capire cosa sia, dopotutto, questa fantomatica cipolla e, una volta per tutte, come trattare l’alluce valgo.

Cos’è l’Alluce Valgo?

Per le più fortunate, che evidentemente non ce l’hanno, spieghiamo brevemente di che stiamo parlando. L’alluce valgo è una deformazione delle articolazioni del piede, caratterizzata da una deviazione dell’alluce che spinge verso le altre dita (andando gradualmente a deformarle), con contemporanea sporgenza mediale del primo osso metatarsale (la cosiddetta “cipolla”).

Trattare Alluce Valgo: i Sintomi

Ma proviamo ora a capire quali alternative abbiamo alla più comune tendenza del piangerci addosso escogitando mille strategie per nascondere i nostri poveri piedi!

10 Consigli su Come Gestire e Trattare l’Alluce Valgo

1.Indossa le scarpe giuste

Mi dispiace dirlo, ma i tacchi eccessivamente alti sono da evitare, poiché costringono il piede ad una posizione innaturale, accorciando il tendine di Achille e destabilizzando la ripartizione del peso sul piede. Se proprio non riesci a fare a meno del tacco, che sia massimo di 4 cm. Occhio alla forma della suola, che è la parte più importante: dovrebbe adattarsi comodamente al tallone e la parte anteriore dovrebbe essere sufficientemente spaziosa e flessibile per accogliere la punta del piede ed assecondarne i movimenti (come la maggior parte delle calzature sportive). Quindi, le scarpe con la punta stretta sono assolutamente bandite.  In realtà, anche le scarpe bassissime, come le famosissime ballerine, non portano giovamento al piede e alla postura. Quindi in generale bisogna evitare gli estremi. Da evitare sono anche le infradito perché, essendo prive di supporto per l’arco plantare, esercitano una pressione extra sull’articolazione dell’alluce.

In generale, la scarpa migliore da indossare riprende la forma naturale dell’arco plantare, fornendo sostegno, protezione dagli urti e contenimento del piede.

2.Inserisci dei plantari comodi

Se hai delle scarpe a cui tieni particolarmente, ma che non corrispondono proprio alla descrizione appena fatta, non ti diremo di buttarle via senza pietà. Però, oltre all’accortezza di usarle poco, potresti inserire dei plantari, che consentono di evitare un sovraccarico della parte anteriore del piede e aiutano a minimizzare la sintomatologia dolorosa. I plantari migliori possono essere acquistati in farmacia, o possono essere fatti su misura in base alle esigenze individuali. I plantari personalizzati, dovrebbero aiutare, nello stesso tempo , a proteggere il piede e a costringerlo nella posizione corretta.

Prova questi! Alluce Valgo – Plantari Ortopedici correttivi 

3. Muovi le dita dei piedi

Che tu sia a casa o a lavoro, individua dei momenti in cui puoi togliere le scarpe e muovere e allungare le dita dei piedi. Questa accortezza ti aiuterà a ridurre la pressione che a lungo andare si accumula sulle dita, e di conseguenza a ridurre il fastidio/dolore.

4. Allontana le dita dei piedi

Per ridurre la pressione, oltre a muovere le dita sarebbe bene tenerle per qualche periodo di tempo distanziate tra di loro. Vale soprattutto per coloro che sono giù ad uno stadio più avanzato, in cui le dita sono (quasi o completamente) accavallate tra loro. Esistono, per questo, degli appositi distanziatori, ideati per tenerli tutta la notte, o anche di giorno all’interno delle scarpe.

Prova questo!Tutore Alluce Valgo – Separatore Dita dei Piedi

5. Ammortizza l’alluce valgo

Soprattutto per chi tende a camminare molto, potrebbe essere utile ammortizzare il peso che finisce sul piede attraverso un cuscinetto (ne esistono di appositi per l’alluce valgo, ma vanno benissimo anche batuffoli di ovatta) posizionato proprio sotto il nodino della “cipolla”, per alleviare una parte della pressione e rendere meno probabile che la zona sia irritata dalle scarpe.

6. Bagni di acqua e sale

Chi è ad uno stadio avanzato, sa benissimo che dopo una giornata lavorativa l’infiammazione della “cipolla” è costantemente dietro l’angolo. Personalmente, ormai tutte le sere ritrovo la zona sempre più gonfia e rossa. Un rimedio semplice ed economico per sgonfiare la zona circostante l’osso sporgente e ridurre l’infiammazione è immergere per qualche minuto il piede in acqua tiepida e sale.

7. Usa il ghiaccio

Il gonfiore e l’infiammazione, purtroppo, molto spesso arrivano insieme ad un bel po’ di dolore, soprattutto nei cambi di stagione, quando il tempo cambia repentinamente. Se l’alluce inizia a far particolarmente male, a volte fare impacchi di ghiaccio da applicare direttamente sulla zona aiuta a ridurre gonfiore, infiammazione e dolore più velocemente.

8. Riposati spesso

Può sembrare scontato ma, soprattutto per gli stacanovisti, il riposo non viene mai preso realmente in considerazione. E invece, signore e signori (ma soprattutto signore) il riposo è un’opzione! Importante è, quando si soffre di alluce valgo, ricordarsi di farlo più volte al giorno, per evitare di arrivare di sera con due palline al posto dei piedi!

9. Massaggia i piedi

Il sollievo immediato che porta un bel massaggio ai piedi, anche fai da te, è innegabile, quindi non rinunciarci. Ogni sera, massaggia i piedi muovendoli  facendo una leggera pressione su una pallina da tennis e muovi dolcemente con le mani gli alluci in modo circolare.

10. Fai esercizi per i piedi

Non solo addominali e glutei meritano la tua attenzione attraverso il workout! Anche i piedi hanno bisogno di essere rinforzati con degli esercizi mirati. Avere muscoli del piede deboli può essere associato a dolori maggiori e  a problemi di deambulazione nelle persone con l’alluce valgo. Di esercizi ce ne sono parecchi. Nel prossimo paragrafo, ti consigliamo quelli più semplici.

6 Esercizi per l’Alluce Valgo

Proviamo a descrivere, quindi, i migliori esercizi per l’alluce valgo. Si tratta di esercizi facilissimi che puoi fare tranquillamente a casa in piena autonomia, per provare ad alleviare i sintomi dell’alluce valgo.

Come trattare l'alluce valgo

#1 Massaggio con Pallina

Fai rotolare, applicando una leggera pressione, il piede su una pallina da tennis, partendo dall’arco plantare fino alle dita e poi in direzione opposta fino al tallone. A ogni passaggio bisognerà mantenere la posizione per qualche secondo. Questo esercizio è utile per prevenire l’aggravamento dell’alluce valgo e per alleviare i sintomi.

 

Flessione delle dita

#2 Flessione delle dita

Con le mani, tira l’alluce più all’indietro possibile (verso il dorso del piede), senza causare troppo dolore, e poi ripiegalo (verso la pianta del piede). Tieni l’alluce in questa posizione per 20-30 secondi e poi rilascia. Puoi provare a piegare l’alluce avanti e indietro usando solo i muscoli del piede prima di eseguire un’altra ripetizione di questo esercizio.

Come trattare alluce valgo

#3 Flessione della caviglia

L’altro esercizio di dorsoriflessione si applica attraverso una fascia elastica, e serve per rinforzare i muscoli della caviglia. Siediti sul pavimento e distendi le gambe, lasciando le braccia stese sui fianchi. La fascia elastica va posizionata sulla parte superiore dell’avampiede con le dita rivolte verso l’alto. A questo punto, un aiutante dovrà prendere le estremità della fascia e tenerle salde con la mano (o si può fissarla ad esempio alle gambe di un tavolo o di un letto). Da questa posizione, tira le dita dei piedi verso di te, facendo resistenza contro la fascia.

Camminata senza scarpe

#4 Camminata senza scarpe

Camminare scalzi può rafforzare i muscoli delle dita del piede, diminuendo quindi la possibilità di aggravare la borsite (il rigonfiamento dell’osso che sporge). Se ne hai la possibilità, puoi andare anche a camminare sulla sabbia (in spiaggia). Questo tipo di superficie può darti un leggero massaggio ai piedi e aiutarti a rafforzare le dita.

 

Mobilità delle dita con asciugamano

#5 Mobilità delle dita con asciugamano

Siediti su una sedia, togli le scarpe e poggia i piedi su un asciugamano. Tenendo il tallone a contatto con il pavimento, trascina il panno verso di te con le dita dei piedi e poi rilascialo. Questo esercizio rafforza i muscoli della pianta del piede e può correggere gli squilibri muscolari che possono causare lo sviluppo della patologia.

Gioco con biglie

#6 Gioco con biglie

Per sviluppare una maggiore flessibilità del piede, si può provare a fare il gioco delle biglie. Raccogli, utilizzando unicamente le dita dei piedi, delle biglie, e inseriscile all’interno di un bicchiere. All’inizio può sembrare complicatissimo, ma la perseveranza ti aiuterà ad utilizzare, in modo sempre più automatico, muscoli che non eri abituato ad utilizzare.


Esercizio con elastico

#7 Esercizio con elastico

Posiziona una fascia elastica attorno ad entrambi gli alluci su ciascun piede, quindi muovi i piedi verso l’esterno, in modo che entrambi gli alluci si distendano completamente (allontanandosi dalle altre dite), e mantieni la posizione per 1 minuto. Questo esercizio è uno dei più efficaci ed è consigliato anche da molti professionisti.

Alluce Valgo: Rimedi Chirurgici

E veniamo alla parte che forse interessa di più, soprattutto per chi soffre da anni di problematiche (estetiche e di dolore) legate all’alluce valgo: l’intervento chirurgico. Tutti i consigli e gli esercizi elencati finora sono certamente validi, ma unicamente per alleviare i sintomi, mentre è chiaro che per eliminare un problema che riguarda la struttura ossea, l’unica soluzione tangibile resta quella chirurgica.

Il trattamento chirurgico, tuttavia, è consigliato solo e soltanto se tutti i rimedi alternativi non riescono ad alleviare i sintomi e a fornire sollievo (quindi se la conformazione ossea del piede continua a provocare dolore e ad interferire con le normali attività quotidiane). In caso contrario, il trattamento chirurgico non è mai consigliato solo per ragioni estetiche.

Esistono diverse tecniche chirurgiche di correzione dell’alluce valgo, e chiaramente variano in base all’individuo e all’entità della problematica.

L’operazione può essere effettuata in anestesia locale o generale. Il tempo di recupero dipende dal tipo di tecnica utilizzata ma, generalmente, viene messo un bendaggio che poi viene tolto dopo circa un mese.

Dopo l’intervento chirurgico, potrebbe essere necessario anche indossare un gesso, oppure un’apposita scarpa ortopedica che aiuti a mantenere il piede nella posizione corretta fino a quando le ossa non si siano consolidate.

L’importanza della visita specialistica

Fondamentale, come al solito, è affidarsi in mani esperte, per procedere con una corretta diagnosi e per riceve un parere sulla necessità o meno dell’intervento chirurgico.

Inoltre, un bravo specialista saprà pianificare nel dettaglio l’iter terapeutico corretto.

  • Contatta l’ortopedico più vicino a te 

 

    Vuoi collaborare all'articolo?

    Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

    Diventa uno 'Specialist

    Articoli correlati