Questa pagina contiene annunci di servizi o prodotti che riteniamo utili per i nostri lettori. Scopri il nostro processo di selezione

Un ecocardiogramma utilizza le onde sonore per produrre immagini del cuore. Questo test comune consente al cardiologo di vedere il tuo cuore battere e pompare sangue. Il medico può utilizzare le immagini di un ecocardiogramma per identificare le malattie cardiache.

Esistono diversi tipi di ecocardiogramma, a seconda delle informazioni necessarie al cardiologo per effettuare una corretta diagnosi.

Cos’è l’ecocardiogramma?

È un tipo di ecografia , il che significa che una piccola sonda viene utilizzata per inviare onde sonore ad alta frequenza che creano echi quando rimbalzano su diverse parti del corpo.

Questi echi vengono rilevati dalla sonda e trasformati in un’immagine in movimento su un monitor durante l’esecuzione della scansione.

Un ecocardiogramma può essere richiesto da un cardiologo o da qualsiasi medico che sospetta un problema al cuore.

Il test viene solitamente eseguito presso un ospedale o una clinica da un cardiologo, fisiologo cardiaco o un tecnico qualificato chiamato ecografista.

Quando viene utilizzato un ecocardiogramma

Un ecocardiogramma può aiutare a diagnosticare e monitorare determinate condizioni cardiache controllando la struttura del cuore e dei vasi sanguigni circostanti, analizzando il modo in cui il sangue scorre attraverso di essi e valutando le camere di pompaggio del cuore.

Un ecocardiogramma può aiutare a rilevare:

  • danno da un attacco di cuore – dove l’afflusso di sangue al cuore è stato improvvisamente bloccato
  • insufficienza cardiaca  – dove il cuore non riesce a pompare abbastanza sangue intorno al corpo alla giusta pressione
  • cardiopatie congenite  – difetti alla nascita che influenzano il normale funzionamento del cuore
  • problemi con le valvole cardiache – problemi che interessano le valvole che controllano il flusso di sangue all’interno del cuore
  • cardiomiopatia  – dove le pareti del cuore si ispessiscono o si ingrandiscono
  • endocardite  – un’infezione nel rivestimento del cuore che danneggia le valvole cardiache

Un ecocardiogramma può anche aiutare i medici a decidere il miglior trattamento per queste condizioni.

Ecocardiogramma transtoracico

Un uomo sdraiato sul letto con sensori e sonda a ultrasuoni sul petto nudo. Un tecnico, a sinistra, guarda uno schermo

In questo tipo standard di ecocardiogramma:

  • Un tecnico (ecografista) diffonde il gel su un dispositivo (trasduttore).
  • L’ecografista preme saldamente il trasduttore contro la pelle, puntando un fascio di ultrasuoni attraverso il petto fino al cuore.
  • Il trasduttore registra l’eco dell’onda sonora dal tuo cuore.
  • Un computer converte gli echi in immagini in movimento su un monitor.

Se i polmoni o le costole bloccano la vista, potrebbe essere necessario iniettare una piccola quantità di un agente potenziante attraverso una linea endovenosa (IV). L’agente potenziante, che è generalmente sicuro e ben tollerato, farà apparire più chiaramente le strutture del tuo cuore su un monitor.

Ecocardiogramma transesofageo

Se il medico desidera immagini più dettagliate o è difficile ottenere un’immagine chiara del tuo cuore con un ecocardiogramma standard, il medico può raccomandare un ecocardiogramma transesofageo.

In questa procedura:

  • La tua gola sarà intorpidita e ti verranno somministrati farmaci per aiutarti a rilassarti.
  • Un tubo flessibile contenente un trasduttore viene guidato lungo la gola e nel tubo che collega la bocca allo stomaco (esofago).
  • Il trasduttore registra l’eco dell’onda sonora dal tuo cuore.
  • Un computer converte gli echi in immagini in movimento dettagliate del tuo cuore, che il medico può visualizzare su un monitor.

Ecocardiogramma Doppler

Le onde sonore cambiano tono quando rimbalzano sui globuli che si muovono attraverso il cuore e i vasi sanguigni. Questi cambiamenti (segnali Doppler) possono aiutare il medico a misurare la velocità e la direzione del flusso sanguigno nel cuore.

Le tecniche doppler sono generalmente utilizzate negli ecocardiogrammi transtoracici e transesofagei. Le tecniche doppler possono essere utilizzate anche per controllare i problemi di flusso sanguigno e la pressione sanguigna nelle arterie del cuore, che gli ultrasuoni tradizionali potrebbero non rilevare.

Il flusso sanguigno mostrato sul monitor è colorato per aiutare il medico a individuare eventuali problemi.

Ecocardiogramma da sforzo

Alcuni problemi cardiaci, in particolare quelli che coinvolgono le arterie che forniscono sangue al muscolo cardiaco (arterie coronarie), si verificano solo durante l’attività fisica. Il medico potrebbe consigliare un ecocardiogramma da sforzo per verificare la presenza di problemi alle arterie coronariche. Tuttavia, un ecocardiogramma non può fornire informazioni su eventuali blocchi nelle arterie del cuore.

In un ecocardiogramma da sforzo:

  • Le immagini ecografiche del cuore vengono acquisite prima e immediatamente dopo aver camminato su un tapis roulant o una cyclette.
  • Se non sei in grado di esercitarti, potresti ricevere un’iniezione di un farmaco per far pulsare il cuore con la stessa intensità di quando si esegue esercizio fisico.

 

Rischi

Nessun rischio è coinvolto in un ecocardiogramma transtoracico standard. Potresti avvertire un certo disagio a causa del trasduttore tenuto saldamente contro il petto. La fermezza è necessaria per produrre le migliori immagini del tuo cuore.

Se fai un ecocardiogramma transesofageo, la gola potrebbe essere dolorante per alcune ore dopo. Raramente, il tubo può graffiare l’interno della gola. Il tuo livello di ossigeno verrà monitorato durante l’esame per verificare eventuali problemi respiratori causati dai farmaci sedativi.

Durante un ecocardiogramma da stress, esercizio fisico o farmaci – non l’ecocardiogramma stesso – possono temporaneamente causare un battito cardiaco irregolare. Le complicazioni gravi, come un attacco di cuore, sono rare.

Come ci si prepara per l’ecocardiogramma?

Cibo e Farmaci

Non sono necessarie preparazioni speciali per un ecocardiogramma transtoracico standard. Puoi mangiare, bere e assumere farmaci come faresti normalmente.

Se hai un ecocardiogramma transesofageo, il medico ti chiederà di non mangiare per diverse ore prima.

Altre precauzioni

Se hai un ecocardiogramma transesofageo, non sarai in grado di guidare in seguito a causa dei farmaci che probabilmente riceverai. Assicurati di avere un passaggio a casa.

Cosa devi aspettarti

Durante la procedura

Un ecocardiogramma può essere eseguito in uno studio medico o in ospedale.

Per un ecocardiogramma transtoracico standard:

  • Ti spoglierai dalla vita in su e ti stenderai su un lettino o un letto.
  • Il tecnico applicherà dei cerotti (elettrodi) al tuo corpo per aiutare a rilevare e condurre le correnti elettriche del tuo cuore.
  • Il tecnico applicherà anche un gel al trasduttore che migliora la conduzione delle onde sonore.
  • Il tecnico muoverà il trasduttore avanti e indietro sul petto per registrare le immagini degli echi delle onde sonore dal tuo cuore. Potresti sentire un “fruscio” pulsante, che è l’ecografia che registra il sangue che scorre attraverso il tuo cuore.
  • Potrebbe esserti chiesto di respirare in un certo modo o di rotolare sul lato sinistro.

Se hai un ecocardiogramma transesofageo:

  • La tua gola sarà intorpidita con uno spray o un gel
  • Ti verrà somministrato un sedativo per aiutarti a rilassarti
  • Il tubo contenente il trasduttore verrà guidato in gola e nell’esofago e posizionato in modo da ottenere immagini del cuore

La maggior parte degli ecocardiogrammi richiede meno di un’ora.

Se fai un ecocardiogramma transesofageo, potresti essere osservato per alcune ore presso l’ufficio del medico o in ospedale dopo il test.

Dopo la procedura

La maggior parte delle persone può riprendere le normali attività quotidiane dopo un ecocardiogramma.

Se il tuo ecocardiogramma è normale, potrebbero non essere necessari ulteriori test. Se i risultati sono preoccupanti, potresti essere indirizzato a un medico indirizzato ad un cardiologo, per ulteriori esami.

Risultati

Le informazioni dall’ecocardiogramma possono mostrare:

  • Cambiamenti nella dimensione del tuo cuore. Valvole cardiache indebolite o danneggiate, ipertensione o altre malattie possono causare l’allargamento delle camere del cuore o l’ispessimento anomalo delle pareti del cuore.
  • Forza di pompaggio. Le misurazioni ottenute da un ecocardiogramma includono la percentuale di sangue che viene pompata da un ventricolo pieno ad ogni battito cardiaco (frazione di eiezione) e il volume di sangue pompato dal cuore in un minuto (gittata cardiaca). Un cuore che non pompa abbastanza sangue per soddisfare le esigenze del tuo corpo può portare a sintomi di insufficienza cardiaca.
  • Danni al muscolo cardiaco. Un ecocardiogramma aiuta il medico a determinare se tutte le parti della parete cardiaca contribuiscono normalmente all’attività di pompaggio del cuore. Aree della parete cardiaca che si muovono debolmente possono essere state danneggiate durante un attacco di cuore o ricevere troppo poco ossigeno.
  • Problemi alle valvole. Un ecocardiogramma può aiutare il medico a determinare se le valvole cardiache si aprono abbastanza da consentire un flusso sanguigno adeguato o si chiudono completamente per evitare perdite di sangue.
  • Difetti cardiaci. Un ecocardiogramma può mostrare problemi alle camere cardiache, connessioni anormali tra il cuore e i principali vasi sanguigni e difetti cardiaci complessi che sono presenti alla nascita.

Tiriamo le somme | Lo Specialista

L’ ecocardiogramma è un esame indolore e non richiede alcuna preparazione speciale.

L’ecocardiogramma è eseguito esclusivamente dal cardiologo ed è uno degli esami più importanti sia per fini di prevenzione che di diagnosi e può essere prescritto in svariate circostanze, tra le più comuni:

  • Battito cardiaco irregolare, il medico potrebbe voler ispezionare le valvole cardiache o le camere o controllare la capacità del tuo cuore di pompare.
  • Segni di problemi cardiaci, come dolore in petto o respiro corto.

Gli ecocardiogrammi sono considerati molto sicuri. A differenza di altre tecniche di imaging, come i raggi X, gli ecocardiogrammi non usano radiazioni.

  • Contatta un cardiologo

 

Fonti

Singh S, Goyal A. The origin of echocardiography: a tribute to Inge EdlerTex Heart Inst J. 2007;34(4):431-8.
Feigenbaum H. Role of M-mode technique in today’s echocardiographyJ Am Soc Echocardiogr. 2010 Mar;23(3):240-57; 335-7.
Kossaify A, Bassil E, Kossaify M. Stress Echocardiography: Concept and Criteria, Structure and Steps, Obstacles and Outcomes, Focused Update and ReviewCardiol Res. 2020 Apr;11(2):89-96.
Faletra FF, Ho SY, Leo LA, Paiocchi VL, Mankad S, Vannan M, Moccetti T. Which Cardiac Structure Lies Nearby? Revisiting Two-Dimensional Cross-Sectional AnatomyJ Am Soc Echocardiogr. 2018 Sep;31(9):967-975.
Pearlman AS. Celebrating (More Than) 50 Years of Doppler EchocardiographyJ Am Soc Echocardiogr. 2018 Dec;31(12):1307.
Rylski B, Branchetti E, Bavaria JE, Vallabhajosyula P, Szeto WY, Milewski RK, Desai ND. Modeling of predissection aortic size in acute type A dissection: More than 90% fail to meet the guidelines for elective ascending replacementJ Thorac Cardiovasc Surg. 2014 Sep;148(3):944-8.e1.
Lang RM, Badano LP, Mor-Avi V, Afilalo J, Armstrong A, Ernande L, Flachskampf FA, Foster E, Goldstein SA, Kuznetsova T, Lancellotti P, Muraru D, Picard MH, Rietzschel ER, Rudski L, Spencer KT, Tsang W, Voigt JU. Recommendations for cardiac chamber quantification by echocardiography in adults: an update from the American Society of Echocardiography and the European Association of Cardiovascular ImagingEur Heart J Cardiovasc Imaging. 2015 Mar;16(3):233-70.
Doherty JU, Kort S, Mehran R, Schoenhagen P, Soman P., Rating Panel Members. 2019 Appropriate Use Criteria for Multimodality Imaging in the Assessment of Cardiac Structure and Function in Nonvalvular Heart Disease : A Report of the American College of Cardiology Appropriate Use Criteria Task Force, American Association for Thoracic Surgery, American Heart Association. J Nucl Cardiol. 2019 Aug;26(4):1392-1413.
Casaroto E, Mohovic T, Pinto LM, Lara TR. Bedside echocardiography in critically ill patientsEinstein (Sao Paulo). 2015 Oct-Dec;13(4):644-6
Steeds RP, Wheeler R, Bhattacharyya S, Reiken J, Nihoyannopoulos P, Senior R, Monaghan MJ, Sharma V. Stress echocardiography in coronary artery disease: a practical guideline from the British Society of Echocardiography. Echo Res Pract. 2019 Jun 01;6(2):G17-G33.
Hahn RT, Abraham T, Adams MS, Bruce CJ, Glas KE, Lang RM, Reeves ST, Shanewise JS, Siu SC, Stewart W, Picard MH., American Society of Echocardiography. Society of Cardiovascular Anesthesiologists. Guidelines for performing a comprehensive transesophageal echocardiographic examination: recommendations from the American Society of Echocardiography and the Society of Cardiovascular AnesthesiologistsAnesth Analg. 2014 Jan;118(1):21-68. [