Questa pagina contiene annunci di servizi o prodotti che riteniamo utili per i nostri lettori. Scopri il nostro processo di selezione

L’insufficienza aortica, nota anche come rigurgito aortico, è una malattia cardiaca che si sviluppa quando la valvola aortica non funziona in modo corretto. Questa condizione produce sintomi quali stanchezza e mancanza di fiato e nel tempo, può mettere a dura prova il cuore e la salute generale.

Il rigurgito aortico può essere un processo patologico cronico o può manifestarsi in modo acuto, presentandosi come insufficienza cardiaca.

Sommario

  1. Quando si Verifica l’Insufficienza Aortica?
  2. Quali sono i sintomi dell’insufficienza aortica?
  3. Rivolgiti al Cardiologo
  4. Quali sono le cause dell’insufficienza aortica?
  5. Test per diagnosticare l’insufficienza aortica
  6. Insufficienza Aortica | Quali sono i Trattamenti
  7. Quali sono i rischi della sostituzione chirurgica della valvola aortica?
  8. Chirurgia della Valvola Aortica | Valutazione Rischi/Benefici
  9. Qual è la prognosi post-operatoria?
  10. In Conclusione

1. Quando si Verifica l’Insufficienza Aortica?

La valvola aortica è l’ultima valvola attraverso la quale passa il sangue quando esce dal cuore. Quando la valvola aortica non si chiude completamente, parte del sangue scorre all’indietro invece che fuori verso l’aorta e il resto del corpo. Ciò significa che il ventricolo sinistro non si svuota mai completamente di sangue prima che il successivo carico di sangue arrivi dall’atrio sinistro.

Questo “rigurgito” di sangue fa lavorare il cuore molto più duramente e lo sforzo eccessivo dell’organo cardiaco può portare a  insufficienza cardiaca  e altri problemi significativi.

2. Quali sono i sintomi dell’insufficienza aortica?

L’insufficienza della valvola aortica può essere presente senza molti sintomi evidenti per anni. Man mano che il danno progredisce, i sintomi possono comparire improvvisamente, tra cui:

  • dolore al petto o senso di oppressione che aumenta con l’esercizio e si attenua quando sei a riposo
  • fatica
  • palpitazioni
  • fiato corto
  • difficoltà a respirare quando si è sdraiati
  • debolezza
  • svenimento
  • caviglie e piedi gonfi

Le forme lievi di rigurgito aortico di solito non producono sintomi. Tuttavia, se l’insufficienza aortica peggiora, il ventricolo diventa più stressato e inizia a svilupparsi un’insufficienza cardiaca. In questa fase, una persona con rigurgito aortico inizierà a notare dispnea  (mancanza di respiro) con lo sforzo e l’affaticamento precoce. Questi sintomi peggiorano quando l’insufficienza aortica diventa più significativa e alla fine può diventare una condizione piuttosto grave.

Per quanto l’insufficienza aortica di solito si sviluppa gradualmente, in un periodo che può durare anche anni, in alcuni casi può verificarsi molto improvvisamente.

Il rigurgito aortico acuto è più comunemente causato da endocardite, dissezione aortica o trauma toracico. Il rigurgito aortico acuto spesso produce insufficienza cardiaca improvvisa e grave e può essere trattato solo con un intervento chirurgico di sostituzione valvolare di emergenza.

3. Rivolgiti al Cardiologo

Se avverti uno dei sintomi menzionati oppure pensi di aver bisogno di un check-up della tua salute cardiaca, rivolgiti allo specialista in cardiologia.

  • Prenota un Appuntamento con un Cardiologo

4. Quali sono le cause dell’insufficienza aortica?

Tra le cause congenite, la valvola aortica bicuspide è la causa più comune.

  • Valvola aortica bicuspide: Il rigurgito aortico può essere causato da una valvola bicuspide, una condizione congenita in cui la valvola aortica è composta solo da due “cuspidi” (cioè lembi) invece delle tre normali. Le valvole aortiche bicuspide sono particolarmente soggette alla formazione di depositi di calcio, che spesso producono stenosi aortica. Quindi i pazienti con una valvola aortica bicuspide possono sviluppare sia stenosi che insufficienza aortica European Heart JournalJoint Task Force on the Management of Valvular Heart Disease of the European Society of Cardiology (ESC), Vahanian A, et al. Guidelines on the management of valvular heart disease (version 2012). Eur Heart J 2012; 33:2451..

In passato, tra le cause acquisite, la febbre reumatica era una causa comune di danni alle valvole cardiache. Oggi conosciamo molte altre cause dell’insufficienza aortica, tra cui:

  • endocardite (infezioni del tessuto cardiaco) può causare il deterioramento della valvola aortica, producendo insufficienza aortica.
  • ipertensione arteriosa
  • condizioni genetiche come la sindrome di Marfan, che colpisce i tessuti connettivi
  • sifilide non trattata
  • lupus
  • aneurismi cardiaci
  • spondilite anchilosante, una forma di artrite infiammatoria

5. Test per diagnosticare l’insufficienza aortica

La diagnosi di rigurgito aortico è piuttosto semplice. Il rigurgito aortico provoca un caratteristico soffio cardiaco che la maggior parte degli operatori sanitari riconoscerà immediatamente. La diagnosi può essere facilmente confermata o esclusa con un ecocardiogramma.

Valutare la gravità del rigurgito aortico è importante quando si tratta di decidere se, o quando, è necessario ricorrere ad una terapia chirurgica. Sebbene l’ecocardiogramma sia spesso molto utile per misurare la gravità del problema valvolare,  per completare la valutazione possono essere necessarie una risonanza magnetica cardiaca  e/o un  cateterismo cardiaco.

Esami Ambulatoriali

Durante l’esame ambulatoriale, il cardiologo annoterà la tua storia medica completa. Ascolterà anche il tuo cuore e verificherà la pressione sanguigna, valutando eventuali indicatori di problemi alle valvole cardiache, come:

  • un battito cardiaco insolitamente forte
  • pulsazioni visibili dell’arteria del collo
  • un “colpo d’ariete”, una pulsazione martellante tipica dell’insufficienza aortica
  • suoni di fuoriuscita di sangue dalla valvola aortica

Test diagnostici

Dopo l’esame iniziale, potresti essere indirizzato per altri test diagnostici, tra cui:

  • una radiografia del torace per individuare l’allargamento del ventricolo sinistro, tipico delle malattie cardiache
  • un elettrocardiogramma (ECG) per misurare l’attività elettrica del cuore, inclusa la frequenza e la regolarità dei battiti cardiaci
  • un ecocardiogramma per visualizzare le condizioni delle camere cardiache e delle valvole cardiache
  • cateterismo cardiaco per valutare la pressione e il flusso sanguigno attraverso le camere cardiache.

Questi test consentono al medico di confermare la diagnosi, determinare l’entità del danno e decidere il trattamento più appropriato.

In definitiva, il trattamento del rigurgito aortico richiede la sostituzione chirurgica della valvola danneggiata. I farmaci che dilatano i vasi sanguigni (il più delle volte,  calcio-antagonisti  o ACE-inibitori) possono aiutare a ridurre la quantità di sangue che fuoriesce nel ventricolo sinistro e possono aiutare a controllare i sintomi.

Alcune persone con lieve insufficienza aortica non richiedono mai un intervento chirurgico. Tuttavia, il rigurgito aortico è un problema meccanico e per risolverlo in modo definitivo, è necessaria una soluzione meccanica.

Il momento ottimale dell’intervento chirurgico è molto importante. Come regola generale, la chirurgia della valvola aortica dovrebbe essere eseguita appena prima che il rigurgito aortico inizi a produrre sintomi. Esami fisici periodici e soprattutto ecocardiogrammi periodici sono utili per ottimizzare i tempi dell’intervento chirurgico European Heart JournalJoint Task Force on the Management of Valvular Heart Disease of the European Society of Cardiology (ESC), Vahanian A, et al. Guidelines on the management of valvular heart disease (version 2012). Eur Heart J 2012; 33:2451.

Un’altra decisione importante è il tipo di valvola sostitutiva che verrà utilizzata. Le valvole aortiche protesiche sono costituite interamente da materiali artificiali (valvole meccaniche) o sono costituite dalla valvola cardiaca di un animale, generalmente un maiale (valvola bioprotesica). La decisione del tipo di valvola artificiale da utilizzare dipende dall’età del paziente e dai rischi derivanti dall’assunzione di anticoagulanti cronici.

7. Quali sono i rischi della sostituzione chirurgica della valvola aortica?

Tutte le valvole cardiache artificiali hanno una maggiore propensione a formare coaguli di sangue. Tuttavia, il rischio di coagulazione del sangue è minore con la bioprotesi rispetto alle valvole meccaniche, quindi le persone con le valvole bioprotesiche potrebbero non dover assumere farmaci anticoagulanti, mentre è sempre necessario nei casi in cui si ricorre alle valvole meccaniche. D’altra parte, le valvole meccaniche generalmente durano più a lungo delle valvole bioprotesiche.

Inoltre, in alcuni casi, è possibile ricorrere ad un impianto di valvola aortica transcatetere o TAVI. Sebbene l’intervento chirurgico per TAVI sia significativamente meno invasivo rispetto alla tipica sostituzione valvolare, questa procedura comporta comunque un rischio sostanziale. Generalmente, oggi è riservato ai pazienti ritenuti “troppo fragili” per la sostituzione valvolare standard. Tuttavia, è probabile che con il tempo questo impianto diventerà senza dubbio disponibile per categorie più ampie di pazienti che necessitano di una sostituzione della valvola aortica.

8. Chirurgia della Valvola Aortica | Valutazione Rischi/Benefici

Se necessiti di una sostituzione chirurgica della valvola aortica e hai meno di 65 o 70 anni e puoi assumere un anticoagulante, il tuo cardiologo probabilmente consiglierà una valvola meccanica. Se hai più di 65 o 70 anni, o non puoi assumere un anticoagulante, probabilmente ti sarà consigliata una valvola bioprotesica. Se il tuo rischio chirurgico è considerato molto alto, potrebbe essere preso in considerazione un impianto TAVI Linee GuidaTRANSCATHETER AORTIC VALVE IMPLANTATION (TAVI) FOR THE TREATMENT OF PATIENTS AT INTERMEDIATE SURGICAL RISK.

In definitiva, ci sono pro e contro per tutti i tipi chirurgia di sostituzione della valvola aortica. La decisione del tipo ottimale di valvola dovrebbe essere una decisione concordata con il proprio cardiologo curante.

9. Qual è la prognosi post-operatoria?

Una volta riparata la valvola aortica, la prognosi è generalmente buona. Tuttavia, le persone che hanno subito la riparazione della valvola aortica possono essere più a rischio di infezioni a carico del cuore.

Sia la malattia dentale che lo streptococco possono causare infezioni cardiache. E’ fondamentale praticare una buona igiene orale e ottenere assistenza medica immediata per eventuali problemi dentali o forti mal di gola.

10. In Conclusione

L’insufficienza aortica è una patologia cardiaca che presenta importanti rischio per la salute. Se il rigurgito aortico diventa abbastanza grave, sarà necessaria la sostituzione chirurgica della valvola aortica per prevenire lo sviluppo di insufficienza cardiaca e altri problemi cardiaci. Un regolare check-up cardiologico può essere utile per diagnosticare e prevenire l’insufficienza aortica grave.

Fonti

  1. Patibandla S, Heaton J, Azzam JS. Aortic Insufficiency. 2021 Jul 18. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2022 Jan–. PMID: 32491360.
  2. Dewaswala N, Chait R. Aortic Regurgitation. [Updated 2021 Aug 11]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2022 Jan-.
  3. Flint N, Wunderlich NC, Shmueli H, Ben-Zekry S, Siegel RJ, Beigel R. Aortic Regurgitation. Curr Cardiol Rep. 2019 Jun 3;21(7):65. doi: 10.1007/s11886-019-1144-6. PMID: 31161305.
  4. Akinseye OA, Pathak A, Ibebuogu UN. Aortic Valve Regurgitation: A Comprehensive Review. Curr Probl Cardiol. 2018 Aug;43(8):315-334. doi: 10.1016/j.cpcardiol.2017.10.004. Epub 2017 Nov 2. PMID: 29174586.
  5. Scheuble A, Vahanian A. Aortic insufficiency: defining the role of pharmacotherapy. Am J Cardiovasc Drugs. 2005;5(2):113-20. doi: 10.2165/00129784-200505020-00005. PMID: 15725042.
  6. Siemienczuk D, Greenberg B, Morris C, Massie B, Wilson RA, Topic N, Bristow JD, Cheitlin M. Chronic aortic insufficiency: factors associated with progression to aortic valve replacement. Ann Intern Med. 1989 Apr 15;110(8):587-92. doi: 10.7326/0003-4819-110-8-587. PMID: 2930091
  7. Olson LJ, Subramanian R, Edwards WD. Surgical pathology of pure aortic insufficiency: a study of 225 cases. Mayo Clin Proc. 1984 Dec;59(12):835-41. doi: 10.1016/s0025-6196(12)65618-3. PMID: 6503364.
  8. Babu AN, Kymes SM, Carpenter Fryer SM. Eponyms and the diagnosis of aortic regurgitation: what says the evidence?Ann Intern Med. 2003 May 6. 138(9):736-42
  9. Sinning JM, Vasa-Nicotera M, Chin D, et al. Evaluation and management of paravalvular aortic regurgitation after transcatheter aortic valve replacementJ Am Coll Cardiol. 2013 Jul 2. 62(1):11-20.