Questa pagina contiene annunci di servizi o prodotti che riteniamo utili per i nostri lettori. Scopri il nostro processo di selezione

L’ecografia mammaria, la mammografia e la risonanza magnetica al seno sono esami strumentali che permettono di tenere sotto controllo lo stato di salute del seno.

La sensibilità per il rilevamento del cancro al seno utilizzando sia la mammografia che l’ecografia al seno aumenta al 97,3%. (PubMed)Berg WA. Ridurre la biopsia non necessaria e il follow-up delle lesioni mammarie cistiche benigne. Radiologia. 2020 aprile; 295 (1):52-53. . La risonanza magnetica al seno con mezzo di contrasto è invece prescritta solo in particolari condizioni.

Vediamo più nel dettaglio in cosa si differenziano questi tre esami e quando devono essere utilizzati:

1. L’ecografia al seno

È indicato che a partire dai 25-30 anni le donne si sottopongano a visita senologica ed ecografia del seno con cadenza annuale.

Nelle donne più giovani, in cui il tessuto ghiandolare è più denso, i risultati dell’ecografia offrono maggiori informazioni rispetto a quelli della mammografia.

In questi casi l’esame ecografico permette di riconoscere anche noduli piuttosto piccoli, di individuarne la natura e a valutare correttamente, se necessario, quale terapia seguire per la risoluzione di eventuali problemi.

In alcuni casi particolari, quando ad esempio si vuole valutare l’eventuale aumento dimensionale di qualche nodulo, può anche richiedersi una ripetizione semestrale”

2. La mammografia

Dai 40 anni in poi, in aggiunta all’ecografia al seno, il vostro senologo vi prescriverà annualmente una mammografia, perché in questa fascia d’età il rischio di insorgenza di tumore al seno aumenta progressivamente e la mammografia permette di individuare con maggior accuratezza eventuali noduli, addensamenti, distorsioni del disegno mammario o microcalcificazioni.

La mammografia è un esame radiografico a basse radiazioni utilizzato come test di screening per la diagnosi precoce di alterazioni nodulari non ancora percepibili attraverso le palpazioni del seno.

Individua anche le microcalcificazioni della mammella, piccolissimi depositi di calcio che possono essere benigni o indicatori di un processo neoplastico in corso e che non sono rilevabili da un’ecografia. PubMedEvans A, European Society of Breast Imaging (EUSOBI), con revisione linguistica di Europa Donna–The European Coalizione contro il cancro al seno. Ecografia mammaria: raccomandazioni medici per informazioni alle donne e ai di parte da parte della Società europea di imaging del seno. Immagini approfondite. 2018 agosto; 9 (4):449-461

3. La risonanza magnetica con m.d.c.

La risonanza magnetica al seno con mezzo di contrasto si effettua in casi selezionati e in pazienti con particolari condizioni di rischio. (Radiology)Sippo D, Burk K, Mercaldo S, et al. Prestazioni della risonanza magnetica mammaria di screening in donne con diverse indicazioni di rischio elevato di cancro al seno . Radiologia . 2019;292(1):51-59. doi:10.1148/radiol.2019181136.

La risonanza magnetica è un test diagnostico privo di radiazioni, utilizza potenti onde magnetiche e radio per generare immagini altamente dettagliate, in particolare dei tessuti molli. É un esame costoso, lievemente più invasivo, e di solito offerto solo a pazienti ad alto rischio.

Si tratta di un approfondimento mirato per esempio in caso di sospetta recidiva su cicatrice (e dunque nelle donne già operate) o come esame di screening nelle donne che presentano mutazione di alcuni significativi geni per il cancro al seno, su tutti il BRCA1 e BRCA2 o con molti casi di tumore al seno in famiglia (rischio genetico alto).

4. Diagnosi della malattia

Questi tre esami di “imaging” sono necessari ma non sufficienti per diagnosticare un cancro al seno. Nel caso si individui una massa sospetta è necessaria sempre una biopsia, ovvero la rimozione di un campione di tessuto che viene poi esaminato in laboratorio.

Dott. Paolo Marra - Senologo e Revisore Scientifico dell'Articolo

Il Dott. Marra è Specializzato in Chirurgia Oncologica con Master in Ecografia ed Ecointerventistica. Ricopre l’incarico di Dirigente Medico presso U. O. C. Chirurgia Generale e Laparoscopica Ospedale “S. Giovanni di Dio” – ASL Na2 – Frattamaggiore (NA). Inoltre, Il dott. Marra è Specializzato in Senologia. E’ autore di oltre 60 pubblicazioni tra abstracts e lavori scientifici nel campo della chirurgia generale, chirurgia oncologica, ecografia ed ecointerventistica, su riviste scientifiche nazionali ed internazionali. Prenota la tua visita senologica con il dott. Marra.

leggi di più

Dott. Paolo Marra - Senologo

5. Dove fare prevenzione del tumore al seno?

Roma

Policlinico Gemelli Ambulatori Privati
Google Map (Largo A. Gemelli, 8, Roma)
Prenotazioni: Tel. 0688818881

Milano

Humanitas Milano Murat
Google Map: (Via Gioacchino Murat, 13, 20159 Milano, MI, Italia)
Prenotazioni: Tel. 0282243838

Napoli

Centro Morra Medical Wellness
Google Map: (Via Indipendenza, 21, 80038 Pomigliano d’Arco, Napoli)
Prenotazioni: Tel. 0818846806
Num. Verde 800 00 20 80
Whattsapp +393791810919

Conclusioni

Il consiglio è quello di affidarsi ad un senologo esperto e con lui costruire un percorso di prevenzione duraturo nel tempo.

Il livello di abilità dell’operatore può influire in modo significativo sull’accuratezza del risultato di un’ecografia mammaria, di una mammografia o di una risonanza magnetica al seno.

Uno studio ha rilevato, ad esempio, che ai radiologi può “sfuggire” dal 10% al 30% dei tumori al seno osservati nelle mammografie. APJCPEkpo EU, Alakhras M, Brennan P. Gli errori nella mammografia non possono essere risolti solo attraverso la tecnologia . Asian Pac J Cancer Prec . 2018;19(2):291-301. doi:10.22034/APJCP.2018.19.2.291

Nel caso in cui ci siano molti casi in famiglia di tumori in generale e tumori al seno, il consiglio è quello di fissare una visita anche con un’oncogenetista.

L’oncogenetista, con specifiche domande sulla situazione oncologica dei singoli familiari, ricostruirà il vostro albero genealogico e valuterà il vostro rischio relativo di contrarre un tumore al seno. Infine darà indicazione su eventuali test genetici cui sottoporsi ed altri eventuali percorsi diagnostici.

Fonti

  1. Berg WA. Ridurre la biopsia non necessaria e il follow-up delle lesioni mammarie cistiche benigne. Radiologia. 2020 aprile; 295 (1):52-53
  2. Evans A, European Society of Breast Imaging (EUSOBI), con revisione linguistica di Europa Donna–The European Coalizione contro il cancro al seno. Ecografia mammaria: raccomandazioni medici per informazioni alle donne e ai di parte da parte della Società europea di imaging del seno. Immagini approfondite. 2018 agosto; 9 (4):449-461
  3. Sippo D, Burk K, Mercaldo S, et al. Prestazioni della risonanza magnetica mammaria di screening in donne con diverse indicazioni di rischio elevato di cancro al seno . Radiologia . 2019;292(1):51-59. doi:10.1148/radiol.2019181136
  4. Ekpo EU, Alakhras M, Brennan P. Gli errori nella mammografia non possono essere risolti solo attraverso la tecnologia . Asian Pac J Cancer Prec . 2018;19(2):291-301. doi:10.22034/APJCP.2018.19.2.291