Questa pagina contiene annunci di servizi o prodotti che riteniamo utili per i nostri lettori. Scopri il nostro processo di selezione

La visita senologica è un passaggio chiave nella diagnosi e per la prevenzione delle malattie mammarie.

Si tratta di un esame non invasivo e indolore che permette di individuare segni o rischi di malattia mammaria.

Il cancro al seno viene diagnosticato attraverso più test di screening. Alcuni fattori possono aumentare il rischio di sviluppare la malattia.

La diagnosi precoce resta l’arma più potente per prevenire o affrontare al meglio la malattia mammaria.

Che cos’è lo screening e perché è importante?

Lo screening per il cancro al seno implica la ricerca intenzionale di segni di malattia per diagnosticarlo il prima possibile. Prima viene diagnosticato e curato il cancro al seno, migliore sarà la prognosi.

 Il test di screening più comune per il cancro al seno è la mammografia. Tuttavia, all’interno del processo di screening mammario, l’esame del seno fornisce informazioni importanti che vengono utilizzate sia nell’elaborazione che nella gestione di molte malattie del seno.

Quando fare la Visita Senologica dai 25 -40 anni

Le linee guida per lo screening suggeriscono che le donne tra i 25 ei 40 anni che sono asintomatiche e non hanno particolari fattori di rischio per il cancro al seno si sottopongono a un esame clinico della mammella ogni 1-3 anni.

Si raccomanda di sottoporsi a esami clinici della mammella più frequenti alle donne di età superiore ai 40 anni, alle donne con fattori di rischio per cancro al seno, nel caso di una storia familiare di cancro al seno e/o alle pazienti con sintomi.

Tutte le donne dovrebbero prestare attenzione all’aspetto e alla consistenza tipici del proprio seno e segnalare immediatamente eventuali modifiche al proprio medico.

Quando è indispensabile la visita senologica?

Oltre alle visite di screening, è importantissimo rivolgersi al senologo nel caso si avvertano cambiamenti nell’aspetto, nella forma o nella percezione del seno. Se avverti uno dei seguenti sintomi, prenota subito una visita senologica:

  • dolore al seno
  • alterazioni della pelle
  • secrezione del capezzolo
  • noduli
  • grandi cambiamenti di dimensioni o forma o qualsiasi altra caratteristica che causa preoccupazione

Come prepararsi alla visita senologica?

Non è necessario fare nulla di speciale per prepararsi alla visita senologica. La stessa tecnica viene utilizzata per le donne con o senza protesi mammarie.

La visita senologica viene eseguita in una stanza privata. Ti verrà fornito un camice da indossare e prima dell’esame dovrai toglierti la maglietta, il reggiseno e qualsiasi altro indumento dalla vita in su.

L’esame viene eseguito su un seno, poi sull’altro. L’intero esame durerà meno di 10 minuti.

In cosa consiste la visita senologica?

La visita senologica comprende:

  • L’esame visivo del seno, dei capezzoli e della pelle circostante
  • Un controllo manuale del seno per la verifica di noduli o anomalie strutturali
  • Una valutazione clinica di qualsiasi area sospetta

Cosa succede durante la  visita senologica?

Lo specialista utilizzerà la punta delle dita per controllare per l’eventuale presenza di noduli nel tessuto mammario utilizzando tre livelli di pressione (leggera, media e profonda).

Queste tre pressioni aiutano a sentire eventuali noduli o anomalie del seno in ogni strato di tessuto mammario.

Ti potrebbe essere chiesto di alzare le braccia sopra la testa, lasciarle pendere lungo i fianchi o premere le mani contro i fianchi.

Queste diverse posizioni aiutano il senologo a rilevare anomalie sospette nella forma, consistenza o aspetto del seno.

Durante la visita senologica, il medico controllerà per la presenza di:

  • cambiamenti o differenze nella forma del seno
  • aree di pienezza o spessore in un solo seno
  • differenze nel colore della pelle, nella temperatura e nella consistenza del seno, come arrossamento, aumento del calore o fossette della pelle
  • eruzioni cutanee
  • noduli o gonfiore visibili
  • fluido, o secrezione, che fuoriesce dal capezzolo
  • cambiamenti del capezzolo, come un capezzolo che inizia a puntare verso l’interno o ridimensionamento

La visita senologica comprende anche l’ecografia?

L’ecografia mammaria viene spesso utilizzata per localizzare masse palpabili e non palpabili prima dell’escissione chirurgica.

Non sempre l’ecografia mammaria viene eseguita durante la visita senologica.

Le indicazioni comuni per l’ecografia mammaria sono:

  • Nodulo palpabile durante la valutazione clinica del seno
  • Linfoadenopatia ascellare presente all’imaging mammografico
  • Donne di età inferiore ai 40 anni con la presentazione clinica di alcune anomalie
  • Donne in gravidanza o in allattamento
  • Anomalia sospetta identificata sull’imaging mammografico
  • Secrezione dal capezzolo
  • Retrazione cutanea o inversione del capezzolo
  • Cicatrici chirurgiche evidenti nell’imaging mammografico
  • Sospetto di rottura delle protesi mammarie utilizzate per differenziare tra rotture intra ed extracapsulari
  • Biopsia mammaria percutanea con ago
  • Follow-up pazienti sottoposti a chemioterapia neoadiuvante

L’Ecografia al Seno fa male?

L’ecografia mammaria è una procedura non invasiva e non dolorosa che non richiede alcuna preparazione speciale da parte del paziente.

I gioielli nella regione anatomica di interesse devono essere rimossi e il paziente è incoraggiato a indossare abiti larghi per poter spogliare la metà superiore del busto prima dell’esame.

Cosa succede se viene rilevato un nodulo al seno?

Se viene scoperto un nodulo, il senologo ne annoterà le dimensioni, la forma e la consistenza. Verrà rilevato se il nodulo si muove facilmente. I noduli benigni presentano caratteristiche diverse da quelli cancerosi, ma qualsiasi nodulo trovato dovrà essere esaminato con ulteriori  misure diagnostiche.

Può essere utile sapere che i noduli che appaiono morbidi, lisci, rotondi e mobili possono essere tumori benigni o cisti.

Un nodulo duro e dalla forma strana e che si sente saldamente attaccato al seno ha maggiori probabilità di essere maligno, ma sono necessari ulteriori test per diagnosticare il problema.

Dott. Paolo Marra - Senologo e Revisore Scientifico dell'Articolo

Il Dott. Marra è Specializzato in Chirurgia Oncologica con Master in Ecografia ed Ecointerventistica. Ricopre l’incarico di Dirigente Medico presso U. O. C. Chirurgia Generale e Laparoscopica Ospedale “S. Giovanni di Dio” – ASL Na2 – Frattamaggiore (NA). Inoltre, Il dott. Marra è Specializzato in Senologia. E’ autore di oltre 60 pubblicazioni tra abstracts e lavori scientifici nel campo della chirurgia generale, chirurgia oncologica, ecografia ed ecointerventistica, su riviste scientifiche nazionali ed internazionali. Prenota la tua visita senologica con il dott. Marra.

leggi di più

Dott Marra - Chirurgo Generale

In Conclusione

La visita senologica è una parte importante della diagnosi precoce del tumore al seno e altre patologie mammarie. Sebbene la maggior parte dei noduli venga scoperta attraverso  gli autoesami del seno, un professionista esperto può aiutarti a diagnosticare precocemente eventuali segni sospetti difficilmente rilevabili senza uno screening mirato.

Fonti

  1. Chlebowski RT, Aragaki AK, Pan K. Breast Cancer Prevention: Time for Change. JCO Oncol Pract. 2021 Dec;17(12):709-716. doi: 10.1200/OP.21.00343. Epub 2021 Jul 28. PMID: 34319769; PMCID: PMC8677965.
  2. Sauter ER. Breast Cancer Prevention: Current Approaches and Future DirectionsEur J Breast Health. 2018;14(2):64-71. Published 2018 Apr 1. doi:10.5152/ejbh.2018.3978
  3. Nangia JR, Rimawi MF. Breast Cancer Prevention: Where Are We? JCO Oncol Pract. 2021 Dec;17(12):720-722. doi: 10.1200/OP.21.00605. Epub 2021 Oct 7. PMID: 34618555.
  4. Britt KL, Cuzick J, Phillips KA. Key steps for effective breast cancer prevention. Nat Rev Cancer. 2020 Aug;20(8):417-436. doi: 10.1038/s41568-020-0266-x. Epub 2020 Jun 11. PMID: 32528185.