Facebook pixel

Ferro in Gravidanza | Serve un Integratore?

Ferro in Gravidanza | Serve un Integratore?

Ferro in gravidanza: quanto ne serve?

Innanzitutto, partiamo da alcune basi: il nostro organismo usa il ferro per produrre emoglobina, una sostanza presente nei globuli rossi che trasporta ossigeno in tutto il corpo. Durante la gravidanza, l’organismo della madre fornisce sangue e ossigeno anche al bambino, quindi il fabbisogno di ferro aumenta.

Sapevi che circa il 50% delle donne in gravidanza non assume abbastanza ferro? Ma niente allarmismi! Nella maggioranza dei casi una dieta ben equilibrata può fornire alla futura mamma tutto il ferro di cui ha bisogno. In alcuni casi, sarà necessario ricorrere ad un integratore alimentare.

Aspetto un Bambino: Sto assumendo abbastanza ferro?

Una sana dieta in gravidanza è spesso sufficiente per ottenere il giusto fabbisogno di ferro, ma sei vegetariana o vegana, potrebbe essere necessario ricorrere ad un integrazione di ferro aggiuntiva. Un’altra situazione in cui si è a rischio di una carenza di ferro in gravidanza è se soffri di anemia.

All’inizio e verso la fine della gravidanza, i livelli di emoglobina superiori a 11 grammi per decilitro sono considerati normali. Se il livello di emoglobina scende al di sotto di 10,5 grammi /dl può essere presente una carenza di ferro ebm.

I regolari esami ematici prescritti in gravidanza aiuteranno il medico a rilevare una carenza di ferro.

Quanto ferro dovrei assumere in gravidanza?

In effetti, in gravidanza hai bisogno di circa il doppio della quantità di ferro rispetto al normale. Questo significa che avrai bisogno di almeno 27 milligrammi (mg) di ferro ogni giorno durante la gravidanza, ma non bisogna superare i 45 mg di ferro giornalieri.

Quali sono i benefici del ferro?

Un adeguato apporto di ferro in gravidanza può prevenire l’anemia da carenza di ferro, una condizione che comporta diversi spiacevoli sintomi come l’estremo affaticamento. Inoltre, l’anemia da carenza di ferro aumenta il rischio di parto pre-termine e bambini in sottopeso alla nascita .

Un’anemia sideropenica severa può indebolire il sistema immunitario della madre e rendere più probabili le infezioni. Uno stile di vita sano e una dieta equilibrata possono aiutarti a prevenire l’anemia da carenza di ferro.

Sono incinta, ho bisogno di integratori di ferro?

Se i livelli  ferro sono adeguati, il ricorso ad un integratore, non apporta particolari benefici per la salute della futura mamma o per il nascituro ebm.

L’assunzione di integratori di ferro può essere utile solo nel caso in cui è presente una condizione che impedisce di mantenere adeguati livelli di questo minerale nell’organismo (per esempio quando non è possibile assicurare un adeguato fabbisogno di ferro con la dieta) oppure quando è presente una condizione di anemia da carenza di ferro ebm.

É spesso difficile raggiungere il fabbisogno di 30 mg di ferro al giorno con la dieta, come ci spiega la Dott.ssa Cavalieri, Ginecologa, in questo video:

In ogni caso, bisogna evitare il fai da te. Il ricorso ad integratori di ferro dovrebbe seguire la prescrizione del medico, dato che un’eccessiva assunzione di ferro può portare ad alcuni spiacevoli effetti collaterali come nausea, vomito, costipazione o diarrea.

  • Cerca il Ginecologo più vicino a te

  • Consulta il Nutrizionista

Quali alimenti sono ricchi di ferro?

Il ferro è comunemente associato alle proteine ​​animali, ma se solo il pensiero della carne ti fa girare lo stomaco (grazie, nausea mattutina) o se sei vegetariana o vegana, non preoccuparti. Possiamo trovare il ferro in una varietà di altri alimenti.

Esistono due tipi di ferro: eme e non eme.

  • Ferro EME: Puoi ottenere questo tipo consumando carne, pesce e altre fonti di proteine ​​animali. Viene rapidamente assimilato dall’organismo.
  • Ferro NON EME: Questo si trova nei cereali, nei fagioli, in diverse verdure, frutta, noci e semi, ma impiega un po’ più tempo per essere assimilato dall’organismo.

Alimenti per la gravidanza ricchi di ferro eme

La carne rossa è la migliore fonte di ferro eme, ma durante la gravidanza bisogna scegliere le fonti animali di ferro con maggiore attenzione.

Per esempio, il fegato, pur essendo molto ricco di ferro, è un alimento potenzialmente pericoloso da consumare in gravidanza. Scopri quali sono gli altri cibi pericolosi durante la gravidanza.

In gravidanza, la carne può essere una buona fonte di ferro, a patto che sia carne rossa magra, proveniente da allevamenti bio, dove gli animali sono tenuti a pascolo e che venga consumata ben cotta!

Il consumo di carne poco cotta o cruda può essere pericoloso durante la gravidanza a causa del rischio di contaminazione batterica.

Allo stesso modo, anche il pesce può essere una buona fonte di ferro, ma ti consigliamo di evitare pesci grassi come il salmone, e preferire invece il pesce azzurro (alici, sardine, sgombro), per evitare la presenza di residui minerali tossici.

Quindi in gravidanza tutto è importante: carne, pesce, formaggi, uova…il tuorlo dell’uovo ad esempio è ricco di ferro, ma anche in questo caso le uova non vanno mai consumate crude o poco cotte.

Alimenti in Gravidanza Ricchi di Ferro Non Eme

ferro in gravidanza fonti

Per garantire una dieta varia ed equilibrata è importante includere nella dieta in gravidanza fonti vegetali di ferro non eme come queste:

  • Fagioli, piselli e lenticchie: da 4 a 6 mg per tazza
  • Verdure scure, a foglia verde, come spinaci, cavolo e verza: 3 mg per 1/2 tazza di verdure cotte
  • Tofu: 3 mg per 1/2 tazza
  • Farina d’avena: 2 mg per tazza (cotta)
  • Frutta secca, comprese albicocche, prugne secche, uvetta e fichi: 1 mg per 1/4 di tazza
  • Crauti: 2 mg per tazza
  • Patate a dadini: 1,2 mg per tazza
  • Uova, in particolare il tuorlo: 1 mg per uovo grande
  • Barbabietole: 1 mg per tazza
  • Cavoletti di Bruxelles: 1 mg per tazza
  • Lamponi: 0,8 mg per tazza
  • Broccoli tritati: 0,7 mg per tazza
  • Cereali,  pasta fortificati: controllare le etichette
  • Pane integrale: 0,5 mg per fetta

Come aumentare l’assorbimento del ferro

ferro in gravidanza

Oltre a mangiare cibi ricchi di ferro, puoi anche aiutare il tuo corpo ad assimilare una maggiore quantità di ferro prestando attenzione alla combinazione degli alimenti.

Gli alimenti ricchi di vitamina C favoriscono l’assorbimento del ferro. Aggiungi al tuo pasto un bicchiere di spremuta d’arancia, pomodori, peperoni rossi o gialli o una porzione di broccoli o cavolfiori.

Ci sono anche alimenti che, al contrario, impediscono un adeguato assorbimento di ferro.

I latticini, in particolare, sono noti per inibire la capacità del corpo di assorbire il ferro. Questo non vuol dire che dovresti evitare i latticini, ma conviene consumarli lontano dai cibi ricchi di ferro e, se assumi un integratore, ricordati di farlo lontano dai pasti contenenti latticini (se hai mangiato latticini, aspetta almeno due ore prima di assumere l’integratore di ferro) ebm.

Inoltre, bevande come il caffè o il tè, che andrebbero evitati durante la gravidanza, possono anche impedire un adeguato assorbimento del ferro (scopri tutti gli altri cibi pericolosi durante la gravidanza).

Il Verdetto Finale

La gravidanza è un momento straordinario per ogni donna, e bisogna affrontarla nel modo più sereno possibile. Assicurarsi 30 mg di ferro al giorno in gravidanza potrebbe essere difficile o, perlomeno stressante, se non sai bene cosa mangiare. Per essere più sicura di seguire una dieta ricca di ferro, rivolgiti ad un nutrizionista e ricordati di ricorrere agli integratori di ferro solo sotto la prescrizione del tuo ginecologo curante.

  • Chiedi il consulto di un nutrizionista on-line

  • Cerca il ginecologo più vicino a te

Vuoi collaborare all'articolo?

Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

Diventa uno 'Specialist
Articoli correlati