Facebook pixel

Omega-3 in Gravidanza

Omega-3 in Gravidanza

Tra gli acidi grassi gli omega-3 sono particolarmente famosi per via degli innumerevoli benefici che apportano al nostro organismo: dal regolare la pressione sanguigna, la coagulazione del sangue, la trasmissione nervosa, le funzioni dei reni e del tratto gastrointestinale, alle risposte infiammatorie e allergiche, gli omega-3 sono coinvolti in tutte queste funzioni.

Ma non è tutto! Alte dosi di omega-3 sono state usate per trattare e prevenire i disturbi dell’umore e nuovi studi stanno identificando i loro potenziali benefici per una vasta gamma di condizioni tra cui il cancro e malattie autoimmuni come il lupus e l’artrite reumatoide.

É facile intuire, allora, perchè in gravidanza è importantissimo assicurarsi un’adeguata assunzione di questi miracolosi acidi grassi ebm.

Omega-3 in Gravidanza: Benefici per la Madre e il Bambino

In gravidanza, gli Omega-3 sono essenziali per lo sviluppo neurologico e per le funzioni visive del bambino.

Gli omega-3 sono altresì importanti per un’adeguata produzione di latte durante l’allattamento. Inoltre, seecondo diversi studi un maggiore consumo di omega-3 in gravidanza riduce il rischio di allergie nei bambini.

Gli acidi grassi Omega-3 hanno effetti positivi sulla gravidanza stessa. È stato dimostrato che un’adeguata assunzione di EPA e DHA riduce i dolori del travaglio e può aiutare a prevenire il parto pretermine, riduce il rischio di preeclampsia e aiuta il bambino a raggiungere il peso giusto alla nascita.

Al contrario, la carenza di Omega-3 aumenta anche il rischio di depressione nella madre ebm.

Tipi di Omega-3 Essenziali in Gravidanza

Gli Omega-3 non sono sintetizzati dal corpo umano e quindi devono essere ottenuti dalla dieta.

I due omega-3 da integrare nella dieta sono l’EPA (acido eicosapentaenoico) e il DHA (acido docosaesaenoico). Ogni acido grasso apporta alcuni benefici unici ebm.

L’EPA supporta il cuore, il sistema immunitario e la risposta infiammatoria. Il DHA supporta il cervello, gli occhi e il sistema nervoso centrale, motivo per cui è particolarmente importante per le donne in gravidanza e durante l’allattamento.

Omega 3 in Gravidanza: Dosaggio

La ISSFAL (Società internazionale per lo studio degli acidi grassi e dei lipidi) ha stabilito il seguente dosaggio giornaliero minimo raccomandato:

Neonati (1-18 mesi): 0-6 kg: 64 mg / kg  EPA + DHA

Bambini (1,5-15 anni): 30 mg / kg EPA + DHA

Adulti (15-115 anni): 500 mg di EPA + DHA (con un minimo di 220 mg di EPA e 220 mg di DHA)

Donne in gravidanza e in allattamento: 300 mg di DHA al giorno

Quali alimenti contengono  Omega-3?

Le migliori fonti di EPA e DHA sono pesci d’acqua fredda come salmone, tonno, sardine, acciughe ed aringhe.

Durante la gravidanza è preferibile mangiare il pesce azzurro (guarda l’immagine in basso) ed evitare i pesci predatori molto grandi.

Alici, tombaroli, sardine possono essere integrati nella dieta in gravidanza in modo sicuro e puoi mangiarli fino a tre volte alla settimana.

 

Come Scegliere un Integratore di Olio di Pesce Sicuro

Se non riesci ad ottenere un adeguato apporto di omega-3 con la dieta, potresti valutare il ricorso ad un integratore di olio di pesce, particolarmente ricco di omega-3. Ma bisogna fare attenzione quando si ricorre ad un integratore ed assicurarsi che sia davvero di alta qualità. Ecco alcuni consigli da seguire quando scegli un integratore di omega-3:

  1. Indagare sul processo di produzione: come viene prodotto l’olio di pesce e quali sono gli standard di qualità utilizzati dal produttore?
  2. Odore: l’olio di pesce ha un odore di pesce? La ricerca mostra che gli oli di pesce hanno un odore sgradevole solo quando l’olio ha iniziato a degradarsi e sta diventando rancido. Un integratore di olio di pesce di alta qualità non ha odore di pesce.
  3. Sapore: L’olio di pesce ha un sapore di pesce? Gli oli di pesce più freschi e di alta qualità non dovrebbero avere un sapore di pesce. Evita gli oli di pesce che hanno aggiunto sapori molto forti o artificiali perché probabilmente stanno cercando di nascondere la scarsa qualità dell’olio utilizzato.

Conclusioni

Non sempre è facile assicurarsi un adeguato apporto di Omega-3 nella dieta e può essere altrettanto difficile scegliere un integratore di omega-3 davvero efficace. Per questo motivo può essere molto utile consultare un nutrizionista che potrà dirti se è davvero necessario ricorrere ad integratore di omega-3, valutando diversi fattori come il  tuo BMI e la dieta che segui.

  • Chiedi una consulenza on-line con il nutrizionista

Vuoi collaborare all'articolo?

Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

Diventa uno 'Specialist
Articoli correlati