Questa pagina contiene annunci di servizi o prodotti che riteniamo utili per i nostri lettori. Scopri il nostro processo di selezione

La polisonnografia, nota come studio del sonno, è una componente imprescindibile nella valutazione di diversi disturbi del sonno e distubri respitatori legati al sonno.

Russamento, Apnea Notturna del Sonno e Insonnia sono alcuni tra i problemi più comuni per cui può essere utile sottoporsi alla polisonnografia взять займ на карту 10000.

In questo articolo scopriamo tutte le informazioni utili per questo esame e 3 Centri D’Eccellenza dove poterlo effettuare.

Sommario

  1. Cos’è la polisonnografia?
  2. A cosa serve la polisonnografia?
  3. Come si fa la polisonnografia?
  4. Cosa Registra la Polisonnografia?
  5. Quando è utile fare la polisonnografia?
  6. Quando Non Fare la Polisonnografia?
  7. Dove si fa la polisonnografia?
  8. Come si fa la polisonnografia in un laboratorio del sonno?
  9. Si può fare la polisonnografia a domicilio?
  10. Cos’è il polisonnogramma?
  11. Quanto costa la polisonnografia?
  12. In Conclusione

1. Cos’è la polisonnografia?

La polisonnografia consiste in una registrazione simultanea di diversi parametri fisiologici durante il sonno e la veglia per identificare potenziali disturbi correlati al sonno.

Durante la polisonnografia vengono registrati parametri fisiologici come:

  • la respirazione
  • la frequenza cardiaca
  • i movimenti delle gambe
  • la posizione del corpo
  • il pH esofageo
  • un monitoraggio video e audio delle fasi di sonno

Questi dati possono essere utilizzati per diagnosticare diversi di disturbi del sonno.

2. A cosa serve la polisonnografia?

La polisonnografia viene utilizzata per valutare le anomalie del sonno e/o della veglia e altri disturbi fisiologici che hanno un impatto o sono correlati al sonno e/o alla veglia.

La polisonnografia monitora le fasi e i cicli del sonno per identificare se o quando i tuoi schemi di sonno sono interrotti e le possibili cause sottostanti Pubmed

3. Come si fa la polisonnografia?

Esistono diversi tipi di dispositivi in grado di eseguire la polisonnografia e che utilizzano diverse combinazioni di sensori.

In genere, il polisonnigrafo registra la frequenza respiratoria e il flusso d’aria, nonché i livelli di ossigeno e la frequenza cardiaca.

I parametri chiave sono registrati dall’elettroencefalogramma (EEG), elettro-oculogramma (EOG) ed elettromiogramma (EMG) attraverso elettrodi applicati alla pelle.

I segnali vengono filtrati e amplificati prima di essere memorizzati per poi poter essere visualizzati dal computer.

4. Cosa Registra la Polisonnografia?

Nello specifico, a seconda se la polisonnografia viene eseffettuata nel laboratorio del sonno o a domicilio, possono essere registrati i seguenti parametri:

  • EEG bilaterale frontale, centrale e occipitale
  • Elettromiogramma di superficie del mento e della gamba (EMG)
  • Elettrooculogramma dell’occhio sinistro e destro (EOG)
  • Derivazione dell’elettrocardiogramma (ECG) II
  • Registrazione audio e video del russare, posizione del corpo e altre anomalie
  • Trasduttore di pressione nasale
  • Sensore di flusso termico oronasale
  • Sforzo respiratorio toracico e addominale monitorato più comunemente con cinture di pletismografia induttiva respiratoria (RIP).
  • Saturimetria

5. Quando è utile fare la polisonnografia?

Il medico può raccomandare la polisonnografia se sospetta che tu abbia:

  • Apnea notturna o un altro disturbo respiratorio correlato al sonno. In questa condizione, la respirazione si interrompe e riprende ripetutamente durante il sonno.
  • Disturbo del movimento periodico degli arti. In questo disturbo del sonno, fletti ed estendi involontariamente le gambe mentre dormi. Questa condizione è talvolta associata alla sindrome delle gambe senza riposo.
  • Narcolessia. In questa condizione provi una sonnolenza diurna schiacciante e improvvisi attacchi di sonno.
  • Disturbo del comportamento del sonno REM
  • Comportamenti insoliti durante il sonno. Il medico può eseguire questo test se svolgi attività insolite durante il sonno, come camminare, muoverti molto o movimenti ritmici.
  • Insonnia cronica inspiegabile. Se hai costantemente problemi ad addormentarti o a rimanere addormentato, il medico può raccomandare la polisonnografia.
  • Pazienti con disturbi neuromuscolari e disturbi del sonno
  • Valutazione della risposta alla pressione positiva delle vie aeree (PAP), all’apparecchio orale o alla terapia posizionale
  • Valutazione delle vie aeree superiori per russamento o Apnea Ostruttiva del Sonno prima dell’intervento chirurgico
  • Valutazione della risposta dopo l’intervento chirurgico per  Apnea Ostruttiva del Sonno
  • Verificare la necessità del dispositivo CPAP in coloro che hanno perso peso e ottimizzare le impostazioni terapeutiche in coloro che sono aumentati di peso
  • Diagnosi di epilessia notturna

6. Quando Non è Indicata la Polisonnografia?

La polisonnografia non è indicata nei seguenti casi:

  • Pazienti adeguatamente trattati con dispositivo CPAP (si tratta di un dispositivo che invia un flusso costante di aria pressurizzata nel naso e nella bocca mentre dormi. Ciò mantiene le vie aeree aperte e aiuta il paziente con Apnea Ostruttiva del Sonno a respirare normalmente.)
  • Parasonnie
  • Disturbi convulsivi che sono prominenti durante il giorno
  • Sindrome delle gambe senza riposo
  • Insonnia di natura psicogena e non correlata a disturbi della respirazione
  • Disturbi del ritmo circadiano
  • Altri eventi comuni del sonno come il bruxismo, gli incubi notturni e l’eloquio durante il sonno

7. Dove si fa la polisonnografia?

La polisonnografia può essere eseguita in sede, presso centri specializzati e laboratori del sonno, oppure anche a domicilio attraverso l’impiego di un polisonnigrafo portatile sotto la guida e le indicazioni dello specialista medico.

In Italia, ecco alcuni centri d’eccellenza dove rivolgersi per la polisonnografia:

8. Come si fa la polisonnografia in un laboratorio del sonno?

Se la polisonnografia viene svolta in un laboratorio del sonno, il paziente si dovrà presentare al centro del sonno la sera e riceverà questionari per quantificare la sonnolenza soggettiva percepita con strumenti come la scala Epworth Sleepiness Scale (ESS) o la scala Stanford Sleepiness Scale (SSS).

Viene anche eseguita un’attenta revisione dei farmaci e una calibrazione iniziale dell’apparecchiatura.

Dopo aver completato le calibrazioni, il paziente deve essere lasciato in una stanza fresca, buia e tranquilla per favorire il sonno.

La procedura si conclude la mattina seguente e i pazienti devono essere sufficientemente riposati per guidare se guidano da soli.

Il paziente deve dormire per almeno 2 ore durante la polisonnografia in laboratorio perchè la registrazione sia efficace per essere considerato uno studio valido.

9. Si può fare la polisonnografia a domicilio?

E’ possibile effettuare la polisonnografia a domicilio grazie ad un apposito dispositivo portatile.

Il polisonnigrafo portatile fornisce la comodità di utilizzo in quanto può essere portato a domicilio del paziente e indossato comodamente durante le ore di sonno.

Il polisonnigrafo portatile registra diversi parametri fisiologici e consente al medico di identificare, sulla base della registrazione prodotta e salvata nel computer, precocemente irregolarità del sonno o della respirazione.

10. Cos’è il polisonnogramma?

Il polisonnogramma è il tracciato dei diversi parametri fisiologici registrati dalla polisonnografia.

Questa registrazione viene analizzata dal medico specialista per individuare anomalie relative alle fasi di sonno\veglia e disturbi della respirazione come l’apnea notturna del sonno.

11. Quanto Costa la Polisonnografia?

Il costo della polisonnografia può variare a seconda se l’esame viene svolto in un laboratorio del sonno oppure a domicilio.

La polisonnografia svolta a domicilio in media può avere un costo compreso tra 150 e 300 euro.

La polisonnografia svolta in un laboratorio del sonno può avere un costo variabile a partire da circa 250 euro.

In Conclusione

I disturbi del sonno hanno un impatto significativo sui pazienti sia fisicamente che psicologicamente e, se non diagnosticati o non trattati, sono correlati alla sofferenza in molti pazienti.  La polisonnografia svolge un ruolo cruciale nella valutazione approfondita di molti disturbi del sonno e/o disturbi della respirazione correlati al sonno.

Una diagnosi precoce può prevenire il peggioramento dei sintomi e velocizzare il trattamento.

Dott.ssa Ginevra del Giudice - Pneumologo e Revisore Scientifico dell'Articolo

a dott.ssa Del Giudice è specializzata in Pneumologia e Malattie dell’Apparato Respiratorio. E’ esperta nella valutazione e nella diagnosi di malattie respiratorie. E’ Dirigente Medico presso U.O.C. Pneumologia e Terapia Semintensiva Respiratoria dell’Ospedale Civile San Salvatore di L’Aquila. Lavora come pneumologa presso il Centro Morra di Pomigliano d’Arco (NA). Prenota la tua visita pneumologica con la dott.ssa Del Giudice.

leggi di più

Ginevra Del Giudice - Pneumologo

Fonti

  1. Kushida CA, Littner MR, Morgenthaler T, Alessi CA, Bailey D, Coleman J, Friedman L, Hirshkowitz M, Kapen S, Kramer M, Lee-Chiong T, Loube DL, Owens J, Pancer JP, Wise M. Practice parameters for the indications for polysomnography and related procedures: an update for 2005Sleep. 2005 Apr;28(4):499-521. [PubMed]
  2. DEMENT W, KLEITMAN N. Cyclic variations in EEG during sleep and their relation to eye movements, body motility, and dreamingElectroencephalogr Clin Neurophysiol. 1957 Nov;9(4):673-90.
  3. Guideline fifteen: guidelines for polygraphic assessment of sleep-related disorders (polysomnography). American Electroencephalographic Society. J Clin Neurophysiol. 1994 Jan;11(1):116-24.
  4. Klem GH, Lüders HO, Jasper HH, Elger C. The ten-twenty electrode system of the International Federation. The International Federation of Clinical NeurophysiologyElectroencephalogr Clin Neurophysiol Suppl. 1999;52:3-6.
  5. Recording and scoring leg movements. The Atlas Task Force. Sleep. 1993 Dec;16(8):748-59.
  6. Carry PY, Baconnier P, Eberhard A, Cotte P, Benchetrit G. Evaluation of respiratory inductive plethysmography: accuracy for analysis of respiratory waveformsChest. 1997 Apr;111(4):910-5.
  7. Loube DI, Andrada T, Howard RS. Accuracy of respiratory inductive plethysmography for the diagnosis of upper airway resistance syndrome. Chest. 1999 May;115(5):1333-7.
  8. Johnson PL, Edwards N, Burgess KR, Sullivan CE. Detection of increased upper airway resistance during overnight polysomnographySleep. 2005 Jan;28(1):85-90.
  9. Littner M, Hirshkowitz M, Kramer M, Kapen S, Anderson WM, Bailey D, Berry RB, Davila D, Johnson S, Kushida C, Loube DI, Wise M, Woodson BT., American Academy of Sleep Medicine. Standards of Practice Committe. Practice parameters for using polysomnography to evaluate insomnia: an update. Sleep. 2003 Sep;26(6):754-60.