Questa pagina contiene annunci di servizi o prodotti che riteniamo utili per i nostri lettori. Scopri il nostro processo di selezione

Se hai dolore nell’area sotto l’ombelico e sopra le gambe, questo è noto come dolore pelvico. La zona pelvica è un’area che ospita l’intestino, la vescica, le ovaie, l’utero, i reni ed altro ancora.

Ecco perché quando hai dolore pelvico, è importante conoscere le differenze tra le cause comuni, sapere cosa è normale e cosa non lo è e quando dovresti cercare aiuto.

Sommario

  • A. Le Cause
  • B. Cause legate al sistema riproduttivo femminile
  • C. Cause legate al sistema riproduttivo maschile
  • D. Cause legate al sistema gastrointestinale
  • E. Cause legate al sistema muscolo scheletrico
  • F. Cause legate alle vie urinarie
  • G. Altre Cause
  • H. Quando vedere un operatore sanitario

 

Il dolore pelvico è spesso descritto come un dolore sordo o una pressione che può includere o meno dolori acuti situati in qualsiasi punto dell’addome sotto l’ombelico. Il dolore può essere intermittente o costante e può essere accompagnato da altri sintomi, come sanguinamento o secrezione vaginale anormale e dolore lombare.

A. Le Cause

Il dolore pelvico cronico è una condizione complessa che può avere molteplici cause. A volte, un singolo disturbo può essere identificato come causa.

In altri casi, invece, il dolore può essere il risultato di diverse condizioni mediche. Ad esempio, una donna potrebbe avere endometriosi e cistite interstiziale, che contribuiscono entrambe al dolore pelvico cronico.

B. Cause legate al sistema riproduttivo femminile

Molte condizioni diverse che colpiscono il sistema riproduttivo femminile possono causare dolore pelvico, tra cui:

1. Gravidanza ectopica

Un embrione si impianta nella tuba di Falloppio invece che nell’utero, causando spesso sanguinamento vaginale. La rottura della tuba di Falloppio è un’emergenza pericolosa per la vita che può causare dolore intenso, calo della pressione sanguigna, svenimento e shock .

Emergenza: Rottura tuba di Falloppio Tel.118

2. Dismenorrea

Il dolore mestruale o ‘dismenorrea’ può essere primario o secondario. La dismenorrea primaria esordisce classicamente all’inizio del ciclo mestruale ovulatorio e tende a diminuire successivamente al parto. La dismenorrea secondaria suggerisce lo sviluppo di un processo patologico, come l’endometriosi, l’adenomiosi o l’infezione pelvica, che devono essere escluse.

3. Endometriosi

Il tessuto che si trova normalmente nel rivestimento dell’utero cresce sulle ovaie, sulle tube di Falloppio o sull’intestino, causando dolore pelvico durante le mestruazioni e il sesso, e talvolta durante la minzione o i movimenti intestinali. È più comune nelle donne di età compresa tra 25 e 40 anni e può essere una delle principali fonti di dolore pelvico cronico.

4. Malattia infiammatoria pelvica

Infezione a carico dell’apparato genitale femminile causata dalla risalita di batteri dalla vagina agli organi interni quali utero, ovaie, tube di Falloppio, peritoneo. Tipicamente cusata da infezioni a trasmissione sessuale come la gonorrea o la clamidia (PubMedDas BB, Ronda J, Trent M. Malattia infiammatoria pelvica: migliorare la consapevolezza, la prevenzione e il trattamento. Infettare la resistenza ai farmaci. 2016;9:191-7. doi:10.2147/IDR.S91260).

Il dolore pelvico può peggiorare durante il sesso. Possono svilupparsi ascessi che causano forte dolore pelvico e febbre.

5. Fibromi Uterini

I tumori pelvici benigni nell’utero possono causare periodi pesanti e/o lunghi e disagio pelvico che è spesso descritto come una pressione o dolore sordo (PubMed). Raramente causano dolore acuto.

6. Torsione ovarica

I legamenti che tengono in posizione l’ovaio ruotano e si torcono, interrompendo l’afflusso di sangue all’ovaio e causando dolore pelvico improvviso e grave che può essere acuto, opaco o crampiforme e si irradia alla parte bassa della schiena o all’inguine. Può anche causare febbre di basso grado, nausea e vomito(PubMed).

Emergenza: Torsione Ovarica Tel.118

7. Neoplasie ginecologiche

La diffusione della neoplasia ginecologica della cervice uterina, del corpo uterino o dell’ovaio causerà dolore pelvico dipendente dal sito di diffusione.

  • Cancro ovarico : a differenza di altri tumori ginecologici, il dolore pelvico può essere un segno precoce di cancro ovarico 9 insieme a sintomi quali gonfiore, lombalgia e alterazioni gastrointestinali come la stitichezza.
  • Cancro dell’endometrio : il dolore pelvico può manifestarsi più tardi. Questo cancro è anche associato a sanguinamento vaginale anormale , come sanguinamento dopo la menopausa o spotting tra i periodi(PubMed).
  • Cancro cervicale : il sanguinamento vaginale anormale, compreso il sanguinamento dopo il sesso, può essere un sintomo di cancro cervicale, con dolore pelvico che inizia più tardi.

8. Prolasso dell’organo pelvico

questa condizione è spesso asintomatica, a meno che non sia così marcato da causare affaticamento della schiena, dolore vaginale ed escoriazione cutanea. In un sottogruppo di questi pazienti, può verificarsi dolore cronico (PubMedHay-Smith, E.J. Therapeutic ultrasound for postpartum perineal pain and dyspareunia. Cochrane Database Syst Rev, 2000: CD000495)

9. Residuo ovarico

A volte, quando hai un intervento chirurgico per rimuovere le ovaie, una piccola parte di un’ovaia viene lasciata indietro. Se ciò accade, il pezzo rimanente può ottenere cisti che possono essere dolorose.

10. Sindrome da Congestione Pelvica

Alcuni medici ritengono che le vene ingrossate di tipo varicoso intorno all’utero e alle ovaie possano causare dolore pelvico. Tuttavia, altri medici sono molto meno sicuri che la sindrome da congestione pelvica sia una causa di dolore pelvico perché la maggior parte delle donne con vene ingrossate nella pelvi non hanno dolore associato.

11. Vulvodinia

La vulvodinia (pronunciato vul-vo-din-ia) è una condizione in cui c’è dolore, disagio o una sensazione di bruciore nella vulva che non può essere collegata a una causa specifica. Il dolore associato alla vulvodinia può o meno essere innescato dal tatto, può essere sentito in un’area della vulva o nell’intera area.

La vulvodinia è una condizione cronica che può durare mesi o anni. Per alcune donne, il dolore può essere così forte che usare i tamponi, fare sesso o anche sedersi per lunghi periodi è molto difficile o impossibile.

C. Cause legate al sistema riproduttivo maschile

Le cause del dolore pelvico negli uomini legate al sistema riproduttivo provengono principalmente dalla prostata, che è una piccola ghiandola che crea il liquido seminale.

11. Prostatite

L’infiammazione provoca gonfiore della prostata e talvolta delle aree circostanti, portando a dolore pelvico e minzione dolorosa o difficile.

12. Cancro alla prostata

Il dolore pelvico è raro fino a quando il cancro non è avanzato. Il dolore precoce può essere dovuto alla diffusione del cancro alle ossa.

D. Cause legate al sistema gastrointestinale

Diverse condizioni che colpiscono l’intestino, in particolare l’intestino crasso (colon), possono causare dolore addominale inferiore che può sembrare come se si trovasse nel bacino.

13. Sindrome dell’Intestino Irritabile

I sintomi associati alla sindrome dell’intestino irritabile – gonfiore, stitichezza o diarrea – possono essere fonte di dolore pelvico crampiforme e pressione che può essere aggravato dallo stress o dall’alimentazione.

Leggi l’articolo sull’alimentazione in caso di Intestino Irritabile

14. Appendicite

L’ infiammazione nell’appendice produce un dolore improvviso vicino all’ombelico che si sposta nella parte inferiore destra dell’addome (motivo per cui potrebbe essere scambiato per dolore pelvico). Altri sintomi includono perdita di appetito, febbre, vomito e dolore durante il movimento.

Emergenza: Appendicite Tel.118

15. Diverticolite

Infezione o infiammazione che si sviluppa nella parete dell’intestino crasso.

E. Cause legate al sistema muscolo scheletrico

Il bacino è una struttura ossea complessa che consiste di molti muscoli, legamenti e tendini. Con così tanti elementi arriva il potenziale per diversi problemi muscoloscheletrici che possono causare dolore pelvico. Ecco due esempi:

16. Dolore miofasciale

I muscoli pelvici non si rilassano e non si contraggono in modo appropriato, causando una forma di mialgia  oltre a problemi con la funzione sessuale, la minzione e il movimento intestinale.

17. Sindrome del dolore della cresta iliaca

Il dolore lungo la parte curva superiore dell’ileo (l’osso più grande del bacino) può verificarsi a causa di muscoli deboli della schiena, dell’anca e dell’addome o da tendini e legamenti infiammati nell’area(PubMedCollée G, Dijkmans BA, Vandenbroucke JP, Cats A. Iliac crest pain syndrome in low back pain: frequency and features. J Rheumatol. 1991 Jul;18(7):1064-7. PMID: 1833544.).

18. Altri problemi muscoloscheletrici

Alcune condizioni che colpiscono il sistema muscoloscheletrico – come la fibromialgia, la tensione muscolare del pavimento pelvico, l’infiammazione dell’articolazione pubica (sinfisi pubica) o l’ernia – possono portare a dolore pelvico ricorrente.

F. Cause legate alle vie urinarie

Le due fonti più probabili di dolore pelvico all’interno del sistema delle vie urinarie sono i calcoli renali e le infezioni.

19. Calcoli renali

I minerali nelle urine si accumulano e formano cristalli. Se un calcolo è tanto grande da rimanere bloccato nel sistema delle vie urinarie, potrebbe causare un forte dolore, ed eventualmente anche sangue nelle urine, nausea e vomito(NatureKhan SR, Pearle MS, Robertson WG, et al. Calcoli renali . Primer Nat Rev Dis . 2016;2:16008. doi:10.1038/nrdp.2016.8).

20. Infezione del tratto urinario

I sintomi includono dolore alla vescica insieme alla frequenza urinaria, dolore bruciante durante la minzione, voglia di urinare e sangue nelle urine.

21. Cistite interstiziale

Questa condizione è associata a dolore ricorrente alla vescica e ad un frequente bisogno di urinare. La cistite è un’infiammazione acuta, subacuta o cronica della vescica in genere associata a un’infezione batterica. Meno spesso dovuta all’assunzione di farmaci o molecole irritanti come prodotti per l’igiene intima o gel spermicidi.

G. Altre cause aggravanti

  • Fattori psicologici: Ansia, depressione, lo stress cronico o una storia di abusi sessuali o fisici possono aumentare il rischio di dolore pelvico cronico. La catastrofizzazione del dolore ne peggiora la percezione alimentando così un circolo vizioso.
  • Fattori genetici: Si ritiene che l’aumentata vulnerabilità può essere dovuta all’aumento dell’espressione del gene dell’ormone di rilascio della corticotropina (CRH). La letteratura scientifica ha anche determinato una serie di mutazioni genetiche che possono spiegare il dolore in certi casi, la ricerca sta volgendo i propri sforzi in questa direzione.
  • Radioterapia: Il trattamento con radiazioni per il cancro può danneggiare cellule e tessuti sani. Quel danno può portare a tessuto cicatriziale che può portare dolore.
  • Abusi sessuali: Diversi studi riportano alti tassi di abusi sessuali infantili negli adulti con dolore persistente(PubMedLampe A, Sölder E, Ennemoser A, Schubert C, Rumpold G, Söllner W. Chronic pelvic pain and previous sexual abuse. Obstet Gynecol. 2000 Dec;96(6):929-33. doi: 10.1016/s0029-7844(00)01072-3. PMID: 11084180.).
  • Traumi: Una percentuale di pazienti è in grado di correlare l’inizio del dolore a un evento acuto come chirurgia, sepsi
    o traumi e, occasionalmente, l’uso della bicicletta per un periodo prolungato (LGEAU2018Linee Guida EAU del Dolore Pelvico Cronico)
  • Emorroidi: il dolore pelvico cronico è raro nella malattia emorroidaria poiché il trattamento endoscopico e chirurgico è
    per lo più efficace nella malattia acuta.
  • Ragade anale: sono lacerazioni nel canale anale distale che inducono dolore durante e dopo la defecazione. Il dolore può durare da alcuni minuti a ore. La cronicità è definita dalla persistenza dei sintomi oltre le sei settimane o dalle fibre dello sfintere anale trasversale visibili.
  • Danni al sistema nervoso: dovuti spesso a nevralgia del pudendo,  in altri casi a fratture del sacro, tumori, traumi.

H. Quando vedere un operatore sanitario

Se avverti dolore pelvico persistente o a lungo termine, dovresti essere valutato da un medico esperto in dolore pelvico in modo da poter ricevere una diagnosi e un trattamento adeguato. Molte cause di dolore pelvico possono diventare gravi se non trattate.

Approccio Multidisciplinare —

Questa condizione è gestita al meglio utilizzando un approccio multidisciplinare. La gestione richiede una buona integrazione e conoscenza dell’apparato pelvico, muscoloscheletrico e neurologico.

Gli specialisti di partenza sono il ginecologo e/o l’urologo, ai quali si affiancano poi una serie di altri professionisti della salute:

  • ginecologo
  • urologo
  • gastroenterologo
  • terapista del dolore per una migliore gestione del sintomo
  • fisioterapista per esercizi specifici contro il dolore pelvico
  • psicoterapeuta per affrontare le conseguenze psicologiche del dolore cronico
  • Prenota una visita ginecologica per il dolore pelvico cronico su Specialista.in

Dismenorrea —

Per le donne che hanno le mestruazioni, è importante notare che i crampi lievi e il dolore associati al ciclo sono normali e non richiedono cure mediche a meno che non si presentino alti livelli di dolore (una condizione chiamata dismenorrea )

Urgenze —

Se si verifica un dolore pelvico improvviso e grave, rivolgersi immediatamente a un medico. Tre possibili cause sono appendicite, gravidanza extrauterina e torsione ovarica, tutte emergenze pericolose per la vita che richiedono un intervento chirurgico immediato.

Emergenza: Tel.118

Conclusioni

L’esperienza del dolore pelvico è fisicamente ed emotivamente dolorosa e, con tutte le potenziali cause, potresti temere che sia qualcosa di serio.

Rivolgiti al tuo medico, fornisci loro quante più informazioni possibili sul tuo dolore e aspettati che eseguano una serie di test per capire cosa lo sta causando.

[Icon name=Book-reader] Leggi l’articolo sulla diagnosi e trattamento del dolore pelvico cronico

E ricorda che un dolore pelvico improvviso e grave giustifica un viaggio al pronto soccorso.

Se ti senti come se non fossi ascoltato dal tuo attuale medico o operatore sanitario, non aver paura di chiedere un secondo parere.

Fonti

  1. Das BB, Ronda J, Trent M. Malattia infiammatoria pelvica: migliorare la consapevolezza, la prevenzione e il trattamento. Infettare la resistenza ai farmaci. 2016;9:191-7. doi:10.2147/IDR.S91260
  2. Williams ARW. Fibromi uterini: cosa c’è di nuovo? F1000 Ris . 2017;6:2109. doi:10.12688/f1000research.12172.1
  3. Huang C, Hong MK, Ding DC. Una revisione della torsione dell’ovaio. Ci Ji Yi Xue Za Zhi. 2017;29(3):143-147. doi:10.4103/tcmj.tcmj_55_17
  4. Pakish JB, Lu KH, Sun CC, et al. Sintomi associati al cancro dell’endometrio: uno studio caso-controllo. J Salute delle donne (Larchmt) . 2016;25(11):1187-1192. doi:10.1089/jwh.2015.5657
  5. Hay-Smith, E.J. Therapeutic ultrasound for postpartum perineal pain and dyspareunia. Cochrane Database Syst Rev, 2000: CD000495
  6. Collée G, Dijkmans BA, Vandenbroucke JP, Cats A. Iliac crest pain syndrome in low back pain: frequency and features. J Rheumatol. 1991 Jul;18(7):1064-7. PMID: 1833544
  7. Khan SR, Pearle MS, Robertson WG, et al. Calcoli renali . Primer Nat Rev Dis . 2016;2:16008. doi:10.1038/nrdp.2016.8
  8. Lampe A, Sölder E, Ennemoser A, Schubert C, Rumpold G, Söllner W. Chronic pelvic pain and previous sexual abuse. Obstet Gyneco
  9. Linee Guida EAU del Dolore Pelvico Cronic