Facebook pixel

Zuccheri in gravidanza: la correlazione tra autismo e diabete gestazionale

Zuccheri in gravidanza: la correlazione tra autismo e diabete gestazionale

Voglia di dolci in gravidanza? Conviene fare attenzione!

Se aspetti un bambino, è importante capire in che modo un eccessivo consumo di zuccheri può influenzare la salute del nascituro.

Non ce lo dimentichiamo, il feto dipende completamente dai nutrienti forniti dalla madre, per cui un’alimentazione corretta in gravidanza è cruciale per una crescita e uno sviluppo sani.

Mangiare troppi zuccheri farà male al bambino?

La letteratura suggerisce che un maggiore consumo di zuccheri il rischio di sviluppare il diabete gestazionale e può portare a diverse complicazioni come la preeclampsia e il parto pretermine.

Il consumo di bevande gassose zuccherate durante la gravidanza è stato associato ad un minore sviluppo cognitivo nel bambino, con conseguenti ridotte capacità intellettive, di problem solving e una scarsa memoria verbale ebm.

E sebbene la soda dietetica possa sembrare un’alternativa più accettabile, i ricercatori hanno scoperto che il consumo di bevande dolcificate artificialmente durante la gravidanza era associato a capacità motorie e visive più scarse nella prima infanzia.

Oltre al contenuto di zucchero, è importante monitorare il carico glicemico complessivo presente nella dieta della futura mamma. Un carico glicemico troppo alto è stato collegato ad un maggiore rischio di obesità nel bambino.

Quanti zuccheri mangiare in sicurezza in gravidanza?

zuccheri in gravidanza

Meno è meglio!

In pratica? Bisogna scartare tutti quegli alimenti il cui primo ingrediente è lo zucchero, o comunque quando la percentuale di questo sul peso totale è predominante.

Considerate che gli zuccheri che ingeriamo sono essenzialmente quelli nascosti negli alimenti industriali, bevande, aperitivi, biscotti, taralli, grissini, cioccolato, bevande vegetali, etc., per cui potresti aumentare il tuo consumo di zuccheri senza neanche accorgertene.

In generale è opportuno dare la preferenza agli amidi (pane, pasta, patate, cereali) rispetto agli zuccheri semplici (zucchero, dolci).

Attenzione. Nel leggere la tabella nutrizionale ricordate che ciascuno di questi ingredienti è uno zucchero: sciroppo di glucosio-fruttosio, miele, succo di mela da concentrato, sciroppo di riso (anche riso Venere!), sciroppo d’acero, saccarosio, fruttosio, destrosio, zucchero d’uva, succo d’agave, malto, zucchero integrale… e non importa se lo abbiamo acquistato al negozio di Equo e Solidale, hanno sempre gli stessi rischi per l’organismo.

Quanti dolcificanti mangiare in sicurezza in gravidanza?

É molto importante distinguere tra gli zuccheri aggiunti e quelli che troviamo naturalmente presenti in alcuni cibi, soprattutto la frutta e la verdura. Negli alimenti salutari, la presenza degli zuccheri naturali non costituisce un problema, dato che contengono anche una buona quantità di acqua, fibre e svariati micronutrienti benefici per la salute.

Al contrario, gli zuccheri artificialmente aggiunti possono essere molto dannosi. Il più noto tra gli zuccheri aggiunti è il saccarosio (il classico zucchero raffinato) o lo sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio.

Ti consigliamo di evitare l’uso di dolcificanti artificali durante la gravidanza.

Consumo eccessivo di zuccheri in gravidanza: quali rischi?

zuccheri in gravidanza e autismo

1 °Rischio: Ingrassare troppo durante la gravidanza

Il primo rischio associato ad un eccessivo consumo di zuccheri riguarda un aumento spropositato del peso gestazionale

É stato visto come le donne che consumano due o più porzioni di dolci al giorno (come cioccolatini, caramelle, dolci gommosi e gelatina) aumentano il loro peso gestazionale di 5,5 kg in più rispetto alle donne che  consumano dolci meno di una volta alla settimana ebm.

Oggi sappiamo che un aumento di peso eccessivo durante la gravidanza, può aumentare il rischio di parto cesareo e complicanze come la macrosomia fetale.

2 °Rischio: Maggiore Probabilità di Diabete Gestazionale

Il consumo di zuccheri in gravidanza aumenta anche la probabilità di sviluppare il diabete gestazionale. 

In uno studio, il consumo di 5 cola drink zuccherati alla settimana aumentava il rischio di diabete gestazionale del 22% ebm.

3 °Rischio: Infiammazione Cronica

Inoltre, un aumento del consumo di zucchero in gravidanza è associato ad un aumento delle concentrazioni  di citochine-proinfiammatorie, in particolare nelle donne con ridotta tolleranza al glucosio. Il consumo di zuccheri comporta, quindi, uno stato di infiammazione cronica, che può avere deleteri effetti sulla salute cognitiva e fisica del futuro bambino.

4 °Rischio: Obesità Infantile

Una varietà di studi ha dimostrato che mangiare troppi zuccheri in gravidanza può aumenta il rischio di obesità infantile nel bambino.

Studi sugli animali hanno anche dimostrato che un aumento dell’assunzione di fruttosio durante la gravidanza aumenta il rischio di steatosi epatica nella madre (più comunemente nota come malattia del fegato grasso), insulino-resistenza, così come ipertensione e preeclampsia.

Correlazione tra Autismo e diabete gestazionale

zuccheri in gravidanza-rischi

Diversi studi sembrano suggerire un’associazione tra un elevato consumo di zuccheri in gravidanza e un maggiore rischio che il bambino possa sviluppare un Disturbo dello Spettro Autistico ebm.

Tutti i Disturbi dello Spettro Autistico comportano difficoltà nell’interazione sociale e nella condivisione di pensieri ed emozioni e possono essere associati ad una compromissione delle capacità linguistiche e/o cognitive.

Secondo la revisione sistematica di studi sull’argomento sono state individuate alcune spiegazioni per questa spiacevole correlazione tra austimo ed elevato consumo di zuccheri in gravidanza:

  • Una dieta troppo ricca di zuccheri può portare all’iperglicemia, un fenomeno che in gravidanza comporta un maggiore rischio di ipossia nel feto (insufficiente apporto di ossigeno). Ciò può compromettere lo sviluppo neurologico e, di conseguenza, espone il bambino deviazioni del normale processo di sviluppo (Burstyn et al. 2011; Kolevzon et al. 2007);
  • Secondo, l’iperglicemia materna è stata associata ad un aumento della produzione di radicali liberi e ad una conseguente esposizione del bambino a maggiore stress ossidativo nel sangue cordonale e nel tessuto placentare (Biri et al. 2006; Chen e Scholl 2005). L’associazione positiva tra stress ossidativo e Disturbi dello Spettro Autistico nei bambini sono stati riportati in diversi studi (Chauhan et al. 2004; Ming et al. 2005; Yao et al. 2006) ebm;
  • In terzo luogo, l’eccessiva adiposità che accompagna comunemente il diabete comporta processi di infiammazione cronica, un altro potenziale responsabile delle alterazioni cognitive e neurologiche associate a Disturbi dello Spettro Autistico (Onore et al. 2012).

Evitare Troppi Zuccheri in Gravidanza: I Consigli di Seguire

  • Segui una dieta variegata: le basi per una sana dieta in gravidanza sono simili alla tua dieta pre-gravidanza – un mix equilibrato di proteine ​​magre e calcio, cereali integrali, un arcobaleno di frutta e verdura e grassi sani (con di solito un po’ di più calorie e nutrienti per nutrire il bambino);
  • Soddisfa le voglie zuccherate con un’alternativa salutare: evita dolci e biscotti e prova a cercare della frutta fresca (come i mango, che sono pieni zeppi di vitamine A e C);
  • Evita le bevande zuccherate, succhi di frutta e i cibi confezionati: e se proprio hai voglia di succo, cerca quello “100% naturale”, i succhi che non lo sono, contengono quasi sempre tonnellate di zucchero e dolcificanti aggiunti.

Il Verdetto Finale

Può essere difficile seguire una dieta in gravidanza ben equilibrata, che assicuri il miglior sviluppo del bambino e protegga anche la salute della neo-mamma. Se non sai cosa mangiare durante la gravidanza, rivolgiti ad un esperto che saprà consigliarti sui migliori e i peggiori cibi da consumare in gravidanza.

  • Chiedi il parere di un nutrizionista online

Se ti accorgi di avere difficoltà a rinunciare a “voglie di cibo” poco salutari o non riesci ad evitare di mangiare troppo oppure la tua gravidanza è accompagnata da emozioni e stati negativi come stress, ansia o scarsa fiducia in sè, puoi rivolgerti ad uno psicologo, che potrà aiutarti a vivere questo periodo, unico nel suo genere, con maggiore serenità.

  • Prenota un appuntamento con uno psicoterapeuta

 

Vuoi collaborare all'articolo?

Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

Diventa uno 'Specialist
Articoli correlati